Passa ai contenuti principali

In primo piano

Trani Teatro Clown. L'Intervista al direttore artistico Santo Nicito.

  E' stata una prima edizione di grande successo quella del Trani Teatro Clown Festival Internazionale che dal 6 all'11 luglio ha rallegrato la città di Trani con spettacoli, incontri, laboratori e workshop tutti incentrati sulla figura del Clown. Tantissimi i partecipanti per un'edizione che ha rappresentato solo l'inizio di una nuova avventura che continuerà anche d'inverno nella bellissima città pugliese. Abbiamo intervistato Santo Nicito direttore artistico della Rassegna.       E' terminato da poco il Trani Teatro Clown qual è il bilancio di questa esperienza? Assolutamente positiva! I numeri sono dalla nostra parte, questo dimostra che l’offerta messa in campo ha   suscitato curiosità e interesse. Questa prima edizione del Trani Teatro Clown Festival Internazionale è stata la realizzazione di un sogno. Un vero miracolo! Abbiamo gettato le basi per quello che già da settembre, per la seconda edizione, speriamo e vogliamo sia un progetto molto più

AL VIA LE RIPRESE DEL PRIMO FILM DE «I LEGNANESI» IN ONDA PROSSIMAMENTE IN PRIMA SERATA SU RETEQUATTRO

Al via da domani, giovedì 31 ottobre, le riprese di “Non è Natale senza panettone”, primo film per la TV prodotto da Mediaset, con la storica compagnia teatrale de «I Legnanesi».

Prossimamente in onda in prima serata su Retequattro, il lungometraggio girato tra Legnano, Milano e Napoli racconta un nuovo capitolo della vita della Famiglia Colombo. Questa volta «I Legnanesi» sono alle prese con lo sfratto dal cortile, raso al suolo per la costruzione de L’outlet del Pandoro.

Assieme a numerose guest star provenienti dal piccolo schermo, “Non è Natale senza panettone” vede La Teresa, La Mabilia e Il Giovanni trasferirsi a Napoli, pronti a iniziare una nuova vita senza però rinunciare alle proprie tradizioni.

Da 70 anni esempio più celebre di teatro en travestì in Italia, «I Legnanesi» appassionano il pubblico con una comicità unica, frutto di una cultura popolare espressa attraverso l’uso dell’italian-dialetto, spassoso mix di italiano e lumbard.

In scena, le maschere create nel 1949 da Felice Musazzi sono impersonate dall’autore e capo della Compagnia Antonio Provasio (La Teresa); Enrico Dalceri (La Mabilia); Lorenzo Cordara (per la prima volta nei panni de Il Giovanni).

Commenti

Post più popolari