Passa ai contenuti principali

MAI GENERATION

“Anteprime... e non solo”
Stagione teatrale 2018/2019 presso il Teatro Pime
Presenta

MAI GENERATION
(della Compagnia Òyes)

21 Giugno| Teatro Pime | Via Mosè Bianchi 94 | Milano

Ultimo imperdibile appuntamento con “Anteprime… e non solo!” venerdì 21 giugno alle ore 21.00 presso il Teatro Pime di Milano (Via Mosè Bianchi 94).

La stagione prodotta da PianoinBilico e GecobEventi, al suo termine, ha il piacere di ospitare la Compagnia Òyes - Premio Hystrio Iceberg 2018 e tra le nuove realtà di rilevanza nazionale under 35 riconosciute del Ministero dei Beni Culturali - con lo spettacolo “Mai Generation”, in anteprima nazionale. Un bel “punto finale” per una stagione che ha coinvolto molti spettatori lungo il suo corso – basti pensare al successo ottenuto con “Novecento” con Eugenio Allegri, e ai sold out shakespeariani con il “Sogno di una notte di mezza estate” e “La dodicesima notte”- e che saluta il pubblico con un “Arrivederci” di qualità, coinvolgendo una delle realtà teatrali italiane più interessanti.

Generazioni a confronto. Diversi modi di vivere, percepire e guardare il mondo.

In una scuola occupata, dove l’immaginazione diventa potere, tra piccole e grandi rivoluzioni, il tempo scorre veloce: passato e presente si confondono tra continue sovrapposizioni e quello stesso spirito che aveva animato i movimenti studenteschi del Sessantotto irrompe nella contemporaneità, cercando nuove forme di espressione e nuove vie di fuga, facendo i conti con nuove e vecchie esigenze sociali, dando voce ai giovani di ieri e di oggi.

Uno scambio che sembra impossibile e lontano, ma che parla la comune lingua della giovinezza e della ribellione.

Mai Generation è un urlo che non vuole essere soffocato, è una canzone di protesta di una generazione che non c'è più e di una che non c'è ancora stata, ma che, disperatamente, ostinatamente, cerca di esistere.

ÒYES nasce nel 2010 attorno ad un nucleo di attori diplomati all’Accademia dei Filodrammatici di Milano. Da subito la compagnia si concentra sulle crepe e le aporie che osserva nella società e da lì parte per creare drammaturgie originali, sviluppate collettivamente attraverso scritture sceniche ed improvvisazioni. La volontà è quella di mantenere sempre vivo il processo di ricerca di nuovi linguaggi, stili e materiali drammaturgici, senza perdere il confronto con la tradizione, i grandi autori classici e contemporanei.

Il primo lavoro della compagnia, Effetto Lucifero, ispirato all’Esperimento Carcerario di Stanford, vince il Premio Giovani Realtà del Teatro 2010 ed è finalista al premio Tondelli 2011 per la drammaturgia. Nel 2015 il debutto di Vania segna un passo decisivo per Òyes che sceglie di confrontarsi con i testi di A.Cechov e dà vita ad una drammaturgia originale ispirata ai temi e ai personaggi principali di Zio Vanja. Lo spettacolo ottiene numerosi riconoscimenti tra cui il Premio Giovani Realtà del Teatro 2015. Approda l’anno seguente a importanti festival e fa parte della selezione di NEXT-laboratorio delle idee 2016/2017 di Regione Lombardia e Agis ed è finalista IN BOX 2017. Nel giugno del 2017, con Io non sono un gabbiano, Òyes si conferma realtà emergente riconosciuta a livello nazionale da parte di critica, pubblico e operatori del settore. Ottiene l’inserimento nelle stagioni di importanti teatri e circuiti nazionali tra cui Piccolo Teatro di Milano, Fondazione Piemonte dal Vivo, Teatro Stabile del Veneto e Teatro Pubblico Pugliese.

Nel 2018 Oyes vince il Premio Hystrio Iceberg come migliore compagnia emergente italiana.

È tra le cinque imprese di produzione under 35 riconosciute dal Mibac per il triennio '18-'20 come destinatarie del FUS, inoltre ha vinto il bando Cultura Sostenibile di Fondazione Cariplo con il progetto MetaStrada per il triennio '19-'21.
--------------------------

MAI GENERATION

Una produzione: Òyes

Ideazione e regia: Stefano Cordella

Con: Daniele Crasti, Francesca Gemma, Francesco Meola, Dario Sansalone

Sound design: Gianluca Agostini

Scene e costumi: Andrea Colombo

Assistente alla regia: Noemi Radice

Collaborazione alla drammaturgia: Stefano Montrasio

Organizzazione: Valeria Brizzi, Carolina Pedrizzetti



Con il sostegno di MIBAC e Fondazione Cariplo



INFO e PRENOTAZIONI

cell. 339.2380050

info@gecobeventi.it

www.gecobeventi.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol