Passa ai contenuti principali

Rai: al gran teatro di Rai5. Una Maratona per il Teatro, in attesa che ritorni dal vivo


Un palcoscenico lungo un giorno intero, per sostenere gli attori e i lavoratori del teatro, e per far riassaporare il piacere della scena, in attesa di poterla gustare dal vivo. Sabato 30 maggio, dalle 8.00 a notte fonda su Rai5, Rai Cultura propone una Maratona per il Teatro firmata da Felice Cappa con spettacoli storici di grandi maestri - da Eduardo a Gassman, da Strehler a Ronconi, da Fo a Carmelo Bene - e il meglio della scena contemporanea: Emma Dante, Filippo Timi, Marco Paolini e gli inediti di Alessandro Preziosi, Michele Placido, Silvio Orlando e Alessandro Serra prodotti appena prima della chiusura dei teatri. Tra una rappresentazione e l’altra, inoltre, le riflessioni sulla scena all'epoca del Covid di Andrée Ruth Shammah, Daria Deflorian, Giulia Lazzarini, Serena Sinigaglia, Massimo Popolizio, Marco Baliani, Gabriele Vacis, Motus (Enrico Casagrande e Daniela Nicolò), Pippo Delbono, Valerio Binasco, Marta Cuscunà, Ottavia Piccolo, Umberto Orsini. 

Si comincia, alle 8.00, con Eduardo De Filippo in “Ditegli sempre di sì”, dalla “Cantata dei giorni pari”, adattata per la Rai nel 1962. Tra gli interpreti, un cast di suoi straordinari allievi: Regina Bianchi, Pietro Carloni, Antonio Casagrande, Angela Pagano ed Enzo Petito.

Alle 9.40 “L'uomo dal fiore in bocca” di Pirandello nella magistrale interpretazione di Vittorio Gassman diretta da Maurizio Scaparro, una prova d'attore indimenticabile. Subito dopo è la volta di uno dei capolavori di Giorgio Strehler, “Il giardino dei ciliegi” di Checov, regia-manifesto di quel realismo poetico che ha fatto del Piccolo Teatro di Milano uno dei simboli di tutta la società del secondo Novecento. In scena, Valentina Cortese, Giulia Lazzarini, Renato De Carmine, Renzo Ricci, Franco Graziosi, Gianfranco Mauri e una esordiente Monica Guerritore. Alle 12.55 Ronconi protagonista nel racconto dell’opera “Percorsi nell’infinito”, uno spettacolo evento con cui nel 2002 - negli ex magazzini della Scala alla Bovisa di Milano – aveva portato la scienza in Teatro.

“Il teatro in Italia” con Dario Fo e Giorgio Albertazzi, invece, viene riproposto alle 13.50 attraverso il “pilot” della serie con i due mostri sacri del teatro per la prima volta assieme in scena, mentre per il teatro di narrazione alle 14.45 va in onda uno degli Album di Marco Paolini: “La comune di Gemona”. La prima parte con gli spettacoli storici si chiude alle 15.30 con la versione televisiva del testo-ossessione di Carmelo Bene: “Pinocchio ovvero lo spettacolo della provvidenza”. Accanto a lui Sonia Bergamasco.

Subito dopo, l'ultimo allestimento dei “Sei personaggi in cerca d'autore” di Pirandello messo in scena da Michele Placido con una compagnia di giovani.

Silvio Orlando è protagonista assoluto del secondo inedito alle 19.00: “Si nota all'imbrunire (solitudine da paese spopolato)” l'ultimo testo di Lucia Calamaro, che firma anche la regia.

Non poteva mancare, alle 20.55, Emma Dante, una delle autrici più rappresentative della scena italiana con “Le sorelle Macaluso” in cui un funerale diventa occasione per una definitiva resa dei conti in una famiglia matriarcale.

Altro inedito della Maratona, alle 22.05, è “Vincent Van Gogh”: l'odore assordante del bianco”, testo di Stefano Massini dedicato all'artista incarnato da un intenso Alessandro Preziosi.

Ultimo inedito della giornata, alle 23.35, è “Macbettu - Il racconto”, uno speciale in cui a immagini dello spettacolo si alterna il racconto del regista Alessandro Serra che ha trasportato il testo di Shakespeare in una Barbagia arcaica e violenta. Alle 00.40 si chiude ancora con Shakespeare e “Amleto²” nella riscrittura di Filippo Timi che parte dai resti dell'Ambleto di Testori-Parenti-Shammah e lo reinventa con Lucia Mascino, Marina Rocco ed Elena Lietti.

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide