Passa ai contenuti principali

L'ULTIMO NESSUNO- Progetto Ulisse



L’ Ultimo Nessuno
Progetto Ulisse

è il limite che misura la forza”

Con: Francesco Carlo “Kento”, Giovanni Arezzo “Soulcè”, Noemi Carpinato.

Libero adattamento metrorap dell’ Odissea di Omero
Testo e regia: laura tornambene
musiche: Simone Squillace “Mad Simon” / testi canzoni: Francesco Carlo “Kento” – Giovanni Arezzo Soulcè
visual designer: Emanuele Foti / “canzone di Nica”, musica e testo: laura tornambene – arrangiamento: Antonio Ignoto
vocal coach e linee melodiche Nica: Angela Dispinzieri / voci registrate (Mafiosi, Callie, Madre): Alessia Gurrieri

Venerdì’ 14 giugno ore 21
Nuovo Cinema Palazzo

Debutta in prima nazionale assoluta, venerdì 14 giugno, al Nuovo Cinema Palazzo a Roma, “L’Ultimo Nessuno- Progetto Ulisse”, libero adattamento metrorap dell’Odissea di Omero, scritto e diretto da Laura Tornambene. Un’Odissea moderna con una contaminazione di linguaggi visivi, multimediali e musicali, che si pone come prima Opera Musicale Rap italiana.

Un progetto innovativo nel suo genere, di laura tornambene, regista e drammaturga, e Francesco Carlo “Kento”, rapper e attivista, nato dalla folle necessità, proprio oggi, di riprendere, ingoiare, rielaborare e risputare il mito omerico, in modo persino barbaro con l’intento di restituirne il senso originario, tradendolo solo nell’etimologia latina per cui tradere sta anche per tradurre e traghettare: perché possa tornare a parlare a un tempo che mai, molto onestamente, ci è parso tanto barbaro nel suo quotidiano.

Il moderno Ulisse di questa storia (che in realtà non ha nome in scena) è un giovane poliziotto che ha sempre creduto nella Legge, ma non sa più dove si trovi la Giustizia. Spostato alle intercettazioni dopo un’indagine svolta fin troppo brillantemente – e che rischiava di sollevare polveroni politici – si presenta al suo Capo con la trascrizione di una telefonata molto inquietante.

Quando capirà che l’intenzione è di insabbiare anche questo caso, decide di scappare. Non solo dal posto di lavoro, ma da tutta la sua nuova vita. Intraprende un viaggio di ritorno alle proprie radici, anche per ricordare “da cosa” scappava: quel quartiere dell’infanzia che, tra povertà e soprusi statali e mafiosi, gli è sempre sembrato destinato a un’immobilità feroce. Proprio qui ritrova due vecchi amici: Pino Eumeo, ormai professore ma sempre pronto a imbarcarsi in lotte che possano restituire dignità alla propria gente, e la sorella Nica, la quale ha messo su un luogo di aggregazione aperto a tutti.

La loro storia incrocia altre storie, incrocia la Storia, e nel viaggio lungo la strada, ritrova il Mito. E solo allora la coscienza del giovane protagonista riuscirà a fare il passo definitivo che lo porterà a essere da “Ultimo Nessuno a Primo Sé Stesso”.

“Cerco sempre di partire, quanto più possibile, da una profonda base di onestà e curiosità intellettuale per trovare nuovi linguaggi – nuove forme – che possano arrivare a più persone possibile. E che possano servire a intessere dialoghi. Gettare ponti tra le isole che tutti siamo”- annota l’autrice e regista laura tornambene. “Oggi, all’interno di questa ricerca, il collettivo del Progetto Ulisse propone uno spettacolo che utilizza mezzi artistici diversi (in un intreccio di prosa, verso, musica, suono e immagine) per portare in scena una moderna rielaborazione dell’Odissea. All’interno della sfida di traghettare il mito antico agli uomini moderni, affiancando alla metrica omerica, quella del rap. sceglie un altro – giovane – Ulisse, per raccontare di ciò che si è dimenticato. Per tentare un nuovo tipo di Viaggio. Così Scilla, nell’opera, è il quartiere periferico di miseria tentacolare dell’ infanzia del protagonista, Cariddi “di là dal ponte”, la parte ricca e omologante che non fa che ingurgitare e rivomitare chiunque si ritrovi a vivere nei suoi gorghi dorati, i fiori di Loto sono stati sostituiti dagli psicofarmaci, Nausicaa è una ragazza vitale e testarda che vuole creare un “posto del possibile” aperto a tutti, Circe diventa manager di una casa discografica che trasforma gli artisti in maiali in nome del mercato, Polifemo è la Legge stessa. E ognuno di noi all’opera in questo progetto – ognuno nel suo campo – lo ha proprio sentito il bisogno di porsi e porre nuove domande su faccende antiche. Per tenersi svegli nel Grande Sonno generale, per ricordarci la dignità che dovrebbe accompagnare ogni essere umano. E magari, riuscire a tenerci stretta un po’ di Bellezza.“

Un vero e proprio inno al viaggio, metafora di un itinerario da percorrere dentro se stessi e con gli altri per trovare un posto nel mondo, interpretato e “intonato” in scena da Francesco Carlo “Kento”, Giovanni Arezzo “Soulcè”, Noemi Carpinato, tra parole, musica e video.

“L’Ultimo Nessuno- Progetto Ulisse” ha vinto il ContraBBando 2019 indetto dal Nuovo Cinema Palazzo con l’intento di creare nuovi flussi di incontro, scambio e produzione culturale e artistica.
--------------------------

L’ Ultimo Nessuno

Progetto Ulisse

Venerdì 14 giugno ore 21

Nuovo Cinema Palazzo – Piazza dei Sanniti 9/A

Sottoscrizione consigliata 5 euro

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol