Passa ai contenuti principali

ARTISTI 7607 PRESENTA "STUDIO PER UN’ISTRUTTORIA"


Venerdì 2 agosto 2019, ore 21.30
I Solisti del Teatro, in Via Flaminia, 118 - Roma
Logo_Artisti7607_rid.jpg
presenta
STUDIO PER UN’ISTRUTTORIA
da Peter Weiss

con gli attori
Adele Armas, Alessandra Mosca Amapola, Andrea Dugoni, Cinzia Scaglione, Davis Tagliaferro, Elisa Menchicchi, Federico Baldini, Ira Fronten, Luca Di Capua, Luca Guastini, Luce Pittalis, Lucia Bianchi, Maria Concetta Liotta, Marit Nissen, Nunzia Mita, Ornella Lorenzano, Piero Nicosia, Rocco Tedeschi, Teodoro De Cristofaro, Serena Di Marco, Valentina D’Amico, Rossella Ambrosini, Luca Restagno e altri attori e attrici di Artisti 7607
Regia PAOLO SASSANELLI

Co-Regia SALVO TRAINA - Coordinamento Artistico DAVIS TAGLIAFERRO
Batteria Paolo Bax - Grafica Progetto Tangram



Venerdì 2 agosto, nell’ambito della rassegna I Solisti del Teatro in Via Flaminia, 118, sarà presentato il lavoro conclusivo della palestra per attori, un progetto di formazione annuale e gratuito voluto dalla collecting Artisti 7607 e coordinato da Davis Tagliaferro e Salvo Traina.

Il gruppo di attori che ha frequentato la palestra durante l'inverno, porterà in scena Studio per un'Istruttoria, da Peter Weiss, con la regia di Paolo Sassanelli (tra i coach della palestra), che dirigerà la mise en espace degli interpreti Adele Armas, Alessandra Mosca Amapola, Andrea Dugoni, Cinzia Scaglione, Davis Tagliaferro, Elisa Menchicchi, Federico Baldini, Ira Fronten, Luca Di Capua, Luca Guastini, Luce Pittalis, Lucia Bianchi, Maria Concetta Liotta, Marit Nissen, Nunzia Mita, Ornella Lorenzano, Piero Nicosia, Rocco Tedeschi, Teodoro De Cristofaro, Serena Di Marco, Valentina D’Amico, Rossella Ambrosini Luca Restagno e altri attori e attrici di Artisti 7607.

Uno studio in cui verranno inscenati alcuni degli undici canti narrati dall'autore Peter Weiss. Racconti drammatici, asciutti, anestesie delle emozioni, attraverso un “lento” e progressivo annientamento dell’essere umano. Carnefici e vittime di nuovo a confronto: “Cosa spinge un individuo, un gruppo e infine una società a comportamenti tanto estremi ed aberranti, fino a non riconoscere l'altro come una persona? Ma soprattutto, come possiamo difenderci per non replicare il più grande crimine contro l’umanità?"

Il dramma L’Istruttoria, si basa sulle note prese da Weiss durante le sedute del processo di Francoforte contro un gruppo di SS e di funzionari del Lager di Auschwitz, che si tenne a Francoforte sul Meno tra il 10 dicembre 1963 e il 20 agosto 1965. Questo fu il primo processo voluto dal governo tedesco per giudicare le responsabilità del nazismo nella tragedia dell'olocausto. Nelle 183 giornate di processo vennero ascoltati 409 testimoni, 248 dei quali sopravvissuti al campo di sterminio. La sentenza fu emessa il 19 agosto del 1965; 6 imputati furono condannati all'ergastolo, 11 furono condannati dai 3 ai 14 anni di prigione, 3 furono assolti.

NOTE DI REGIA di Paolo Sassanelli
La cosa che mi ha sempre ossessionato quando vedevo film, documentari o leggevo libri sulla Shoa, era la consapevolezza che l’inizio della perdita dell’umanità e della dignità della persona, cominciava nel momento in cui le donne, i bambini, gli anziani e gli uomini salivano in quei vagoni, vagoni che li avrebbero consegnati all’inferno dei campi di concentramento. Quel viaggio spesso durava 5 giorni. Cinque lunghissimi interminabili giorni, ore, minuti infiniti dentro un carro bestiame, uno accanto all’altro o meglio sopra l’altro, appiccicato, sentendone il respiro, l’odore, la paura e la certezza che il mondo che avevano conosciuto fino a poco prima si era capovolto, trasformato, dissolto… scomparso. Questo è il punto di partenza.

In questo strano vagone di umanità verranno vomitati i vari interpreti che daranno vita, canto dopo canto, allo spettacolo, in cui troveranno voce anche i vari giudici, procuratori e avvocati difensori del processo rappresentato (Processo di Francoforte 1963). La musica e i canti (eseguiti dal vivo) sono il contrappunto al racconto dettagliato della tragedia della shoa. Il nostro scopo e di portare il pubblico non solo a partecipare in quanto spettatori a questo evento ma consegnargli la forza della memoria e le domande che da essa nascono.

PALESTRA PER ATTORI DI ARTISTI 7607
Coordinamento Artistico Davis Tagliaferro - Direzione Organizzativa Salvo Traina

Coach (ciclo “Istruttoria”) Paolo Sassanelli

“Se non ti alleni il primo giorno lo sai tu, se non ti alleni il secondo giorno lo sa il tuo allenatore, se non ti alleni il terzo giorno lo vede anche il pubblico… e così un casting o un regista”.

L’obiettivo della Palestra per Attori di Artisti 7607 è di consentire un costante allenamento psico-fisico degli interpreti, avvalendosi anche della partecipazione e dell’esperienza di diversi “Coach” che si susseguono in cicli di lavoro della durata di 2/3 mesi l’uno circa. Nella palestra ognuno può portare il proprio bagaglio e condividerlo. E’ possibile condividere un training, così come preparare monologhi, scene o provini (se occorre aiutati da una o più spalle), iniziare a lavorare su personaggi in vista di un lavoro, sperimentare scene, linguaggi, fare self tape quando ci vengono richiesti. Le fasi di lavoro sono principalmente due. Nella prima parte si inizia con un training per seguire con lo sviluppo delle scene (preparazioni di provini, self tape, personaggi etc). Nella seconda parte il ciclo di studio con il Coach di turno. Al momento la palestra conta circa 80 attori iscritti, con presenze ad ogni incontro di circa 30 elementi.

ARTISTI 7607, La Collecting degli Artisti

La collecting che svolge l'attività di amministrazione e intermediazione dei diritti connessi al diritto d’autore. Artisti 7607 raccoglie e distribuisce i compensi dovuti agli artisti per ogni specifica utilizzazione delle opere di cui sono interpreti. Promuove attività di studio, ricerca, formazione e sostegno per gli artisti interpreti e nel libero mercato tutela la facoltà degli artisti di scegliere a chi affidare la gestione dei loro diritti. La collecting è nata nel 2013, fondata dai soci fondatori della cooperativa Artisti 7607: Urbano Barberini, Paolo Calabresi, Luca D’Ascanio, Augusto Fornari, Elio Germano, Carmen Giardina, Neri Marcoré, Cinzia Mascoli, Alberto Molinari, Paco Reconti, Alessandro Riceci, Claudio Santamaria e Giulia Weber.

Biglietti da 10 € a 15 €



ARTISTI 7607
Via Giovanni Battista Tiepolo, 21 • 00196 Roma +39 06 45472189 • +39 06 3242860 • +39 339 1636757
Sportello informativo dal lunedì al venerdì, dalle 15.00 alle 18.00

Social Network Artisti 7607:

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide