Passa ai contenuti principali

Claudio Insegno parla di Sweeney Todd - "ho esasperato nel teatro quello che c'è di horror nel film."

SWEENEY TODD Il Diabolico Barbiere di Fleet Street sta per debuttare in Italia, prodotto da Dimensione Eventi, diritti della produzione originale di Broadway dall’MTI Europe, adattamento liriche di Emiliano Palmieri e direttore della Ensemble Symphony Orchestra, il Maestro Giacomo Lo Prieno, regia di Claudio Insegno.
Leggete cosa mi ha raccontato...








Sweeney Todd è uno spettacolo molto diverso dai musical che hai diretto negli ultimo anni. Che impronta hai dato alla regia?

L'impronta che ho dato alla regia non è né quella originale né quella di Tim Burton naturalmente, si avvicina molto di più a un'impronta un po' moderna rimanendo sempre nella stessa epoca con costumi e scenografie di quel tempo. Ho dato un ritmo più moderno, con modi di cantare e recitati più vicini a noi. C'è la parte lirica ovviamente ma si avvicina molto di più al musical che và tanto di moda in questo momento. E' molto ironico sopratutto dal punto di vista di Gran Guignol perché amo l'horror e quindi ho esasperato nel teatro quello che c'è di horror nel film.

Che cosa ti piace di più di questa storia?
Quello che mi piace di più di questa storia, come dicevo prima, è che si avvicina molto al Grand Guignol, c'è molto sangue, è molto drammatica ma c'è una sottile vena ironica dietro questo dramma, l'esasperazione, l'esagerazione dei personaggi... sembrano quasi delle macchiette, dei burattini, e hanno un aspetto completamente diverso dai personaggi da musical che abbiamo visto fino ad ora. L'ironia che si mescola con la drammaticità è la cosa che mi piace più di tutto. E' stato molto difficile. Un performer, bene o male, è capace in tutte e tre le discipline, ma qui servivano canto e recitazione perfetti.

E' stato difficile trovare il cast adatto?

Trovate il cast adatto è stato difficilissimo perché naturalmente serviva qualcuno che sapesse cantare benissimo questi brani, amarli al punto di sentirseli dentro perché sono molto difficili da cantare. Il performer sì, ma qui serviva un cantante attore, bisognava trovare una persona con le caratteriste di un attore teatrale al 1000% e con una bravura tecnica superiore alle aspettative, perfetto dal punto di vista canora che attoriale, qui la danza non ci interessa.

Ci sono differenze tra l'originale e l'adattamento italiano?

Ci sono delle parole che non equivalgono molto bene, non sono facile da tradurre per quanto riguarda la lingua italiana, però Emiliano Palmieri è stato talmente bravo da riuscire a fare un qualcosa di originale, di bello che ha sicuramente lo stesso effetto dell'originale.

Invita il pubblico a venire a vedere Sweeney Todd.
Venite a vedere questo musical diverso in tutti i sensi. Prima si diceva che Kinky Boots e Priscilla erano dei musical diversi, ma questo è ancora più diverso anche perché è quasi all'80% cantato. Venite a vedere questo musical perché si vedranno cose che non si sono viste fino ad ora. Non parlo di effetti speciali ma di sensazioni canore e visive. Ne vedrete sicuramente delle belle!!!



Commenti

Post popolari in questo blog

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di