Passa ai contenuti principali

Da sabato 21 marzo, il Piccolo Teatro, restando a casa - Piccolo@home



Da sabato 21 marzo, il Piccolo Teatro, restando a casa

Piccolo@home

On line anche la versione integrale
de Il Miracolo della Cena con Sonia Bergamasco

Il Piccolo Teatro di Milano, su iniziativa del suo direttore, vuole mantenere un legame forte e continuo con il pubblico e, in attesa di accoglierlo nuovamente nelle sue sale, ha quindi deciso di rendere disponibili online oltre quaranta documenti video, annunciati quotidianamente sul sito e sui profili social, intorno agli spettacoli più belli e significativi della sua storia, fino agli ultimi anni, realizzati dalla WebTv del Teatro, la PiccoloTv, in collaborazione con RaiSat, 3D Produzioni e SkyArte.

Ai documenti già consultabili sulla PiccoloTv, si aggiungono altri preziosi contributi speciali su prove e spettacoli, finora destinati solo alla documentazione interna, a scopo di archivio e di studio.

Sarà quindi possibile, da sabato 21 marzo e per tutta la durata della sospensione, pur necessaria, delle attività imposta dall’emergenza sanitaria, rivedere prove, brani di spettacoli, interviste agli artisti, approfondimenti intorno ad alcune tra le più importanti produzioni del Piccolo (tra le quali, per citarne solo alcune, Elvira e Le voci di dentro con Toni Servillo, Bestie di scena di Emma Dante, Pinocchio di Antonio Latella, Sanghenapule di Borrelli/Saviano, e poi il lungo lavoro di Strehler e Ronconi); spettacoli internazionali indimenticabili (Slava, Fabre, Mnouchkine…); iniziative particolari come il Settantesimo del Piccolo o il ciclo Ulissi: viaggio nelle Odissee, itinerario di riflessioni sul ‘migrare’, affidate a grandi interpreti della cultura (Toni Servillo, Marco Paolini, Moni Ovadia, Massimo Popolizio, Guido Ceronetti, Vinicio Capossela), che attraversarono la città di Milano, anche in luoghi non teatrali (il Tribunale, il Beccaria, la Casa della Carità), per arrivare allo Strehler dove andava in scena, in lingua greca, il capolavoro di Robert Wilson, Odyssey, coprodotto dal Piccolo con il Teatro nazionale di Grecia, oggetto anch’esso di uno speciale visibile on line con immagini dello spettacolo e un intervento dello stesso Wilson.

In particolare, sempre da sabato 21 marzo, sarà possibile accedere alla versione integrale de Il Miracolo della Cena, una produzione del Piccolo, presentata, per due giorni, nel settembre 2018, nel Cenacolo Vinciano, e ripresa, poi, in Stagione. Si tratta di una registrazione realizzata dalla PiccoloTv, in collaborazione con 3D, al Teatro Grassi, ora fruibile on line da tutti.

Un particolare ringraziamento va a Sonia Bergamasco, straordinaria interprete, al regista Marco Rampoldi, alla drammaturga Paola Ornati e a tutti i collaboratori del Teatro, che hanno entusiasticamente aderito alla proposta di rendere accessibile a tutti una registrazione, anch’essa effettuata per documentazione interna e di solo studio.

La scelta di partire con Il Miracolo della Cena nasce dal particolare significato della figura di Fernanda Wittgens, donna simbolo dell’appassionata resistenza che la cultura e la civiltà possono opporre alle peggiori emergenze. Prima donna soprintendente della Pinacoteca di Brera, Sergio Escobar ha deciso, insieme all’amico James Bradburne, di inserire sul sito della Pinacoteca un link che rimanda al sito del Piccolo, dove sarà possibile accedere alla visione dello spettacolo.

«Non potendo realizzare e condividere con il pubblico, per ragioni di responsabilità, - dichiara il direttore del Piccolo, Sergio Escobar - la natura più autentica del teatro, ovvero quella di essere spettacolo dal ‘vivo’, con Piccolo@Home abbiamo voluto rafforzare la nostra vicinanza a tutti coloro che frequentano il Piccolo Teatro, ma non solo, a tutto il teatro, a tutti i cittadini, a sostegno del teatro e della cultura, nella loro insostituibile vitalità».




Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol