Passa ai contenuti principali

BLISS - Prima Nazionale al Teatro Gerolamo


Venerdì 27 e Sabato 28 settembre 2019 ore 20.00 – TEATRO GEROLAMO

Prima nazionale

Anna Della Rosa – Federica Castellini
BLISS
al violoncello Antonio Cortesi
dramaturg Simone Faloppa
regia Simone Toni
produzione Gli Incauti

Venerdì 27 settembre (ore 20) si inaugura la nuova stagione del Teatro Gerolamo con l’anteprima nazionale di BLISS, tratto da Katherine Mansfield con Anna Della Rosa e Federica Castellini. La regia è a firma di Simone Toni, la drammaturgia di Simone Faloppa e la produzione Gli Incauti.


In una domesticissima sala dei giochi, alcune glamourose e comiche donne comuni - smunte e fragili come la porcellana - condividono le loro folli, infantili e cieche speranze come fossero crepe; la loro caotica emotività come fosse un sentiero.

Perché mai lo fanno ridendo? Perché si sentono così tenere verso lo spietato mondo intero?

Sono schiave di una condizione di perfetta felicità interiore, di uno stato di beautitudine (bliss). È questa forza a innalzarle a piccoli oracoli domestici, sospesi tra l’euforia e il vuoto tipico delle alte quote.


NOTE DI REGIA

Che tipo di colori vengono fuori da quest’autrice di un pugno di racconti brevi? Spremute, estratti, centrifughe di vita. La brevità di respiro di Katherine Mansfield ci è sembrata così familiare, così prossima da provarne quasi invidia e nostalgia. Come se da quelle immagini seppiate di primo Novecento una punta di colore facesse l’occhiolino a questi nostri tempi inquieti. BLISS - parola inglese, sanscrita e ayurvedica intraducibile correttamente - racconta la quotidiana parabola di beatitudine della 30enne Bertha Young, che brucia nei dettagli rari (quanto insignificanti) di una mondanissima cena tra amici. Per paura che ci sfuggisse una scrittura dell’esperienza così preziosa e insostenibilmente leggera, abbiamo tentato allora di mettere a dialogo questa ambiziosissima scrittrice con le varie parti di se stessa, come in una sinfonia della personalità. Perché ogni cosa ha la sua ombra. E non sono che le fiabe le cose che veramente viviamo.


IL CAST

Anna Della Rosa

Diplomata alla scuola d’arte drammatica Paolo Grassi, ha la fortuna e la gioia di lavorare, fra gli altri, con Toni Servillo, Lluis Pasqual, Pascal Rambert, Martin Kusej e Valter Malosti. Ha vinto il premio Duse e il premio Eti Gli Olimpici del teatro come migliore attrice emergente. È la ragazza esangue nel film premio Oscar La grande bellezza di Paolo Sorrentino.


Federica Castellini

Si diploma alla scuola del Piccolo Teatro di Milano. Lavora con Luca Ronconi. Fonda e co-dirige dal 2008 la compagnia de Gli Incauti. È attrice protagonista per M. Castri, F. Branciaroli, F. Bruni-Teatro dell’Elfo e B. Fornasari.


Simone Toni

Si diploma alla scuola del Piccolo Teatro di Milano. Lavora con Luca Ronconi (come attore e assistente alla regia) in oltre 14 produzioni, dal ’99 al ’08. Fonda e dirige dal 2008 la compagnia de Gli Incauti, alternandosi con ruoli di primo piano con registi quali G.Lavia, R.Castellucci, M.Sciaccaluga. È regista-ospite dal 2017 del Teatro Nazionale di Genova.


Simone Faloppa

È attore di prosa, dramaturg e storyteller, alternandosi tra prosa e teatro musicale. Collaboratore a progetto per il Teatro Nazionale della Toscana, come educatore e maestro di strada sviluppa progetti sul territorio nazionale per combattere il fenomeno della dispersione scolastica. È umanista, e bibliofilo.


Antonio Cortesi

Diplomato in violoncello e musica da camera. Primo violoncello per La Corelli di Ravenna, partecipa a festival e rassegne italiane e europee, collaborando con Giuliano Scabia. Suona un violoncello Custode Marcucci del 1920.


Katherine Mansfield

Scrittrice, poetessa e violoncellista neozelandese, Kathleen Beauchamp cresce anticonformista e appassionata, dominata da una furia isterica di vivere. Nel 1902 lascia la nativa Wellington in cerca della propria voce di scrittrice nella Londra più bohemienne e contestatrice, battezzandosi Katherine Mansfield. Qui incontra e sposa il critico letterario John Middleton Murry - vicino al Bloomsbury Group - che diventerà il biografo e curatore post-mortem dei suoi preziosissimi diari minuti e dei suoi epistolari. Nel 1915 la morte al fronte dell’adorato fratello Leslie le provoca il primo tracollo psico-fisico. Nel 1916 incontra Virginia Woolf, che rimane stregata dalla sua dostoevskiana innocenza ferita e la introduce alla prestigiosa casa editrice Hogarth Press. A 29 anni, le viene diagnosticata la tubercolosi. Sola, malata e libera, viaggia, provando terapie e cure alternative nei vari sanatori europei, fino ad arrivare a Fontainbleau-Avon, presso l’Istituto Per lo Sviluppo Armonico dell’Uomo fondato da G.I. Gurdjieff. Muore tre mesi dopo, 34enne, la notte del Natale ortodosso del 1923. Lascia scritto in cirillico, su un piccolo taccuino: “carta, cenere, legna”. Dal 1945 ad oggi l’edizione completa dei suoi racconti brevi di persone comuni sono annoverati, insieme a D.H. Lawrence, Virginia Woolf e James Joyce, tra i capisaldi della moderna letteratura inglese.
----------------------------------------------------------------------------------------

durata spettacolo: 60 minuti

RIDUZIONI e CONVENZIONI
Il Teatro Gerolamo aderisce al programma ‘Teatro, Cinema, Concerti... in BICI biglietto ridotto’: chi dimostra di essere venuto a teatro in bicicletta ha diritto a un biglietto al prezzo di 8,00 euro.

Carnet del Teatro Gerolamo: 4 ingressi a 68 euro o 6 ingressi a 96 euro.
Continuano infine le riduzioni abituali.
Tutte le info sul sito www.teatrogerolamo.it.

PREZZI: da 6 a 25 euro


INFORMAZIONI

Prenotazioni: 02 36590120 / 122 | 02 45388221 | biglietteria@teatrogerolamo.it

Scuole e Università / Gruppi organizzati: chiara.scordamaglia@teatrogerolamo.it



TEATRO GEROLAMO

Piazza Cesare Beccaria 8 – 20122 Milano

Tel. 02 36590120 / 122 (uffici) | 02 45388221 (biglietteria)

Email info@teatrogerolamo.it

www.teatrogerolamo.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol