Passa ai contenuti principali

VILLA FARINACCI - SECONDA SETTIMANA DI PROGRAMMAZIONE



ATTI O SCENE IN LUOGO PUBBLICO 

VILLA FARINACCI TEATRO FESTIVAL

SECONDA SETTIMANA DI PROGRAMMAZIONE
6/7/8 SETTEMBRE 

direzione artistica Felice Della Corte


Dopo il successo dei primi appuntamenti, continua a Villa Farinacci la programmazione di Atti O Scene in Luogo Pubblico diretta da Felice Della Corte e fortemente voluta dal IV Municipio di Roma Capitale.

Il 6 settembre alle ore 21.00 è in scena La Storia d'Ita(g)lia il testo scritto e diretto da Marco Simeoli con Daniele Derogatis, Valeria Monetti, Maurizio Paniconi e Alessandro Triocchi. Un’insegnante decide di mettere in scena la storia d’Italia e di obbligare tre ragazzi e i loro papà a recitare. Nemmeno l’Unità però si fece in un giorno solo e tra liti, tentativi di abbandono e colpi di scena, “La Vera Storia d’Ita(g)lia” rischia di non debuttare.

E se Romolo e Remo avessero avuto un terzo fratello? Tre alunni delle superiori presentano un lavoro di gruppo sulla storia d’Italia. La professoressa decide di farne un copione da mettere in scena e di obbligare i papà dei tre ragazzi a recitare. Le prove metteranno a nudo la loro psicologia: il rapporto coi figli, con la scuola e con l’essere genitori al giorno d’oggi. Lo spettacolo sarà l’occasione per raccontare la Storia d’Italia in chiave comica, ma anche per riscrivere seriamente le proprie vite. Nemmeno l’Unità però si fece in un giorno solo e tra liti, tentativi di abbandono e colpi di scena, “La Vera Storia d’Itaglia” rischia di non debuttare.

Il 7 settembre alle ore 18.00 spazio ai bambini con le avventure di Sherlock Holmes.Adattamento e regia Matteo Montaperto con Alessia Francescangeli, Riccardo Giacomini e Guido Goitre.

Londra 2017, Baker Street. Mary, una giovane ragazza, riceve per posta un pacco misterioso contenente delle lettere scritte a mano e legate, fra loro, da un filo rosso di seta. Incuriosita, decide di iniziare a leggere i manoscritti e scopre con grande sorpresa che la mittente è Mrs Mary Morstan: la sua bisnonna. Realizza in poco tempo che le storie bizzarre che aveva tante volte sentito su quella curiosa vecchietta erano vere. Più di un secolo prima, infatti, proprio nell'appartamento di Mary abitava l'investigatore più famoso di tutti i tempi, un vero e proprio genio degli enigmi e dei travestimenti: il suo nome era Sherlock Holmes. La vicenda si sposta quindi nella nebbiosa Londra di fine Ottocento. L'investigatore fa conoscenza del suo fedele assistente Watson e i due, divenuti amici inseparabili, si trovano ad affrontare il cattivo più cattivo di tutti, lo scienziato pazzo Moriarty, che li metterà sotto scacco a suon di indovinelli diabolici. Ma Sherlock è un osservatore attento e vede indizi dove un occhio allenato potrebbe vedere soltanto un “pubblico in sala”. Colpi di scena, geniali espedienti e gags esilaranti, condurranno lo spettatore nelle indagini, divertenti e argute.l nostro Holmes, fino alla scoperta della verità.

L'8 settembre alle ore 21.00. il sipario si alza sul capolavoro di Gianni Clementi:Ben Hur. In scena Nicola Pistoia, che ne firma la regia, con Paolo Triestino ed Elisabetta de Vito. Lo sfondo è Roma. Roma che accoglie e che respinge, Roma sempre più incattivita, eppure capace di generosità inaspettate. Lo "straniero" oggi è sempre più parte di questa città, volenti o nolenti. In Ben Hur ha le vesti di un ingegnere bielorusso (Milan, rigorosamente clandestino), che irrompe con il candore di chi spera in un futuro migliore, e che poi, con la forza di uno tsunami, rivitalizza il grigio percorso di due fratelli, Sergio e Maria, separati e costretti ad una grigia convivenza coatta, in una grigia periferia.

Lui, ex-stuntman in attesa di un risarcimento per un incidente sul set de "Salvate il soldato Ryan", trascina le sue giornate al Colosseo dove, vestendo i panni di un centurione, si presta alle canoniche foto con i turisti. Lei, invece, si impegna in una squallida chat erotica telefonica. Lavora da casa, in vestaglia, ciabattando tra una stanza e l'altra. Con Milan arriveranno un progressivo benessere, energie nuove, una biga e forse un nuovo amore. E poi…il resto lo scoprirete a teatro.
-------------------------------------------
Atti O Scene in Luogo Pubblico

Villa Farinacci Teatro Festival

Direzione artistica Felice della Corte

6 e 8 settembre ore 21.00

7 settembre ore 18.00

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol