Passa ai contenuti principali

ROSANNA OBERBIZER DEBUTTA CON IL ROMANZO “IL GIORNO IN CUI SEGUIMMO LE API”

La scrittrice milanese Rosanna Oberbizer debutta con il suo primo romanzo “Il giorno in cui seguimmo le api”.
Il libro racconta la storia di Tommaso, che ha 13 anni e vive in una grande città. Intelligente e un po’ timido, coltiva un sogno: per una volta, vorrebbe sentire su di sé gli sguardi ammirati dei compagni di classe, mentre racconta una storia avvincente alla festa di Halloween.

È un ragazzino razionale, quindi procede con metodo. Comincia a navigare su Internet alla ricerca di ispirazione, fino a quando non si imbatte in una leggenda sorprendente, ambientata nella cittadina di mare dove trascorre l’estate da quando è nato. In un attimo i piani cambiano: l’occasione è diventare protagonista di una vera avventura e, a confronto, limitarsi a raccontarla non è così emozionante.

C’è un mistero da risolvere, una grotta da esplorare, un segreto da svelare. Per tutto questo, coinvolge gli amici di sempre, quelli di ogni estate. Con Filippo, Andrea e Stefania, Tommaso affronta molte sfide, imparando ad ascoltare, condividere e ammettere che, in ogni avventura che si rispetti, non tutto può essere programmato.

“L’idea del libro nasce in un pomeriggio di luglio di alcuni anni fa, osservando un gruppo di ragazzini intenti ad architettare grandi spedizioni e avventure su una spiaggia della Liguria” - racconta Rosanna Oberbizer - “La visione ha evocato molte suggestioni: il tempo dilatato e apparentemente infinito delle estati di quando ero piccola, le giornate che prendevano ritmi del tutto inusuali, la paura di mettersi in gioco e il desiderio di essere riconosciuti, l’odore buono del sole sulla pelle. Tutto il resto è nato da sé”.

Vi è venuta voglia di leggere “Il giorno in cui seguimmo le api”? Prima questa emozionante storia deve vincere una piccola ma preziosa sfida: portare a termine, con un bel 100%, la sua campagna crowdfunding.

Il romanzo, infatti, è stato selezionato dalla casa editrice bookabook che ha scelto (con successo) un nuovo modo di fare editoria: sono proprio i lettori, infatti, a scegliere le storie che diventeranno libri attraverso una raccolta crowdfunding sui preordini.

Se infatti “Il giorno in cui seguimmo le api” raggiungerà i 200 preordini entro il 15 agosto potrà entrare in catalogo.

Intanto un primo obiettivo è già stato raggiunto: tutti quelli che effettuano il preordine hanno la garanzia di ricevere la propria copia, qualunque sia l'esito della campagna.

Nota importante: per tutti i preordini effettuati tra il 1 luglio e il 15 agosto (in versione cartacea o ebook), l'autrice si impegna a donare 1 euro all'Associazione Gaslini Onlus.

CHI È ROSANNA OBERBIZER

Nata e vissuta a Milano, lavora come copy strategist in un'agenzia di comunicazione digitale. Un percorso costruito sul delicato equilibrio tra la passione per il linguaggio e una leggera fissazione per i numeri che, nell'evoluzione dell'attuale mercato digitale, si rivela un discreto colpo di fortuna.

Da sempre affascinata da ogni forma di affabulazione, legge dall'età di 5 anni e scrive da quando, a 7, scopre una Olivetti Lettera 32 in casa. Da lì in poi, si innamora della sensazione di potersi esprimere attraverso un elemento di mediazione, che invece di ridurre la potenza del messaggio, gli regala una nuova vita.

Crowdfunding “Il giorno in cui seguimmo le api”: https://bookabook.it/libri/giorno-cui-seguimmo-le-api/




Seguite Rosanna Oberbizer anche su

Blog – www.popstory.it

Facebook - https://www.facebook.com/PopStory.Blog

Instagram - https://www.instagram.com/popstory_blog/

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol