Passa ai contenuti principali

Trani Teatro Clown. L'Intervista al direttore artistico Santo Nicito.

 


E' stata una prima edizione di grande successo quella del Trani Teatro Clown Festival Internazionale che dal 6 all'11 luglio ha rallegrato la città di Trani con spettacoli, incontri, laboratori e workshop tutti incentrati sulla figura del Clown.

Tantissimi i partecipanti per un'edizione che ha rappresentato solo l'inizio di una nuova avventura che continuerà anche d'inverno nella bellissima città pugliese. Abbiamo intervistato Santo Nicito direttore artistico della Rassegna.

 

 

 E' terminato da poco il Trani Teatro Clown qual è il bilancio di questa esperienza?

Assolutamente positiva! I numeri sono dalla nostra parte, questo dimostra che l’offerta messa in campo ha  suscitato curiosità e interesse. Questa prima edizione del Trani Teatro Clown Festival Internazionale è stata la realizzazione di un sogno. Un vero miracolo! Abbiamo gettato le basi per quello che già da settembre, per la seconda edizione, speriamo e vogliamo sia un progetto molto più strutturato. L’idea è quella, sicuramente, di innescare un nuovo modo di pensare e vivere il teatro in una delle cittadine più incantevoli della Regione Puglia.

 

 Qual è stato il supporto del Comune di Trani?

La Città di Trani oltre che patrocinare l’evento ha messo a disposizione del festival due location importanti: l’anfiteatro e lo chalet della splendida villa comunale all’interno delle quali si sono svolti i workshop dedicati a bambini e adulti e gli spettacoli di teatro clown. Il Sindaco e i suoi collaboratori hanno presenziato a molte delle attività, lodando il valore artistico, culturale e sociale dell’iniziativa e impegnandosi, durante la premiazione per il miglior spettacolo a chiusura della sei giorni, a sostenere ancor di più  anche per l’edizione 2022 il Trani Teatro Clown Festival Internazionale.

 

Molti gli incontri dedicati alla figura del clown. Cosa ne è emerso?

Il Trani Teatro Clown Festival Internazionale con la sua intensa programmazione incentrata sul clown,personaggio tout public, ha fatto emergere quanto ci sia bisogno di parlare di questa importante figura artistica e non solo. L’immagine che gira intorno al clown è molto spesso “sminuita” all’animazione e si ha una visione offuscata, non del tutto aderente alla vera essenza di questa figura.  Il seminario, i workshop, gli spettacoli hanno raccontato, appunto, l’essenza e gli ambiti nei quali il clown può intervenire divenendo importante megafonoartistico, supporto in ambito umano, socio sanitario, ospedaliero e in situazione di disagio. E ancora, quanto attraverso le diverse drammaturgie, questa forma di teatro possa parlare di qualsiasi tema accompagnando il pubblico di ogni età a vivere attraverso il gioco del teatro la vita. Il clown racconta la vita e lo fa nel modo più semplice e codificabile. Abbiamo voluto dare, donare la vera natura del clown attraverso il quale esorcizzare la nostra impotenza, destrutturare le brutture umane, trasformare le debolezze, i limiti, le  contraddizioni, regalare poesia. Il clown non recita, non imita, da sempre è stato un personaggio del e per il popolo. Di certo abbiamo ancora tanto da raccontare e il Trani Teatro Clown Festival Internazionale ci ha dato la misura di quanto la gente voglia ancora conoscere, ascoltare e vivere l’unicità di questo personaggio, di questa forma di teatro e di vita.

 

Se potesse tornare indietro cambierebbe qualcosa?

Non cambierei assolutamente nulla! Tutto quello accaduto ha dato forma a questa prima edizione. Ci ha mostrato su cosa dobbiamo lavorare e soprattutto quanto potenziale abbiamo. Abbiamo toccato con mano quanta fame di socialità, cultura e arte ci sia. Naturalmente il mondo degli eventi no non dorme mai. Dopo una settimana dalla chiusura del TTC che si siamo presi per elaborare quanto fatto e recuperare energie siamo già impegnati  alla stesura della programmazione delle iniziative da mettere in campo durante i mesi di avvicinamento alla seconda edizione. Infatti, da ottobre ad aprile  promuoveremo diverse iniziative, rivolte alla gente e agli addetti ai lavori, alle quali vi invitiamo calorosamente a partecipare. Costruiremo un’Edizione che investa Trani e il suo hinterland. Un’altra importante scommessa da vincere. Noi ci saremo e siamo certi che ci sarete anche voi.

 


Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide