Passa ai contenuti principali

Teatrosophia ospita tre spettacoli di "Inventaria"



TEATROSOPHIA OSPITA 

TRE SPETTACOLI DI INVENTARIA

7/8/9 GIUGNO 2019 
h: 21.00

TEATROSOPHIA
via della Vetrina 7


Al suo primo anno di vita Teatrosophia ha l'onore di ospitare Festival Inventaria - La festa del teatro off. Giunto alla sua nona edizione, la manifestazione organizzata da artisti per artisti, si è affermata come l'evento di chiusura della stagione teatrale capitolina mantenendo il proprio focus sulla drammaturgia contemporanea e sulla pluralità dei linguaggi ospitati. 

Venticinque le proposte in concorso, selezionate tra le oltre 420 candidature pervenute da tutta Italia e dall'estero per offrire un ventaglio quanto più ampio possibile - per linguaggi e generi - della scena teatrale off; a esse si aggiungono cinque proposte fuori concorso, per un totale di 13 prime nazionali e 10 prime romane, cui vanno ad aggiungersi sei tra le opere più hot! della stagione in via di conclusione. Quest'anno Inventaria avrà luogo nei cinque principali teatri off di quattro diversi quartieri della Capitale - Teatro Argot Studio e Teatro Trastevere (Trastevere), Carrozzerie n.o.t. (Ostiense), Teatrosophia(Piazza Navona) e Studio Uno (Torpignattara) - e si articolerà in quattro sezioni di concorso (Spettacoli, Monologhi/Performance, Corti teatrali e la sezione Demo dedicata agli studi e ai progetti in itinere) e una fuori concorso.

Il 7 giugno a Teatrosophia alle ore 21.00 sarà in scena Io sono partito,di e con Riccardo Goretti diretto da Massimo Bonechi.Una storia di parte, una storia di tutti, la storia di un uomo, Partito Mannelli Braccini, nato nel 1921 nello stesso giorno in cui nasceva il Partito Comunista e che per tutta la vita ha visto intrecciare le sue vicende umane e personali a quelle della più grande forza politica di sinistra del nostro Paese. Si attraversa così una serie di vicende che segnano l’esistenza di un uomo che come molti altri ha seguito un’ideale e quelle del Partito che hanno caratterizzato la vita politica, sociale e culturale dell’Italia. La sfera umana e politica si toccano, si accavallano e si sovrappongono fino ad identificarsi, a unirsi. Partito si ritrova un nome pesante che spesso non sa e non vuole portare, ma che suo malgrado gli si incolla addosso senza mai abbandonarlo. E’ la storia di una passione, un percorso di vita che ci disegna un uomo (e una classe dirigente) che hanno fatto delle scelte: quelle semplici e quotidiane che si compie ogni giorno; scelte profonde e radicali che segnano l’esistenza, che ci dicono da che parte stiamo. Nel 1991 si è fatto una scelta e in qualunque modo la si veda qualcosa è morto davvero: è morto (il) Partito. Il Partito Comunista scompare e ancora siamo alla ricerca di qualcosa che lo rimpiazzi, Partito Mannelli Bracci se ne va e nel lasciarci decide di tornare là da dove è venuto. In mezzo alla gente.

L'8 giugno è la volta di Pensare, programma delicato di Laura Bucciarelli. Lo spettacolo, diretto da Pietro Dattola, vede in scena Flavia Germana De Lipsis.

Respiro fuoco. La mia testa si muove come quella di un drago.
Non posso uscire, se ne accorgono tutti. Piccole cose, per stare bene.
Piccole cose, per non pensare. Guardare in basso, per non farsi accecare dal sole. Guardare in basso, per non inciampare e cadere. Bisogna fare un programma e seguirlo passo passo, giorno per giorno, sempre uguale. Senza sbavature, senza alzate d'ingegno. Azioni semplici, dirette, come lame di rasoio antico, coltelli a scatto. Cose meccaniche, che non si guastano mai. Bisogna andare vicino, se si vuole durare nel tempo. Anche se significa logorarsi lentamente, non vivere più a lungo. Niente di memorabile. Volare basso. Anzi, non decollare nemmeno. La presenza può essere mortale. Può essere letale.

Il 9 giugno è in scena MILF Mamma insegnami la felicità, di e con Natalia Magni, diretta da Monica Faggiani. Lo spettacolo affronta il fenomeno delle donne che confondono i ruoli di madre e di amica, vestendosi e comportandosi come le proprie figlie adolescenti e mutuando da esse una effimera eterna giovinezza.
Un monologo tragicomico che racconta la giornata in cui la vita di questa mamma-amica prenderà una svolta inattesa e definitiva. Dietro alla storia di Sabbry, protagonista tutta silicone e seduzione, il testo nasconde qualcosa di più archetipico: la ricerca della felicità. Cosa siamo disposti a perdere o a barattare di noi stessi pur di raggiungerla? Sabbry sceglie la strada della cura dell'immagine di sé, da cui trae forza e fiducia. Con il buon senso delle persone immuni dai troppi perché, ma inconsapevoli dell'involontario male che causano, Sabbry cerca di trasmettere alla figlia le sue verità, il suo senso del dovere, la differenza tra bene e male e il suo amore per la vita. Lo spettacolo prende le parti di questo personaggio di inaspettata saggezza, tanto facile da biasimare; invita ad indossare il suo sexy top fucsia e i suoi stivaletti borchiati, a ridere delle sue gaffe, dei suoi passi falsi, dei suoi errori. Lasciandoci in bilico tra facile preconcetto e amara, impensabile immedesimazione. Sospendiamo il giudizio e proviamo ad ascoltarla. “... perché una è tanto più autentica quanto più somiglia all’idea che ha sognato di se stessa.” (Agrado – Tutto su mia madre). "MILF - Mamma Insegnami La Felicità" è stato finalista, sotto forma di studio, del Premio Laura Casadonte 2019.







Inventaria

7/8/9 giugno

Teatrosophia

via della Vetrina 7- Roma

Info:info@teatrosophia.com

Tel: 06-68.80.1089

Biglietti:Intero:12euro
Ridotto:9 euro
Mini-abbonamento per 3 spettacoli a scelta: 21 euro
Super-ridotti under 23 e over 65 anni: 3 spettacoli a 9 euro
Abbinamenti di 2 spettacoli scelti dalla direzione artistica del Festival: 16 euro

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide