Passa ai contenuti principali

Il Sistina rompe il muro del rimborso dei biglietti, al via da oggi le pratiche di rimborso

Dopo mesi di attesa per ricevere definitiva chiarezza attorno alla possibilità di poter effettuare i rimborsi dei titoli di acquisto non utilizzati a causa dell’emergenza Covid-19, finalmente abbiamo ottenuto la conferma che il nostro Teatro possa procedere a ristorare monetariamente l’acquirente, senza essere obbligati a emettere i voucher della durata di 18 mesi.

Si precisa, infatti, che il gestore/organizzatore non sarebbe stato nella possibilità di compiere autonomamente l’operazione senza l’approvazione da parte della Siae, che a sua volta risponde a indicazioni precise dell’Agenzia delle Entrate, essendo il biglietto di acquisto un titolo fiscale a tutti gli effetti.



Sin da subito il Sistina- conferma il Direttore Massimo Romeo Piparo- ha inteso offrire allo spettatore la facoltà di scegliere il tipo di “ristoro” del proprio acquisto non goduto proponendo il rimborso monetario immediato. Sul nostro sito e sui canali social di comunicazione, abbiamo apposto subito chiaramente una nota informativa che ufficializzava quale fosse la volontà della nostra gestione. Sono fermamente convinto- prosegue Piparo- che lo spettatore debba essere proprietario unico e incondizionato dei propri soldi. E’ nostro dovere renderli immediatamente disponibili, soprattutto in un momento così emergenziale come quello che abbiamo vissuto e continueremo a vivere. Sono molto contento –prosegue Piparo- che finalmente, anche grazie ad alcune sacrosante precisazioni che giungono dal fronte dell’Autorità Europea, il rimborso monetario inizi a essere compreso come diritto sacrosanto del consumatore.

Dopo ripetuti inviti a dipanare questa matassa si è finalmente giunti alla conclusione che il Teatro Sistina da lunedì 8 Giugno avvierà le pratiche di rimborso degli oltre 12.500 biglietti venduti e rimasti non goduti degli spettacoli interrotti per Covid-19: “The Full Monty”, “Con Tutto il Cuore”/Vincenzo Salemme, “Rugantino”.
Il rimborso dei biglietti acquistati presso il botteghino del Teatro Sistina verrà effettuato per l’intero prezzo del biglietto incluso il diritto di prevendita, come riportato sul biglietto stesso.

Il Teatro Sistina si farà carico di risarcire la cosiddetta quota di “aggio” trattenuta dal sistema di vendita Ticketone.it (fornitore del servizio) per far sì che allo spettatore il rimborso giunga per intero.

Per chi invece avesse scelto di acquistare i biglietti direttamente sul sito Ticketone.it, il rimborso seguirà la stessa procedura di quelli acquistati presso il botteghino del Teatro, con la differenza che potranno essere trattenuti da Ticketone.it tutti i servizi accessori, come ad esempio “stampa a casa”, le “Commissioni di servizio”, le eventuali “polizza biglietto sicuro”, l’eventuale “confezione regalo”, e altri servizi che lo spettatore possa aver acquistato direttamente online e non presso il botteghino del Teatro Sistina.

“Abbiamo preferito – afferma Piparo- agire in controtendenza rispetto a quanto espresso nelle condizioni di vendita che lasciano la facoltà al gestore di trattenere il diritto di prevendita in caso di rimborso per annullamento. Non riteniamo affatto corretto far pesare sullo spettatore i costi di un evento così imprevedibile e ingestibile come una pandemia. Nonostante ci venga trattenuta dai sistemi di biglietteria una percentuale di quel diritto di prevendita sotto forma di commissione, abbiamo pensato fosse onesto rimettercela di tasca nostra affinché lo spettatore ricevesse un gesto importante da parte del Teatro.  Ticketone.it è uno dei concessionari di servizi di vendita del Teatro e agisce seguendo proprie regole di mercato espresse chiaramente nelle condizioni generali di vendita che vengono rese note all’atto dell’acquisto, e pertanto opera le scelte che più ritiene opportune nell’ambito di ciò che gli è consentito dal contratto di acquisto.
La mia visione– conclude Piparo- vuole invece guardare al futuro e, nella speranza che si possa presto tornare ad applaudire gli spettacoli che gli spettatori avevano scelto, sono certo che la nostra decisione rafforzerà il rapporto di fiducia reciproca che da anni lega il Teatro Sistina al proprio pubblico.” 


Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide