Passa ai contenuti principali

LA PARRUCCA - MARIA AMELIA MONTI AL TEATRO GEROLAMO


Sabato 14 dicembre ore 20 e domenica 15 dicembre 2019 ore 16 al Teatro Gerolamo

MARIA AMELIA MONTI e ROBERTO TURCHETTA
in
LA PARRUCCA

da “La Parrucca” e “Paese di mare” di Natalia Ginzburg
regia Antonio Zavatteriassistente alla regia Roberto Turchettascene e luci Nicolas Boveycostumi e oggetti di scena Sandra Cardinimusiche originali Massimiliano Gagliardifoto Marina Alessi
produzione NIDODIRAGNO/CMC – SARA NOVARESE


“La Parrucca” e “Paese di Mare” sono due atti unici di Natalia Ginzburg che sembrano l’uno la prosecuzione dell’altro. In “Paese di mare” una coppia girovaga e problematica prende possesso di uno squallido appartamento in affitto. 

Massimo è un uomo perennemente insoddisfatto, passa da un lavoro all’altro ma vorrebbe fare l’artista. Betta è una donna ingenua, irrisolta, che si deprime e si annoia facilmente, restando tuttavia genuina come solo i personaggi della Ginzburg sanno essere. A Betta la nuova casa non piace, come non le piace quel piccolo paese di mare. Ma Massimo, nella speranza di trovare un lavoro, la convince a restare. I piani non andranno però come previsto e la coppia dovrà ripartire proprio nel momento in cui Betta si sarà affezionata sia al luogo che alla casa. Ne “La Parrucca” ritroviamo la coppia in un piccolo albergo isolato, dove si sono rifugiati per un guasto all’automobile. Betta è a letto disperata e dolorante in seguito ad un forte litigio con Massimo, che ora è pittore ma dipinge quadri che la moglie detesta. Dopo aver urlato al marito la sua rabbia e la sua frustrazione per un matrimonio che non funziona più, Betta telefona alla madre e, nel corso di una telefonata in pieno stile Franca Valeri che restituisce subito una verve brillante alla commedia, le rivela un importante segreto.

Comico, drammatico, vero, scritto con l’ironia e la leggerezza che rendono la Ginzburg unica nel panorama della narrativa e della drammaturgia italiana, “La Parrucca” conferma Maria Amelia Monti come interessante interprete ginzburghiana, l’attrice più adatta oggi a far rivivere quel personaggio femminile che tanto aveva di Natalia stessa.

«Le opere della Ginzburg hanno sempre segnato la mia vita artistica – dichiara la Monti - ’Ti ho sposato per allegria’ faceva parte del repertorio che presentavo agli esami di ammissione delle accademie drammatiche. Mai avrei immaginato allora che molti anni dopo sarebbe diventato uno dei miei spettacoli più amati, grazie anche alla regia di Valerio Binasco. Uno dei momenti più emozionanti della mia carriera è stato proprio l'incontro con Natalia Ginzburg. Avevo 28 anni e il regista Marco Parodi mi aveva scelta come protagonista de 'La segretaria’. La Ginzburg non mi conosceva e aveva dato il suo benestare sulla fiducia. Quando arriva il giorno della prova generale all’Eliseo lei è lì, in platea, ed io sono talmente agitata che mi devono spingere quasi a forza sul palco… Al termine della prova Natalia è venuta in camerino, mi ha abbracciato e mi ha detto che ero esattamente come aveva immaginato la sua Sofia. ‘La parrucca’ è l’ennesima occasione per mantenere vivo quel legame e in qualche modo, onorarlo».

Maria Amelia Monti è attrice di popolarità commisurata al suo talento - dimostrato fin dagli esordi sul grande e piccolo schermo da “...e la vita continua” di Dino Risi (1984), fino al recentissimo “Se mi vuoi bene” (2019), passando per “Dio vede e provvede” (1996-1998) e “Distretto di Polizia 11” (2011) - senza ovviamente dimenticare le pièces teatrali – da “Vizio di famiglia” di Edoardo Erba (1997-1998), a “Ti ho sposato per allegria” di Natalia Ginzburg (2003-2006), fino a “La lavatrice del cuore” a cura di Edoardo Erba (2017). Succede poi che si cimenti con i testi di una autrice sempre amatissima, come Natalia Ginzburg, (torinese, molto legata anche alla Riviera ligure, spesso citata nei suoi racconti), qui apprezzabile in due atti unici - "La parrucca" e "Paese di mare" – rappresentativi del percorso letterario portato a teatro.

Roberto Turchetta, attore di lunga esperienza teatrale che ha lavorato - tra gli altri – con grandi nomi dello spettacolo come Emilio Solfrizzi, Silvio Orlando, Marina Massironi, Gioele Dix, Geppi Cucciari, Ugo Dighero, Riccardo Scamarcio ecc…



durata spettacolo: 80 minuti

PREZZI: da 10 a 25 euro

RIDUZIONI e CONVENZIONI
Il Teatro Gerolamo aderisce al programma ‘Teatro, Cinema, Concerti... in BICI biglietto ridotto’: chi dimostra di essere venuto a teatro in bicicletta ha diritto a un biglietto al prezzo di 8,00 euro.

Carnet del Teatro Gerolamo: 4 ingressi a 68 euro o 6 ingressi a 96 euro.
Continuano infine le riduzioni abituali.
Tutte le info sul sito www.teatrogerolamo.it.

INFORMAZIONI
Prenotazioni: 02 36590120 / 122 | 02 45388221 | biglietteria@teatrogerolamo.it
Scuole e Università / Gruppi organizzati: chiara.scordamaglia@teatrogerolamo.it

TEATRO GEROLAMO
Piazza Cesare Beccaria 8 – 20122 Milano
Tel. 02 36590120 / 122 (uffici) | 02 45388221 (biglietteria)
Email info@teatrogerolamo.it
www.teatrogerolamo.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d