Passa ai contenuti principali

Il CPM festeggia la Musica al Castello Sforzesco di MILANO

Foto Omar Cantoro

IL 21 GIUGNO IL CPM FESTEGGIA LA MUSICA
AL CASTELLO SFORZESCO DI MILANO
con lo spettacolo
MUSICA INFINITA #COMETOGETHER


SUL PALCO OLTRE 70 MUSICISTI e FRANCO MUSSIDA
accompagnato da una Superband
che per l’occasione presenterà
in anteprima il brano
Musica Infinita


Il 21 giugno il CPM Music Institute festeggia la Musica alle ore 21.00 al Castello Sforzesco (Cortile delle Armi) di MILANO con uno spettacolo dal titolo “Musica Infinita #Cometogether”, nell’ambito degli eventi dell’Estate Sforzesca 2019.

Sul palco oltre 70 musicisti per due ore di Musica e FRANCO MUSSIDA che, accompagnato da una Superband, presenterà per la prima volta live il suo nuovo inedito “Musica Infinita”.

«Il brano “Musica infinita” racconta di un abbraccio ideale tra lo spirito intellettuale popolare del nord, con la sua armonia e melodia strumentale, e quello africano vitale che porta una gioiosità vocale e ritmica preziosa e contagiosa – racconta Franco Mussida - Un abbraccio tra malinconia-nostalgia antica e un’allegria giovane che accende speranze per il futuro. L’immagine di una Musica Infinita che non si ferma mai. Il brano ha una sola frase cantata “E Tutto Cambierà!” ma sullo schermo, nell’inciso strumentale, apparirà un racconto testuale che seguirà perfettamente la melodia della chitarra».

Quest’anno la Festa della Musica coincide con la festa del CPM Music Institute, evento che vede anche il conseguimento del Diploma Accademico di I livello in Popular Music da parte dei musicisti che nel 2016 iniziarono il percorso di formazione riconosciuto dal MIUR. La volontà è quella di celebrare il raggiungimento di tale traguardo, proponendo un viaggio in compagnia di brani celebri che con la loro identità e i loro caratteri musicali hanno affermato quel timbro inconfondibile che ha attraversato più di 10 generazioni.

Il CPM Music Institute di Milano nasce ed è presieduto da Mussida dal 1984. Propone un particolare modello didattico che abbraccia le professioni legate agli strumenti dell’orchestra moderna a quelle dell’indotto musicale (dai tecnici del suono ai produttori). Ha offerto e offre a migliaia di giovani l’opportunità di ritagliarsi spazi di lavoro e di prospettiva creativa. Gode del riconoscimento AFAM da parte del MIUR per il rilascio del Diploma Accademico di Primo Livello in Popular Music equivalente alla Laurea Triennale, e riconosciuto sul territorio nazionale e in tutti i Paesi Europei. Dal Novembre 2018 è membro dell’AEC - Association Européenne des Conservatoires, Académies de Musique et Musikhochschulen, che rappresenta gli Istituti Superiori di Educazione Musicale. Grazie alla stima di tutto il comparto musicale, il CPM Music Institute è riconosciuto crocevia per il mercato dei lavori della Musica. Ruolo ribadito nelle sue Open Week, che dal 2007 permettono ai suoi allievi – ma anche agli appassionati di Musica - di incontrare artisti e strumentisti di prestigio italiani e internazionali tra cui Ligabue, Guccini, Elisa, Caparezza, Daniele Silvestri, Enrico Ruggeri, Ermal Meta, Peppe Vessicchio, Vince Tempera, Brunori SAS, Robben Ford, Tony Levin, Gavin Harrison, Mary Setrakian, Joey Blake. Molti dei suoi diplomati lavorano in orchestre prestigiose, suonano e cantano per gruppi e artisti di grande appeal (da Laura Pausini alla PFM), altri hanno intrapreso carriere artistiche proprie da Chiara Galiazzo a Renzo Rubino fino a Cordio e Mahmood, vincitore di Sanremo 2019. Dal 1988, attraverso progetti di ricerca che utilizzano le proprietà educatrici della Musica, si occupa di portarla in luoghi estremi. Tra i tanti progetti italiani ed europei realizzati, l’ultimo in ordine di tempo è CO2. Concorre inoltre a realizzare progetti musicali educativi per l’industria, come la progettazione di una radio di qualità per il circuito NaturaSì e i corsi formativi per i partecipanti ad Area Sanremo TIM 2018.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol