Passa ai contenuti principali

Il Circo in Università tra Chaplin e artisti internazionali




Dal 18 al 26 novembre i due prestigiosi atenei milanesi tornano ad ospitare un ricco cartellone di eventi curati dall’Associazione Circo e Dintorni, nell’ambito del progetto Open Circus per la diffusione della cultura circense attraverso attività di formazione del pubblico e ricambio generazionale nel settore
Il Circo in Università tra Chaplin e artisti internazionali
Sette giorni di appuntamenti con artisti, workshop e performance dal vivo
alla Statale e alla IULM di Milano

Università degli Studi di Milano, Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali
Via Noto 8, Milano – 18-22 novembre 2019

Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM
Via Carlo Bo 4, Milano – 25 e 26 novembre 2019

Il circo al giorno d’oggi si trova ovunque. Sotto un tendone, in teatro, in piazza, nei palazzetti dello sport… ed anche in università. A Milano, infatti, l’Università degli Studi e la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM dedicano a questa forma di spettacolo, che con le sue mille sfaccettature rappresenta un patrimonio artistico immenso e una concreta opportunità di lavoro per i giovani, sette giorni di incontri, workshop e performance dal vivo. Un evento organizzato da Open Circus (progetto di Circo e dintorni sostenuto dal MiBAC), unico in Italia, che ospita artisti provenienti da tutto il mondo, il meglio delle compagnie del nostro Paese e i più importanti studiosi e critici circensi.
“A 130 anni dalla nascita di Charlie Chaplin” - spiega Serena, docente di Storia dello spettacolo circense e di strada e direttore scientifico dell’iniziativa - “abbiamo deciso di partire dall’amore di questo genio per il circo per raccontare tale forma espressiva in ogni suo aspetto, dal classico al contemporaneo al sociale, indagandone i rapporti strettissimi con le altre arti e i media (a cominciare da teatro, cinema e tv) ed ospitando alcuni dei suoi odierni protagonisti, performer italiani e internazionali che ci ricordano, grazie alle loro esibizioni dal vivo, che il circo è essenzialmente un meraviglioso almanacco di storie di corpi straordinari”.
Dal 18 al 22 novembre 2019 presso il Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali della Statale (via Noto 8) si svolgerà l’undicesima edizione delle Giornate di Studio sull’Arte Circense, un laboratorio inserito nel programma didattico dell’ateneo e aperto a tutta la cittadinanza. Si registrano notevoli presenze internazionali, tra le quali gli acrobati cubani de El Alma de Cuba col loro temperamento caraibico e la disciplina tipica degli artisti de L’Avana e diverse incursioni comiche da parte di Claudio Madia (personaggio televisivo ne L’albero azzurro e autore del Manuale di piccolo circo), del Collettivo Clown, gruppo che riunisce giovani pagliacci provenienti da esperienze varie, dalla compagnia teatrale di Paolo Rossi al teatro di strada, e di Maurizio Accattato, direttore del Milano Clown Festival, una kermesse storica tra le più amate nel territorio lombardo.

Immancabile il workshop pratico di giocoleria e acrobatica, uno dei momenti più apprezzati di tutte le edizioni, che invita i partecipanti a cimentarsi in prima persone con le discipline circensi.

Il 25 e 26 novembre il Corso di Teatro Moderno e Contemporaneo della professoressa Valentina Garavaglia, ospiterà i Dekru, pluripremiato quartetto di mimi ucraini considerati eredi spirituali di Marcel Marceau che dopo aver incantato le platee di tutto il mondo hanno stupito anche Papa Francesco durante il Giubileo degli artisti 2016.

Prendendo le mosse dal libro Conoscere, creare e organizzare circo scritto da Alessandro Serena con Valeria Campo e edito da Franco Angeli, gli incontri alla IULM prevedono un excursus sulla storia del circo, delle sue discipline e dell’imprenditorialità di settore. Un’attenzione particolare verrà data al legame che unisce circo e cinema sin dalle origini. Queste forme artistiche hanno infatti condiviso per lungo tempo immaginario e grammatica, procedendo entrambi attraverso un racconto costruito per immagini. Dall’inventore di mondi fantastici Georges Méliès a geni dello slapstick come Stan Laurel, Oliver Hardy e Buster Keaton, numerosi sono gli artisti di cinema il cui grande talento ha ascendenze riconducibili al circo. Il successo di film recenti come Dumbo di Tim Burton e The Greatest Showman dedicato all’impresario circense Barnum dimostra che questa relazione è ancora viva e sa intercettare gli interessi del pubblico.

Per approfondimenti
www.opencircus.it - https://www.facebook.com/circo.dintorni/



info@circoedintorni.it - 334 6503872

DAL 18 AL 22 NOVEMBRE DALLE 10.00 ALLE 13.30
Workshop di giocoleria e acrobatica

LUNEDÌ 18 NOVEMBRE DALLE 14.30 ALLE 17.30
IL CIRCO, STORIA DELLA MERAVIGLIA L’era del mito, a cura di Alessandro Serena
CHAPLIN 130 Lo studioso Massimo Locuratolo introduce la figura di Chaplin
I MESTIERI DEL CIRCO L'archivistica circense attraverso le collezioni del Cedac
LIVE! Performance dal vivo della Piccola Scuola di Circo di Milano

MARTEDÌ 19 NOVEMBRE DALLE 14.30 ALLE 17.30
IL CIRCO, STORIA DELLA MERAVIGLIA L’era della fame, a cura di Alessandro Serena
CHAPLIN 130 Il circo filmato, intervento di Raffaele De Ritis, regista e storico circense
NEXT GENERATION Marco Migliavacca, tra Cirque du Soleil ed Estremo Oriente
I MESTIERI DEL CIRCO Alberto Fontanella, tra palco e realtà
LIVE! Performance dal vivo del Collettivo Clown

MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE DALLE 14.30 ALLE 17.30
IL CIRCO, STORIA DELLA MERAVIGLIA L’era dei pionieri, a cura di Alessandro Serena
CHAPLIN 130 Circo e tv, con Emanuela Andreani, autrice e produttrice RAI
NEXT GENERATION Adolfo Rossomando racconta presente e futuro della giocoleria
I MESTIERI DEL CIRCO Luisa Cuttini e l’organizzazione di un festival di clown
LIVE! Performance dal vivo de El alma de Cuba

MERCOLEDÌ 20 NOVEMBRE, ORE 21.00 c/o la Scuola di Arti Circensi e Teatrali di Milano
CIRCUS MOVIE Alessandro Serena presenta Nuovo Cinema Circo (a cura di Raffaele De Ritis / progetto Quinta Parete) e Il clown e lo schermo (di Maurizio Accattato)

GIOVEDÌ 21 NOVEMBRE DALLE 14.30 ALLE 17.30
IL CIRCO, STORIA DELLA MERAVIGLIA L’era dei colossi, a cura di Alessandro Serena
CHAPLIN 130 La poesia del teatro fisico del quartetto ucraino Dekru
NEXT GENERATION Daniel Romila, tra Parada e circo sociale
I MESTIERI DEL CIRCO Comunicare circo secondo Annalisa Bonvicini (MagdaClan) e Giulia Guiducci (Tutti Matti per Colorno)
LIVE! Performance dal vivo di Claudio Madia

VENERDÌ 22 NOVEMBRE DALLE 14.30 ALLE 17.30
IL CIRCO, STORIA DELLA MERAVIGLIA L’era contemporanea, a cura di Alessandro Serena, Valeria Campo, Mimma Gallina e Oliviero Ponte di Pino
NEXT GENERATION Un nuovo modo di percepire lo spettacolo circense con Lorenzo Baronchelli
I MESTIERI DEL CIRCO Rebecca Magosso, da studentessa a insegnante
LIVE! Performance dal vivo di Maurizio Accattato e Pronto Intervento Clown

LUNEDÌ 25 NOVEMBRE DALLE 13.30 ALLE 16.30 – UNIVERSITÀ IULM (Aula 402)
IL MIMO, ARTE SUBLIME TRA CIRCO E CINEMA Incontro con i Dekru e performance dal vivo, a cura di Valentina Garavaglia e Alessandro Serena

MARTEDÌ 26 NOVEMBRE DALLE 13.30 ALLE 16.30 – UNIVERSITÀ IULM (Aula 401)
IL MIMO, ARTE SUBLIME TRA CIRCO E CINEMA Incontro con i Dekru e performance dal vivo, a cura di Valentina Garavaglia e Alessandro Serena

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol