Passa ai contenuti principali

Torna finalmente a Roma “Mumble Mumble - ovvero confessioni di un orfano d’arte”


Mumble Mumble...
ovvero confessioni di un orfano d’arte
Di
Emanuele Salce Andrea Pergolari

Con
Emanuele Salce Paolo Giommarelli

Regia
Timothy Jomm

Venerdì 28 e sabato 29 febbraio ore 20
Domenica 1° marzo ore 17

Altrove Teatro Studio - Via Giorgio Scalia, 53


“La bellezza è di tutti!”. Continua la stagione di prosa all’Altrove Teatro Studio con un evento speciale: Venerdì 28 e sabato 29 febbraio alle 20 con replica finale domenica 1° marzo alle 17, torna finalmente a Roma dopo oltre quattrocento repliche e dieci stagioni, lo storico spettacolo “Mumble Mumble - ovvero confessioni di un orfano d’arte”.

Un racconto in tre tempi in cui Emanuele Salce accompagnato in scena da Paolo Giommarelli narra impudicamente le vicende di due funerali e mezzo.

Nel primo, quello di suo padre Luciano, quando aveva poco più di vent’anni e, reduce da una nottata di eccessi etilici, si trovò a dover gestire da solo l’accadimento, fra para-parenti a caccia di lascito, addetti alle onoranze funebri che lo inseguivano con cataloghi di bare e la ragazza per cui spasimava che non gli si concedeva.

Nel secondo, quello di Vittorio Gassman, marito di sua madre, in cui si assiste ad un vero e proprio Carnevale del sacro e del profano, fra autorità politiche improbabili e presenzialisti d’ogni risma per concludere il tutto con la semifinale degli Europei del 2000 Olanda – Italia.

Nel terzo, metaforicamente,il suo. Quest’ultimo viene vissuto attraverso l’incontro con una bionda australiana e una défaillance occorsagli in un museo di Sydney.

A fare da contraltare in scena lo spettatore-regista Paolo Giommarelli, ora complice, ora provocatore della confessione, passando con candida disinvoltura da Achille Campanile a Petrarca fino ad un trattato di procto-gastroenterologia.

Cenni sullo spettacolo


Mumble mumble – ovvero confessioni di un orfano d’artenasce nel 2009, quasi per caso, quando la direzione artistica di un teatro privato milanese, dopo avermi visto in un’intervista tv, mi offrì di fare una serata nel loro spazio estivo. “Vorremmo conoscerla artisticamente” fu la proposta.

[...]Il primo istinto fu quello di cercare supporto nei classici: “La mite” di Dostoevskji era sempre stato uno dei miei racconti preferiti. Optai per quello senza indugi. Ma poi, per enorme senso di gratitudine verso questi signori sconosciuti che mi offrivano questa inaspettata e gratificante possibilità, tornai sui miei passi e, ritenendo di dover fare qualcosa di più per poter contraccambiare adeguatamente la generosa offerta, aprii il rubinetto dei miei ricordi più intimi senza indugi e venne fuori tutto, tutto ciò che avevo di più intimo dentro di me. [...] Ma pochi giorni prima dell’andata in scena, accadde l’inaspettato. Lo stesso teatro che mi aveva tanto cercato, ingaggiato e tanto incoraggiato a farmi conoscere artisticamente presso il suo spazio, decise di censurarmi. [...] Il mio produttore mi disse di non farne un dramma e che mi avrebbe offerto di metterlo in scena comunque per qualche serata all’interno di una sua rassegna di testi inediti che si sarebbe tenuta qualche mese più tardi. E lì accadde l’imponderabile, lo spettacolo ebbe un successo insperato (almeno da me), registrammo persino degli esauriti e ci fu proposto di replicare per tutta la settimana successiva. A Roma si sparse in fretta la voce che accadeva qualcosa di molto interessante nel nostro teatrino, venne chiunque, dai colleghi agli impresari. Finché uno di questi decise subito di prenderlo e metterlo nel suo cartellone l’anno successivo. Da lì parte l’avventura di questo piccolo spettacolo che finisce per diventare così quasi grande e ad andare in scena ancora oggi.

Emanuele Salce
---------------------

Note Biografiche


Emanuele Salce, figlio dell'attore e regista Luciano Salcee di Diletta D'Andrea, si è diplomato in regia al Centro Sperimentale di Cinematografianel 1991. Dopo alcune esperienze come regista di documentari perVideosapereed il Dipartimento Scuola Educazionedella Rai, è stato assistente alla regia di Dino Risi,Ettore Scola,Marco Risi,Livia Giampalmo ePasquale Squitieri, apparendo occasionalmente come attore (Concorrenza sleale,Le barzellette).Negli anni 2000 la sua attività, nel cinema (Colpo d'occhio,Il padre e lo straniero), in televisione e, soprattutto, in teatro si è intensificata, sia come interprete (La parola ai giurati,La baita degli spettri,Riccardo III,Il topo nel cortile) ed anche come autore: Mumble mumble, presentato per la prima volta al Teatro Cometa Off di Roma nel 2010, e poi replicato nelle stagioni successive con successo sempre crescente. Servendosi del critico Andrea Pergolaricome co-autore, vi racconta, con i moduli del paradosso e del grottesco, la sua condizione di orfano di due padri artistici: Luciano Salce e Vittorio Gassman (con cui Emanuele ha vissuto dall'età di due anni, una volta che sua madre Diletta era divenuta compagna di vita di Gassman).Nel 2009, sempre insieme a Pergolari, ha raccontato la figura del padre Luciano a vent'anni dalla scomparsa nel volume Una vita spettacolaree nel documentario L'uomo dalla bocca storta, che è stato presentato al IV Festival Internazionale del Film di Roma, al Biografilm di Bologna(2010), al Premio Sergio Amidei(2011)ed ha avuto la menzione specialecome miglior documentario sul cinema ai Nastri d'argento 2010.
-------------------------------

MUMBLE MUMBLE ovvero confessioni di un orfano d’arte

Di Emanuele Salce e Andrea Pergolari

Con Emanuele Salce e Paolo Giommarelli

RegiaTimothy Jomm

MusicheFederico De Antoni

Ufficio stampa Rocchina Ceglia

Distribuzione Altra Scena

Foto di scena Dania Martino

Costumi Giulia Elettra Francioni

Disegno luci Giacomo Cursi e Marco D’amelio

Grafica e materiali Daisy Iacuzzi





Per tutte le informazioni riguardanti la Stagione 2019/2020dell’Altrove Teatro Studio è possibilevisitare il sito www.altroveteatrostudio.it,scrivere all’indirizzo ipensieridellaltrove@gmail.como contattare telefonicamente il 351/8700413.







BIGLIETTI Intero 15 euro – Ridotto 10 euro – Tessera 2 euro ALTROVE Teatro Studio Via Giorgio Scalia, 53 – Metro Cipro ipensieridellaltrove@gmail.com – 351 8700413 www.altroveteatrostudio.it

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide