Passa ai contenuti principali

WE4SHOW - La parola ai fondatori

Lo scorso 27 novembre è stata presentata in conferenza stampa la WE4SHOW una compagnia dove l'obiettivo è unire la passione per il lavoro più bello del mondo con l'esperienza acquisita grazie ad anni di attività nel business del live entertainment.
Conosciamo meglio questa nuova realtà italiana parlandone con i suoi fondatori: Fabiana Palama e Riccardo Locatelli. 

Come e quando è nata l'idea di fondare la WE4SHOW?

Fabiana - We4show è nata nel 2011, ma io e Riccardo lavoravamo assieme gà da prima in Ticketweb, società del gruppo Forumnet, che, dopo che è stata venduta nel 2010, abbiamo lasciato, in tempi e modi differenti. Abbiamo allora deciso di provare una nuova strada, quella che ci ha sempre affascinato e cioè quella delle produzioni. Sul nostro sito parliamo del “lavoro più bello del mondo” e oggi dopo quasi 10 anni, posso solo che riconfermare questa affermazione. Volevamo creare una realtà differente, un sarto su misura del Live Entertainment, e la nostra passione unita all’esperienza maturata, ci ha permesso di far nascere e crescere questa nostra piccola grande realtà che oggi con orgoglio portiamo in tutto il mondo con le nostre produzioni.

I vostri progetti spaziano in tanti arti diverse. Con quali cretieri scegliete artisti e spettacoli?

Riccardo - Weshow nasce per coprire un segmento legato alla qualità delle produzioni che troppo spesso vengono cannibalizzate, fagocitate dai budget tralasciando così il rapporto con l'artista, la vena creativa, le idee, insomma tutto ciò che ha rappresentato la rivoluzione musicale che vogliamo appunto riportare su palchi attraverso i nostri progetti. Le vecchie generazioni non hanno la possibilità di tornare realmente indietro nel tempo o far resuscitare i propri miti e le nuove generazioni sono confude ed alla ricerca di risposte e lo stanno “GRIDANDO” con i loro apprezzamenti semestrali per il nuovo idolo del momento. La storia si ripropone, la storia ci aiuta a capire il presente ed il futuro.

Ecco pertanto la nascita di progetti come i DSL DIRE STRAITS LEGACY (ex musicisti dei Dire Straits che rappresentano l'unica possibilità di riascoltare quella musica con chi l'ha davvero suonata) JACK SONNI & THE LEISURE CLASS (blues, funky rock direttamente dal  delta del Missisipi) ERIX LOGAN (il disillusionista) e altri che verranno annunciati a breve, senza dimenticare le collaborazioni su eventi sportivi. Ed ovviamente I MITI DEL ROCK per la quale siamo già allo studio della seconda edizione.

Quali sono le difficoltà maggiore nel produrre spettacoli oggi in Italia?

Fabiana - L’Italia è il Paese più bello del Mondo… il problema nel nostro mestiere, è purtroppo legato alla burocrazia che sempre più spesso invece di supportare ti intralcia…. Non voglio certo dire che non devono esserci regole, anzi, ma a volte mi sembra di lavorare con “l’ufficio complicazioni affari semplici” 😉 . L’Italia è anche il paese dei “furbetti”… dai quali è sempre più difficile tutelarsi. Ma le soddisfazioni arrivano comunque dal pubblico, e quando lo sconforto rischia di prendere il sopravvento, entri nella sala del teatro del tuo spettacolo e la gioia di vedere un pubblico contento ti ripaga di tutte le fatiche. Alla fine, il nostro lavoro è quello di far divertire le persone, e quando questo accade, non c’è soddisfazione più grande.

A gennaio al Teatro Nuovo di Milano partono le prime due serate dedicate al miti del Rock. Perchè scegliere Elvis Presley e Jimi Hendrix?

Riccardo - Beh è stato facile, loro rappresentano (parlo appositamente al “presente”) la storia musicale e la cultura di tutti noi. Con loro è stata rivoluzione …. conoscevamo già Andrea Cervetto e Joe Ontario, 2 talenti assoluti, 2 artisti che vivono il mito che rappresentano con la pancia, con la testa, con il loro talento infinito. L’aggiunta della pittura con quel genio di Franco Ori, ed i racconti di Giancarlo Berardi su Jimi Hendrix, rendono questa rassegna davvero unica nel suo genere. Insomma sarà davvero una 2 giorni rock! Chi si dichiara rock, chi ama il rock… NON PUO’ MANCARE!!!

Prossimi progetti dopo i miti del rock?

Fabiana - Da marzo iniziamo un nuovo tour con i DSL Dire Straits Legacy che toccherà l’Italia, gli Stati Uniti, il Sud America e la Russia… e poi ci sono in cantiere due progetti grossi e molto particolari, sui quali stiamo lavorando da tempo e che non vediamo l’ora di poter comunicare e condividere con il pubblico. Ed ovviamente stiamo già lavorando alla seconda edizione de I MITI DEL ROCK!

Invita i lettori a venire al Teatro Nuovo di Milano per le due serate dedicate ai miti del rock.

Riccardo - Musica di livello mondiale, pittura, narrativa... una mostra di quadri, il tutto ad un prezzo più che accessibile. Chi verrà ne uscirà arricchito personalmente. Ho cosciuto e lavoriamo con artisti di tutti i generi e di caratura mondiale, eppure poco mi emoziona come questi 2 eventi. IO NON VEDO L’ORA ….


Foto di Luca Vantusso 

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide