Passa ai contenuti principali

"Viva la Vida" all'Estate Sforzesca - artista ospite Ambra Angiolini

Foto Giuliano Grittini
Prosegue il viaggio del CETEC con Frida Kahlo arricchendosi di nuovi incontri.
Ambra Angiolini sarà l’artista ospite della magica tappa artistica e teatrale di venerdì 28 giugno per l’Estate Sforzesca. L’attrice sta compiendo da tempo una propria ricerca sull’artista messicana. La regista e direttrice artistica Donatella Massimilla spiega: «il lavoro autoriale delle attrici Fride detenute, conosciuto attraverso il racconto di un amico comune, Diego Sileo (curatore della mostra allestita al MUDEC “Frida. Oltre il mito”), ha emozionato Ambra ed è bastato un attimo perché si sentisse coinvolta, decidendo di esserci e condividere con noi la performance al Castello.

Insieme a lei ci vengono a trovare anche Elodie Lebigre della Compagnia del Carnevale di Viareggio (cantante e ideatrice con la sua famiglia del Carro ispirato alla pittrice messicana) e la Frida principale del carro di Viareggio “Adelante”, Sonia Cortopassi, che si muoverà danzando nella performance delle attrici detenute. Gilberta Crispino, attrice e cantante storica del CETEC, farà rivivere la voce di Chavela Vargas, cantante messicana originaria della Costa Rica tanto amata dalla pittrice».


Sul palco Ambra Angiolini, Gilberta Crispino e la stessa Massimilla daranno corpo a pagine dal Diario di Frida e voce a canzoni e poesie dedicate a Frida dalle detenute che ancora non hanno il permesso di uscire dal carcere. Insieme alle artiste, troveremo in scena oltre 16 persone, pronte a incarnare coppie di Fride, ammantate nei foulard scenografici del fotografo e artista Giuliano Grittini. Tocca a loro narrare le proprie pagine di diario dedicate a Frida, coinvolgendo parte del pubblico a partecipare alla performance. Il tutto in un’ottica di inclusione e abbattimento della quarta parete. Le Fride declameranno nelle loro lingue d’origine versi e dediche alla pittrice messicana, accompagnate dalla traduzione anche in LIS grazie al supporto del Pio Istituto dei Sordi.

“VIVA LA VIDA” in viaggio con FRIDA KAHLO vuole essere un nuovo e prezioso momento artistico e di incontro con la città, rinnovando l’inno alla vita e alla re-esistenza culturale del CETEC che festeggia nel 2019 trent’anni di attività artistica.

Per l’occasione una vera e propria chicca: a partire dalle 19 trucco a tema Frida con la make up artist Tania Sartini. Sarà presente anche lo stand coi lavori artistici dedicati a Frida Kahlo di Giuliano e Linda Grittini, i cui proventi andranno a sostegno dei laboratori teatrali tenuti dal CETEC.

Alla serata del 28 giugno presenzierà il direttore del carcere di San Vittore, il dott. Giacinto Siciliano. Si ringraziano per la collaborazione la Direzione e il personale del carcere di San Vittore e del carcere di Bollate e la Magistratura di Sorveglianza.

Un invito ai partecipanti: postate immagini e video della serata con #vivalavidafrida #estatesforzesca così da condividere ulteriormente quest’esperienza.
-----------------------------

“VIVA LA VIDA” in viaggio con FRIDA KAHLO Performance teatrale tributo a Frida Kahlo

diretta da Donatella Massimilla

con le attrici detenute ed ex detenute: Barbara Comisso, Jackson Do Leite, Mariangela Ginetti, Andrea Honsbourg, Ivna La Mart, Dalia Nieves, Betsy Subirana

Artista ospite: Ambra Angiolini

Cantante: Elodie Lebigre

Chavela Vargas/Tina Modotti: Gilberta Crispino

Frida che danza: Sonia Cortopassi

In video: Olga Vinyais Martori

Musiche dal vivo: Gianpietro Marazza e Paola D’Alessandro

Foulard scenografici d’arte: Giuliano e Linda Grittini

Make up artist: Tania Sartini

Elementi di costume: Susan Marshall

Interprete LIS: Mita Graziano

Collaborazione: Gaia Fossati, Vlad Scolari


Evento inserito nel programma di Milano Pride

Per informazioni: organizzazionecetecedge@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide