Passa ai contenuti principali

Emanuele De Francesco "Vivo" - il videoclip

Quando si dice metterci la faccia: per il primo videoclip tratto da Lettere al neon, album che dalla sua uscita (maggio 2019) ha riscosso consensi unanimi, Emanuele De Francesco ha voluto un’impostazione semplice, diretta, immediata, così come lo racconta in prima persona: “Per Vivo ho voluto essere solo me stesso con nessuno intorno. Lo sfondo è ora un vicolo di periferia ricco di murales, ora un parco deserto con la sola luce, infine una stradina tra le piante, ambienti che mi hanno affascinato per motivi ben precisi. Il vicolo con i murales rappresenta una sorta di rifugio, magazzino per i sogni di chi, spesso la notte di nascosto, lascia una impronta. 



Mi affascinano i murales, specie quelli negli ambienti degradati, perché, al di là di qualsiasi morale, figli di una esigenza espressiva non considerata dalla società, esigenza che equiparo a quella di una canzone. Il parco aperto è il posto di ritrovo per antonomasia, il luogo dove ci si incontra, si parla, le famiglie portano i figli. Apparentemente un luogo di evasione, in questo caso volutamente con solo me stesso, la mia voce e niente altro per ribadire il distacco. Il sentiero tra le piante è una specie di fuga da e verso qualcosa di indefinito, misterioso e affascinante al tempo stesso, da seguire sempre e comunque”.

Con quella faccia un po’ così, ma senza nascondersi, Emanuele De Francesco canta Vivo con la stessa verve che gli dedica nelle apprezzate presentazioni in concerto, dando alla canzone tutta l’importanza che ha, visto che è proprio l’ouverture di Lettere al neon, un posto di riguardo anche nell’anticipare e definire i temi che poi seguono nel corso dell’intero album. Una riflessione a viso aperto che Emanuele De Francesco puntualizza ancora una volta così: “Nonostante tutte le domande che potrai fare, le persone a cui potrai rivolgerti, a volte senti che non troverai le risposte. Anzi, forse risposte proprio non ci sono. Allora in quell’attimo di disincanto e accettazione, ti accorgi che solo mettendo a nudo tutto te stesso, scavando in profondità, puoi dettare tu le regole per sentirti vivo, nonostante società, amici, persone, chiedano conto. Non c’è niente altro di cui hai bisogno: solo, soltanto dell’orgoglio”. Vivo apre anche la serie di videoclip tratti da Lettere al neon e che prevede, a breve, la pubblicazione di Irene nel vuoto, una canzone che, dal punto di vista delle immagini, rappresenta già una bella sfida.

Lettere al neon (Sciopero Records, distribuzione Self) è disponibile in tutti i negozi di dischi e su tutte le piattaforme.


 


 CREDITI VIDEO

Titolo: Vivo

Artista: Emanuele de Francesco

Regista e autore: Valerio Bertoli

Produzione: Orange photos by Valerio Bertoli

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide