Passa ai contenuti principali

Aldo e Lella Fabrizi, insieme dalla cucina al teatro.

Tributo alla romanità: Aldo e Elena Fabrizi. Dalla storica trattoria "Sora Lella" ad uno spettacolo inedito in scena a gennaio 200 al Teatro Due, "L'acqua e la farina", a 30 anni dalla scomparsa del grande attore.

Ci sono personaggi e ricordi che permangono indelebili e regalano emozioni senza tempo. Aldo e Elena Fabrizi, per tutti "Sora Lella", sono di certo due figure storiche che tanto hanno regalato alla città di Roma e ai romani e proprio per questo, in occasione del sessantesimo anniversario della Trattoria ‘Sora Lella’, sono stati celebrati anche dalla Sindaca Virginia Raggi, intervenuta nel locale situato sull'Isola Tiberina ed eletto come luogo simbolo della città. 

Una targa, ma sopratutto un segnale di gratitudine verso chi ha saputo donarsi tanto e con il cuore. Tra ritagli di giornali, foto dell'epoca, poesie e curiosità la giornata-tributo è stata caratterizzata da momenti decisamente emozionanti. Un viaggio tra i valori, tradizione, sacrificio, passione, che i fratelli Fabrizi hanno trasmesso ai propri nipoti, presenti e orgogliosi di sottolineare anche l’altro saggio consiglio ricevuto: "Mai trascurare la propria romanità e la buona cucina". E così Aldo, grande interprete del cinema e del teatro che conservava gelosamente la sua provenienza popolare, e Lella, attrice semplice e riservata che è diventata una icona del cinema verdoniano e della cucina tradizionale, sono stati al centro di un evento unico, organizzato anche con lo scopo di presentare uno spettacolo inedito, “L’Acqua e la farina”, in scena dal 29 Gennaio al 2 Febbraio 2020, con annessa mostra fotografica al Teatro Due di Roma. 

A 30 anni dalla morte di Aldo Fabrizi lo spettacolo, prodotto da TeatroSenzaTempo Produzione, con il benestare degli eredi Fabrizi/Trabalza, il Patrocinio del Comune di Roma e la collaborazione della pagina della comicità ‘Il Socio Aci’ e Volume Entertainment, vedrà sul palco una storia fatta di sentimenti, del vivere quotidiano dei protagonisti e della loro passione genuina per la cucina, con un cast di bravissimi attori composto da Antonio Nobili, nel ruolo di Aldo, Mary Ferrara, nel ruolo di Lella, con Alessio Chiodini, Sara Morassut e la partecipazione di Mauro Trabalza (nipote di Fabrizi). 

Un susseguirsi di stati d’animo ha conquistato i numerosi invitati, tra i quali Erminia Manfredi, coccolata dal figlio Luca e dal nipote Matteo, Giancarlo Magalli, fiero di aver conosciuto il celebre artista, che ha raccontato alcuni aneddoti alle attentissime Nadia Rinaldi e Milena Miconi, arrivata con il marito Mauro Graiani. Sorrisi ed emozioni anche per la cantante romana Elena Bonelli, l'attrice Elena Russo e l'ex campione di scherma Stefano Pantano, con la moglie Lucia, che hanno accolto con generosi applausi l’ingresso delle attese portate, golose ricette di famiglia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol