Passa ai contenuti principali

Stagione 2019/2020 al Teatro Comunale di Cagli (PU)




Al Teatro Comunale di Cagli, che nel 2019 festeggia i venti anni dalla riapertura dopo i lavori di restauro, il direttore dell'Istituzione Sandro Pascucci ha composto un cartellone fatto di venti appuntamenti che vogliono rinnovare l'invito al magico rito del Teatro, dove ogni spettacolo è un momento unico e irripetibile. 

Artisti in residenza all'Asilo Teatrale di Cagli

Nel cartellone si distinguono innanzitutto le residenze di preparazione degli spettacoli, con relativa anteprima a Cagli. Le compagnie e gli artisti che hanno scelto di lavorare al comunale sono sia grandi nomi nazionali che compagini locali che si stanno affermando sulla scena. A ottobre 2019 la Compagnia di Teatro Luca de Filippo, guidata da Carolina Rosi, preparerà a Cagli Ditegli sempre di si una delle più fortunate commedie del repertorio eduardiano, con la regia di Roberto Andò e la presenza sul palco, tra gli altri, di Gianfelice Imparato. A novembre arriverà al Comunale Ascanio Celestini, per mettere in scena Barzellette, tratto dall'omonimo libro edito da Einaudi, poi la Compagnia Neverland, ormai nota a livello nazionale, allestirà la prima del nuovo musical La bella e la bestia, che partirà subito per un tour italiano. Poi l'officina teatrale di Cagli ospiterà Giovanni Vernia, per Vernia o non Vernia che vede la collaborazione di Giampiero Solari e Paola Galassi. Ancora una compagnia marchigiana, il San Costanzo Show, preparerà il suo nuovo spettacolo comico Sei personaggi in cerca del settimo con la regia di Oscar Genovese e la direzione artistica di Paola Galassi. A febbraio 2020 Carlo Cecchi lavorerà a Cagli per due atti unici di Eduardo De Filippo, Dolore sotto chiave e Sik Sik l'artefice magico con Angelica Ippolito. Ancora a febbraio Giorgio Pasotti e Mariangela D’Abbraccio con Hamlet, regia di Alessandro Angelini. A marzo 2020 il regista Valter Malosti dirigerà la giovane Roberta Caronia per l'anteprima di Giulietta di Federico Fellini. Ad aprile una residenza internazionale con la Compagnia Aller-Retour Théâtre - Paris per l'anteprima de Il medico per forza di Moliére con regia di Danuta Zarazik.

Un cartellone molto diversificato

Oltre queste anteprime ci sono molti altri artisti in un cartellone che spazia attraverso i generi, fedele all'idea di un teatro aperto a tutti i tipi di pubblico. Da ricordare alcuni spettacoli come il Mistero Buffo di Dario Fo con il giovane talento Matthias Martelli; lo sconfinamento verso il cinema d'autore con la proiezione del film Das cabinet des Dr. Caligari di Robert Wiene (1919 ) restaurato da Cineteca di Bologna con la colonna sonora eseguita dal vivo da Edison Studio; la comicità di Paolo Migone che racconta la musica classica a modo suo con Beethoven non è un cane. Il balletto sarà rappresentato dal Balletto di Mosca - La classique con Il lago dei Cigni e dalla Compagnia Balletto di Milano con La vie en rose - Bolero. Diversi i titoli anche tra opera e operetta, ci sarà la Compagnia Italiana di Operette che porta in scena La Bajadera e poi l'Orchestra e Coro Raffaello che presenta Tosca di Giacomo Puccini. E poi un tuffo tra i miti della musica pop rock con Abba Dream e Queenmania Rhapsody.

Per la prima volta quest'anno una doppia proposta di abbonamento con un Carnet Classico, sette spettacoli a 100,00 €, e il Carnet Comico, tre spettacoli a 30,00 €, anche in questo caso per venire incontro alle diverse esigenze del pubblico.

Da ricordare anche l'attenzione massima al contenimento dei prezzi in tutti gli spettacoli del cartellone, anche per quelli fuori abbonamento. Per questo motivo la direzione ha riproposto la formula Ridotto young - forever young riservata agli under 30 e gli over 65 anni, per favorire il pubblico che vuole avvicinarsi al teatro.


Istituzione Teatro Comunale di Cagli

Ufficio Cultura Comune Cagli - Tel. 0721 780731

www.teatrodicagli.it


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol