Passa ai contenuti principali

Nuove date del thriller "L'Ascensore"


Torna in scena a gennaio 2020, il musical “L’Ascensore - un thriller sentimentale”, piece proveniente dalla Spagna, nella sua prima versione italiana.

Le nuove repliche dello spettacolo scritto e musicato da José Masegosa, inizieranno dal Teatro San Babila di Milano, dal 7 al 12 gennaio 2020, per proseguire ad Isola della Scala (Ve) al Teatro Capitan Bovo il 17 gennaio, al Teatro Cestello di Firenze il 18 e 19 gennaio e a Napoli, il 23 gennaio, alla Casa della Musica Federico I del Complesso del Palapartenope.

In scena 3 grandi interpreti del teatro musicale italiano: Danilo Brugia, Luca Giacomelli Ferrarini ed Elena Mancuso.

Dietro le quinte un team creativo di giovani professionisti tutti under 35, a cominciare dal regista Matteo Borghi, la direzione musicale di Eleonora Beddini, i movimenti coreografici di Luca Peluso, le traduzioni italiane di Nino Pratticò e la produzione di Giuseppe Di Falco.


UNA STORIA INCREDIBILE.

UN PIANO DIABOLICO.

SOLO IL PUBBLICO CONOSCE LA VERITA’.

Ambientato nella New York di oggi, L’Ascensore narra l’incredibile vicenda di Emma, John e Mark. Moglie e marito i primi, intrecceranno le loro sorti personali a quella di Mark, un giovane a cui la malattia ha tolto ogni aspettativa e speranza di vita, pronto a tutto ormai per quell’unica remota possibilità di scampare a un finale che appare ormai già scritto. Il fato si beffa così di tre fragilità diversissime tra loro, rendendole pedine di un gioco tragico dall’esito imprevedibile.

Con soli 3 protagonisti e un pianoforte, in un continuo alternarsi di suspense, romanticismo e colpi di scena, sarà il pubblico a riordinare i pezzi di un confuso puzzle e a capire quale ruolo sta giocando ogni personaggio nella partita a carte contro il destino.
La particolarità della scrittura, sono i continui salti temporali che danno ritmo e pathos alla vicenda, sottolineati sia dalla estrosa e ormai consolidata “mano” di Eleonora Beddini, (in scena, al pianoforte mimetizzata tra la scenografia) che ha ampliato, con un gusto cinematografico, la partitura originale di Masegosa, sia dai suggestivi ed originali movimenti corografici di Luca Peluso che impreziosiscono la regia.


DATE DEL TOUR


MILANO - TEATRO SAN BABILA

dal 7 al 12 gennaio 2020

Biglietti online su www.teatrosanbabilamilano.it

Biglietteria 02798010




ISOLA DELLA SCALA - TEATRO CAPITAN BOVO

17 gennaio 2020

Biglietti online: https://bit.ly/2YTVze8

Biglietteria: 045-7302667




FIRENZE - TEATRO CESTELLO

18 e 19 gennaio 2020

Biglietti online: www.ticketone.it

Biglietteria 055 294609



NAPOLI - CASA DELLA MUSICA FEDERICO I

23 gennaio 2020

Biglietti online: www.ticketone.it

Biglietteria 081 570 0008

______________________________


Per info e curiosità: www.lascensoreilmusical.it

facebook.com/lascensoreilmusical

instagram.com/lascensoreilmusical

Commenti

  1. sì, un nuovo thriller, ma quali sono gli attori teatrali legati https://cineblog01.vet/ ai film?))

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol