Passa ai contenuti principali

IL MAJORANA SHOW


Da venerdì  6 a domenica 8 marzo 2020

TEATRO LE MASCHERE PRESENTA
IL MAJORANA SHOW
Di Claudio Pallottini
Liberamente ispirato alla vicenda del grande fisico catanese Ettore Majorana.
Regia: Marco Simeoli
Musiche: Stefano Fresi
Coreografie: Stefano Bontempi, Cristina Pensiero
Video: Rossella Romano
Supervisione artistica: Gigi Proietti
Con in ordine alfabetico:
Andrea Bianchi, Edoardo Baietti, Sebastiano Colla, Roberto Della Casa, Luigi De Martino, Andrea Giuliano, Stefano Messina, Claudio Pallottini, Cristina Pellegrino, Cristina Pensiero, Carlotta Proietti, Marco Simeoli



Da venerdì 6 a domenica 8 marzo arriva al Teatro Ciak di Roma “Il Majorana Show”, uno spettacolo scritto da Claudio Pallottini liberamente ispirato alla vicenda del grande fisico catanese Ettore Majorana.

Sul palco Andrea Bianchi, Edoardo Baietti, Sebastiano Colla, Roberto Della Casa, Luigi De Martino, Andrea Giuliano, Stefano Messina, Claudio Pallottini, Cristina Pellegrino, Cristina Pensiero, Carlotta Proietti, Marco Simeoli. La Regia è di Marco Simeoli, la supervisione artistica di Gigi Proietti. Le musiche sono di Stefano Fresi.

Sul palco trasformato in uno studio televisivo è in onda un famoso talk show. Sotto le direttive e le domande incalzanti di un conduttore ai suoi ospiti, otto personaggi, ovvero Enrico Fermi, Edoardo Amaldi, Augusto Bocchini capo della Polizia, uno storico, uno psicologo e altri, coadiuvati da contributi video, telefonate e domande in studio e da casa, ricostruiscono la vicenda e la personalità di Ettore Majorana.

Nel marzo del 1938 Ettore Majorana s’imbarca sul postale Napoli-Palermo, dopo aver espresso in due lettere il proposito di “suicidarsi”. All’età di 32 anni, è il fisico più geniale della sua generazione, quella di Fermi, sotto la cui direzione ha studiato, di Amaldi, di Rasetti e di Segré: i ragazzi di via Panisperna.

E’ordinario all’Università di Napoli e i maggiori scienziati dell’epoca ne ammirano le straordinarie qualità speculative. Di indole solitaria, scontroso, riservato, il giovane Majorana ha, a detta di tutti, le doti per arrivare a scoprire i segreti nascosti del nucleo degli atomi radioattivi. E forse, addirittura a scoprire come innescare quel processo inarrestabile e devastante che è la bomba atomica.

Ma alla vigilia di questa scoperta, o forse, immediatamente dopo - nessuno lo potrà mai dire con esattezza - Ettore Majorana, decide di farla finita, di scomparire dal mondo, di abbandonare la scienza. Meglio ancora, di abbandonare la strada che la scienza ha intrapreso e che lui stesso nel suo ultimo scritto definirà: “una brutta strada, senza ritorno”.

Imbarcandosi sul postale o fingendo di imbarcarsi, Ettore Majorana si dilegua dalla storia, facendo perdere le sue tracce e lasciando dietro di sé uno dei misteri più appassionanti e avvincenti del novecento.

Una scomparsa o suicidio che fa sorgere allora, come ancora oggi, domande e interrogativi pressanti.

Qual è il ruolo della scienza? Quale quello degli scienziati, dei tecnici e degli intellettuali. Fino a dove è lecito inoltrarsi nello studio e la sperimentazione. La scienza deve porsi dei limiti oltre il quale non è più lecito andare?

Domande che lo spettacolo pone in risalto riuscendo ad essere, al di là di un fatto teatrale, un momento di riflessione profonda e matura.


IL MAJORANA SHOW

Lo spettacolo nasce da tre stimoli concomitanti: la lettura de “La scomparsa di Majorana” di Leonardo Sciascia e delle tante biografie del fisico catanese, il dibattito scienza-etica e l’osservazione del linguaggio televisivo.

Partendo da questi tre stimoli il primo passo è stato costruire un contenitore televisivo, (Chi l’ha visto, Porta a porta La storia siamo noi, L’Italia in diretta, ecc.) che si qualificasse per alcune caratteristiche inclinazioni: l’inclinazione a mischiare il reale col virtuale, l’informazione col pettegolezzo, la cultura con la sottocultura, l’inchiesta con lo scoop – vero o presunto – la storia con la cronaca, la testimonianza col piano bar. Il passo successivo è stato inserire in questo frullatore informativo un argomento serio, problematico e inquietante, come appunto, la scomparsa di Majorana, ed assistere alla progressiva trasformazione di genere del tema inserito.

Il frullatore inghiotte il caso – con tutte le sue implicazioni storiche, scientifiche, etiche, filosofiche, umane – lo impasta con l’inevitabile esigenza divulgativa (leggi: renderlo appetibile alla casalinga di Voghera), con l’irrinunciabile ricorso alla compagnia di giro degli esperti (leggi: storico, opinionista, psicologo, testimone diretto...), con la costante preoccupazione di alleggerire per non perdere ascolto presso le fasce deboli (leggi: introduzione del comico di Zelig o della cantante di bella presenza o del protagonista del Reality di prima serata), con l’imprescindibile necessità di provocare reazioni emotive per non far scendere la curva dell’attenzione (leggi: fomentare liti in diretta, introdurre filmati scioccanti, trasformare gli ospiti in macchiette), poi il frullatore metabolizza il tutto e, infine, lo espelle: modificato in programma televisivo. Che però, poiché avviene davanti e con gli spettatori, diventa Teatro agito per e con lo spettatore che può continuamente intervenire e dire la sua, anzi è chiamato quasi fosse a Forum a esprimere la propria opinione.

Lungi dall’essere noioso o didattico, il Majorana show è uno spettacolo per tutti: divertente nelle battute, travolgente nel ritmo, leggero nei toni, che farà scoprire al pubblico un nuovo genere di Teatro: un ibrido con continue interferenze tra commedia, cabaret, teatro di narrazione e di documento. Un genere dal sapore curioso, non riassumibile in una definizione precisa, anzi, soggetto a continui sconfinamenti e ribaltamenti di tono, governati da attori con un sicuro centro di gravità. Il tutto, però, a servizio del tema sempre attuale e per il quale il testo è costruito, ovvero l’eterna domanda su quale debba essere e se ci debba essere un limite alla Scienza e allo studio dello scienziato.

Claudio Pallottini autore de Il Majorana Show
--------------------------------------------------------


CONTATTI:


TEATRO CIAK

Via Cassia, 692 - 00189 Roma

www.teatrociakroma.it

info@teatrociakroma.it

Per info e prenotazioni 06.33249268



Orario spettacoli

Serali ore 21.00

Pomeridiane ore 17.30



Prezzo biglietti:

Intero € 25,00

Ridotto € 22,00 (under 20, over 65, gruppi 10+ e disabili)

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide