Passa ai contenuti principali

ASSAGGI DI STAGIONE, a teatro e a Castello

Il Teatro Martinitt è già pronto a sfoderare una nuova, sgargiante locandina per l’autunno, ma anche una novità assoluta e imminente. Tutto sarà svelato dai tradizionali trailer show dal vivo degli spettacoli in programma da settembre 2019 a maggio 2020. L’anteprima live è fissata per le serate del 18 e 19 giugno, rispettivamente a teatro e al Castello Sforzesco. Giusto in tempo per annunciare anche l’inedito supplemento della stagione con la nuova produzione de La Bilancia: Passaggi Segreti, teatro itinerante al Palazzo del Senato, dal 27 giugno al 14 luglio prossimi. 

Al Teatro Martinitt è già tutto pronto per servire al pubblico su un goloso vassoio il “finger food” della stagione a venire. Gli attesissimi ASSAGGI DI STAGIONE il 18 e 19 giugno prossimi tornano a proporre le pillole dal vivo delle 12 commedie protagoniste della prossima locandina, ma anche degli spettacoli della rassegna Dance Explosion che aprirà letteralmente le danze a settembre.

Dopo la metafora del calcio, che simboleggiava l’uguale impegno in campo di campioni e fuoriclasse della risata, tocca ora a una barca. Solcando con le vele spiegate il grande mare della cultura, sospinge l’immaginazione verso orizzonti inesplorati. Un invito ad andare dove ti porta il vento della fantasia, ma anche un auto-augurio del teatro Martinitt, nella sua decima stagione, a viaggiare sempre oltre, a osare sempre.

Nel nuovo anno insieme, i riflettori del Martinitt faranno luce sull’animo umano, in un pot-pourri di equivoci e malintesi, bugie e promesse, fantasmi e miraggi, parenti (ma anche colleghi) serpenti, convivenze obbligate e disperate, amicizie troppo strette e parentele non preventivate… Tra i grandi ritorni nella famiglia del Martinitt, Marco Morandi, Milena Miconi, Corrado Tedeschi, Guenda Goria, Anna Zago, Barbara Bertato, Alfredo Colina, Nicola Pistoia, Claudia Ferri e intere compagnie che qui hanno raccolto consensi, ma anche –come sempre- nuovi nomi noti e talenti emergenti.

La “degustazione” live degli spettacoli, presentata da Alessandra Ierse e Nadia Puma, dopo l’appuntamento in teatro del 18 giugno (ore 21), si sposta, salvo maltempo, sul palco estivo del Castello Sforzesco nel Cortile delle Armi il 19 giugno (ore 21.30, previo acquisto anticipato del biglietto in teatro e online su www.teatromartinitt.it). Solo su prenotazione, costo 5 euro.

La serata in teatro si concluderà con un piccolo rinfresco con attori, produttori e registi.

Il doppio appuntamento sarà anche l’occasione per lanciare una novità assoluta e dietro l’angolo: Passaggi Segreti. Una nuova produzione de La Bilancia –la società che gestisce il Martinitt- che invita -dal 27 giugno al 14 luglio, per 10 repliche- il pubblico nella cornice storica del Palazzo del Senato, dove uno spettacolo inedito e itinerante accompagnerà nella storia e nelle atmosfere della Vecchia Milano, dal Seicento all’Unità d’Italia, e riserverà interessanti incontri.


Info:

TEATRO/CINEMA MARTINITT

Via Pitteri 58, Milano - Tel. 02 36.58.00.10 e www.teatromartinitt.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol