Passa ai contenuti principali

Dido & Aeneas "Olympus Games"

Op.64, la prima compagnia di opera contemporanea di Milano, è orgogliosa di presentare al Teatro Carcano domenica 23 giugno alle ore 20:30 Dido & Aeneas – Olympus Games. Un’opera particolarissima e unica nel suo genere, un mix tra l’opera barocca Dido and Aeneas di Purcell e l’opera contemporanea scritta da Daniela Morelli e composta da Matteo Manzitti.

Pilar Bravo dirige lo straordinario coro di voci bianche di OperaLab 2019, il progetto realizzato per il sesto anno consecutivo da Op.64 con bimbi e ragazzi tra gli 8 e i 18 anni, che affiancherà i protagonisti di Dido & Aeneas – Olympus Games.

Le voci principali sono affidate ai cantanti Chiara Osella (Didone), Emmanuel Ducroz (Enea), Angelica Lapadula (Belinda), Eleonora Lué (Sorceress), Pietro Bolognini (Cupido/Ascanio), mentre gli attori Erika Urban e Loris Fabiani ricoprono i ruoli di Giove e Giunone e la danzatrice Alessandra Cozzi interpreta Venere. Suona l’ensemble del Liceo Musicale Tenca. La regia è di Federica Santambrogio, le scene di Clara Chiesa e Marta Vianello, i costumi di Micaela Sollecito e il combattimento scenico è curato da Simone Belli.

La drammaturgia di Dido & Aeneas - Olympus Games mette l’accento sull’attualità del tema dei popoli che fuggono da città in guerra e vengono accolti in altre terre.

Enea come il primo migrante. Enea che fugge da Troia in fiamme e approda a Cartagine, una città che è una sorta di proiezione mitologica della Sicilia attuale. Un luogo in cui il migrante viene accolto, crea relazioni e vive. Un luogo che prende vita da questa accoglienza. Ma una decisione esterna, veicolata da un messaggero degli dei, cambia il destino di Enea che si ritrova nuovamente esule e in balia del mare. Nonostante l’intimazione di Giunone di chiudere i porti italiani, Enea verrà idealmente traghettato dal coro finale, riuscendo ad approdare sulle coste laziali, dove fonderà una nuova patria, la nostra.

Cast:

Chiara Osella (Didone); Emmanuel Ducroz (Enea); Angelica Lapadula (Belinda); Eleonora Lué (Sorceress); Pietro Bolognini (Cupido/Ascanio); Erika Urban (Giove); Loris Fabiani (Giunone); Alessandra Cozzi (Venere); Voci bianche OperaLab (Mercurii); Voci bianche OperaLab (Arpie); Voci bianche OperaLab (Streghe); Voci bianche OperaLab (Cortigiani); Voci bianche OperaLab (Coro); Voci bianche OperaLab (Venti)

Biglietti: 15 euro - Ridotto sotto gli 8 anni: 10 euro

Info e prevendite: Biglietteria del Teatro Carcano MM3 Crocetta - Autobus: 94 - Tram: 16 e 24

www.teatrocarcano.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol