Passa ai contenuti principali

Live4Life - dal vivo sotto casa tua


“Un truck attrezzato di palco, luci, maxischermo e audio in giro per l'Italia. Cinque spettacoli al giorno in ogni città e tanti artisti da coinvolgere. Se il pubblico non può partecipare agli eventi, sono gli eventi ad andare dal pubblico. Un forte segnale di ripartenza accolto già da molti comuni” 
“La cultura non si può fermare”. Parte da questo credo la proposta dalla We4Show, società di produzione specializzata in eventi dal vivo, già accolta da molti comuni d'Italia. Live4Life: dal vivo sotto casa tua, questo il nome del progetto nato nel periodo di lockdown, quando tutte le produzioni legate allo spettacolo dal vivo sono state sospese dai decreti del Governo per le restrizioni del Coronavirus. In un momento storico in cui non è permesso al pubblico di assistere a uno spettacolo dal vivo in teatri, auditorium e luoghi di cultura, la We4Show ha pensato di portare gli eventi sotto casa di ognuno, grazie ad un truck completamente attrezzato di palco, luci, audio, energia elettrica, maxischermo che raggiungerà ogni Comune che aderirà al progetto. In tal modo tutti potranno assistere agli spettacoli direttamente dai balconi e dalle finestre delle proprie abitazioni.

E mentre tutto il comparto dello spettacolo dal vivo aspetta le decisioni del Governo e i Comuni sono impossibilitati a effettuare una programmazione degli eventi estivi, con il progetto Live4Life sarà comunque possibile dare vita agli show. Gli spettacoli proposti, infatti, sono adattabili a ogni decisione governativa, sia se, malauguratamente, si dovesse tornare al lockdown, sia se, come si spera, si potrà assistere agli eventi garantendo la distanza tra gli spettatori. Il truck, quindi, sarà garanzia di spettacolo in sicurezza che permetterà al pubblico di assistere all’evento senza nessun assembramento.

L'iniziativa è stata già sottoposta e accolta dai sindaci di diverse città del nord Italia che si stanno già attivando per le delibere che permetteranno al truck di accendere il motore e partire.

Il progetto verrà allargato a tutto il Paese con l'intento di regalare al pubblico momenti di evasione con musica, teatro, lettura: tutti strumenti che, tramite internet, hanno accompagnato il lungo e faticoso periodo della quarantena, e che ora vengono proposti finalmente live.

Oltre al sostegno delle Amministrazioni Comunali finora coinvolte, sono molti gli artisti hanno trovato interessante l'iniziativa e aderito con grande entusiasmo: dagli esponenti della musica a quelli del teatro, dall'illusionismo alla danza fino e alla tanto in voga stand up comedy.

L’idea è quella di realizzare cinque show al giorno di circa quaranta minuti in varie location della città che ospita l'iniziativa. Per coinvolgere il pubblico in questo evento unico l'arrivo del truck sarà trasmesso in diretta social, così come l’intero spettacolo per permettere ai cittadini che non sono residenti in quella zona di essere comunque partecipi. Sicurezza e ridimensionamento dei costi sono altri due fattori cardini di questa ripartenza. Concetti che hanno trovato d'accordo tutti, dalle produzioni agli artisti e tecnici. Elementi che permettono al progetto di essere sostenuto da sponsor e di conseguenza partire con un buon sostegno economico.

Musica nazionale e internazionale, pittura, cabaret, illusionismo: questi sono gli spettacoli pensati per Live4Life ma l’idea è quella di coinvolgere tutti gli artisti che avranno voglia di cimentarsi in questa nuova avventura.

“Una ripartenza parziale del settore Live diventerebbe un orgoglio Nazionale ed Internazionale” affermano Riccardo Locatelli e Fabiana Palama di We4Show, un concetto questo sposato a pieno da tutte le figure coinvolte, sia artistiche che istituzionali. “Tutto si svolgerà nella massima sicurezza di pubblico, attori e tecnici. Non possiamo restare fermi, abbiamo deciso di guardare avanti, di guardare oltre, di poter essere un supporto anche per tutti coloro al momento sono chiusi nelle proprie abitazioni”.



We4Show

www.we4show.com

fb https://www.facebook.com/we4show/

Ig https://www.instagram.com/we4show/

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol