Passa ai contenuti principali

PROGRAMMATO IL PRIMO INTERVENTO CHIRURGICO ACCOMPAGNATO DA UN PIANOFORTE ACUSTICO INTONATO A 432Hz

 


Può la musica favorire la chirurgia?

PROGRAMMATO IL PRIMO INTERVENTO CHIRURGICO ACCOMPAGNATO DA UN PIANOFORTE ACUSTICO INTONATO A 432Hz

Dr. Roberto Trignani, Responsabile del Reparto di Neurochirurgia degli Ospedali Riuniti di Ancona, eseguirà il 16 novembre 2020 il primo intervento accompagnato dalla musica di Emiliano Toso, biologo molecolare e musicista compositore

 

 Negli ultimi anni si sta delineando un panorama del tutto nuovo nell'ambito della medicina sperimentale che si focalizza sugli effetti delle onde acustiche in Biologia e nelle Neuroscienze e rivaluta il ruolo terapeutico da sempre riconosciuto alla musica. 

L'utilizzo della musica a scopo terapeutico risale a tempi antichissimi ma solamente negli ultimi 30 anni, anche grazie all'emergere delle nozioni della fisica quantistica, le neuroscienze l'hanno adottata come possibile presidio terapeutico e preventivo.

Sulla base di queste premesse si è voluto valutare su alcuni pazienti pediatrici i possibili effetti terapeutici delle composizioni musicali del pianista Emiliano Toso, biologo molecolare che compone musica ​acustica ​accordata a 432 Hz.

La musica di Emiliano Toso – Translational Music – è già utilizzata in tutto il mondo da medici, ostetriche, operatori della salute, psicologi, insegnanti e ricercatori anche su soggetti affetti da patologie cronico-degenerative. << Translational Music - spiega lo scienziato artista Emiliano Toso - è la modalità per tradurre emozioni vissute a livello profondo, cellulare, in un piano più alto, quella della musica. Per tutta la vita ho cercato di unire l’arte e la scienza attraverso il linguaggio Universale della musica e tra poco sarà lanciato il cortometraggio Water life che parla e celebra la vita attraverso la bellezza e l’arte e sono profondamente grato al dr. Roberto Trignani per questo importante progetto che aprirà sicuramente nuovi paradigmi di unione tra arte e scienza.>>

Così il 16 Novembre presso la sala operatoria dell'Ospedale pediatrico "Salesi" di Ancona è stato programmato un intervento neurochirurgico di asportazione di un duplice tumore del midollo spinale in un bambino di 10 anni.

L'intervento verrà eseguito da un'equipe multidisciplinare guidata dal Dr. Roberto Trignani, Responsabile del Reparto di Neurochirurgia degli Ospedali Riuniti di Ancona. Durante l'intera procedura Emiliano Toso eseguirà le sue composizioni musicali con un pianoforte a coda intonato a 432Hz collocato all'interno della sala operatoria.

Allo stesso tempo la componente anestesiologica ed oncologica dell'equipe registrerà parametri funzionali e doserà markers bioumorali del bambino per documentare gli effetti terapeutici della musica sull'asse dello stress e sui sistemi di regolazione della risposta immunitaria ed infiammatoria.

Il "bisturi fatto vibrare dal vivo a 432 hz con Translational Music " aprirà una nuova frontiera terapeutica?

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d