Passa ai contenuti principali

Trani Teatro Clown. L'Intervista al direttore artistico Santo Nicito.

 


E' stata una prima edizione di grande successo quella del Trani Teatro Clown Festival Internazionale che dal 6 all'11 luglio ha rallegrato la città di Trani con spettacoli, incontri, laboratori e workshop tutti incentrati sulla figura del Clown.

Tantissimi i partecipanti per un'edizione che ha rappresentato solo l'inizio di una nuova avventura che continuerà anche d'inverno nella bellissima città pugliese. Abbiamo intervistato Santo Nicito direttore artistico della Rassegna.

 

 

 E' terminato da poco il Trani Teatro Clown qual è il bilancio di questa esperienza?

Assolutamente positiva! I numeri sono dalla nostra parte, questo dimostra che l’offerta messa in campo ha  suscitato curiosità e interesse. Questa prima edizione del Trani Teatro Clown Festival Internazionale è stata la realizzazione di un sogno. Un vero miracolo! Abbiamo gettato le basi per quello che già da settembre, per la seconda edizione, speriamo e vogliamo sia un progetto molto più strutturato. L’idea è quella, sicuramente, di innescare un nuovo modo di pensare e vivere il teatro in una delle cittadine più incantevoli della Regione Puglia.

 

 Qual è stato il supporto del Comune di Trani?

La Città di Trani oltre che patrocinare l’evento ha messo a disposizione del festival due location importanti: l’anfiteatro e lo chalet della splendida villa comunale all’interno delle quali si sono svolti i workshop dedicati a bambini e adulti e gli spettacoli di teatro clown. Il Sindaco e i suoi collaboratori hanno presenziato a molte delle attività, lodando il valore artistico, culturale e sociale dell’iniziativa e impegnandosi, durante la premiazione per il miglior spettacolo a chiusura della sei giorni, a sostenere ancor di più  anche per l’edizione 2022 il Trani Teatro Clown Festival Internazionale.

 

Molti gli incontri dedicati alla figura del clown. Cosa ne è emerso?

Il Trani Teatro Clown Festival Internazionale con la sua intensa programmazione incentrata sul clown,personaggio tout public, ha fatto emergere quanto ci sia bisogno di parlare di questa importante figura artistica e non solo. L’immagine che gira intorno al clown è molto spesso “sminuita” all’animazione e si ha una visione offuscata, non del tutto aderente alla vera essenza di questa figura.  Il seminario, i workshop, gli spettacoli hanno raccontato, appunto, l’essenza e gli ambiti nei quali il clown può intervenire divenendo importante megafonoartistico, supporto in ambito umano, socio sanitario, ospedaliero e in situazione di disagio. E ancora, quanto attraverso le diverse drammaturgie, questa forma di teatro possa parlare di qualsiasi tema accompagnando il pubblico di ogni età a vivere attraverso il gioco del teatro la vita. Il clown racconta la vita e lo fa nel modo più semplice e codificabile. Abbiamo voluto dare, donare la vera natura del clown attraverso il quale esorcizzare la nostra impotenza, destrutturare le brutture umane, trasformare le debolezze, i limiti, le  contraddizioni, regalare poesia. Il clown non recita, non imita, da sempre è stato un personaggio del e per il popolo. Di certo abbiamo ancora tanto da raccontare e il Trani Teatro Clown Festival Internazionale ci ha dato la misura di quanto la gente voglia ancora conoscere, ascoltare e vivere l’unicità di questo personaggio, di questa forma di teatro e di vita.

 

Se potesse tornare indietro cambierebbe qualcosa?

Non cambierei assolutamente nulla! Tutto quello accaduto ha dato forma a questa prima edizione. Ci ha mostrato su cosa dobbiamo lavorare e soprattutto quanto potenziale abbiamo. Abbiamo toccato con mano quanta fame di socialità, cultura e arte ci sia. Naturalmente il mondo degli eventi no non dorme mai. Dopo una settimana dalla chiusura del TTC che si siamo presi per elaborare quanto fatto e recuperare energie siamo già impegnati  alla stesura della programmazione delle iniziative da mettere in campo durante i mesi di avvicinamento alla seconda edizione. Infatti, da ottobre ad aprile  promuoveremo diverse iniziative, rivolte alla gente e agli addetti ai lavori, alle quali vi invitiamo calorosamente a partecipare. Costruiremo un’Edizione che investa Trani e il suo hinterland. Un’altra importante scommessa da vincere. Noi ci saremo e siamo certi che ci sarete anche voi.

 


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol