Passa ai contenuti principali

Al Teatro degli Arcimboldi la lirica nel segno della tradizione con "Traviata" e "Madama Butterfly"

Al via al Teatro degli Arcimboldi "Milano Opera & Ballet", nuovo festival dedicato all'opera lirica ideato e diretto artisticamente dal M° Carlo Pesta. “Un progetto internazionale che, partito da Locano, quest'anno è stato esteso a Ginevra, Asti, Arenzano e, grazie alla collaborazione con il Teatro degli Arcimboldi, a Milano”, spiega il Direttore Artistico.



Madama Butterfly di Giacomo Puccini e La Traviata di Giuseppe Verdi sono le due opere che, rispettivamente il 10 e il 24 luglio (ore 20:30) vedranno alternarsi sul prestigioso palcoscenico milanese artisti di grande spessore. Spiccano tra questi Hiroko Morita,superlativa Cio-Cio-San acclamata su scene internazionali, i tre cantanti del Teatro alla Scala Roberta Salvati, splendida Violetta, il tenore Luigi Albanie il baritono Giorgio Valerio, impegnati nei primi ruoli in entrambe le produzioni come il mezzosoprano russo Victoria Shapranova. Tutti artisti che sanno coniugare alle importanti doti vocali presenze sceniche non comuni.

Le produzioni si contraddistinguono anche per le accurate messinscena realizzate nel segno tradizione: preziosi allestimenti scenografici, costumi in stile e regie fedeli ai libretti originali. “Restiamo fedeli alla tradizione per non disattendere le attese della maggior parte degli spettatori che vedranno opere complete con il coinvolgimento di oltre 120 artisti tra solisti, orchestra, coro e corpo di ballo”, sottolinea il M° Pesta. Èraffinata ed intima la Madama Butterfly firmata da Massimo Pezzuttiper la regia e Marco Pestaper le scenografie, fastosa con magnifici fondali dipinti dello storico laboratorio SormaniCardaropolila Traviata. I costumi sono di un altro storico nome milanese, l'Atelier Bianchi, le acconciature sono curate da Enzo Altomonte.

Al M° Gianmario Cavallaro sono affidate le conduzioni delle due opere che vedono la presenza dell'Orchestra Filarmonica Italianae Coro Opera Ballet Swiss. Incisiva anche la presenza del Balletto di Milano per le danze di Traviata con coreografie di Agnese Omodei Salè.
-----------------------------------------------------------------------------

Milano Opera & Ballet 2019 - Teatro degli Arcimboldi – Milano

Direzione artistica Carlo Pesta

Direttore musicale e d'orchestra Gianmario Cavallaro

Direzione allestimenti Marco Pesta



10 luglio ore 20:30 MADAMA BUTTERFLY opera lirica di Giacomo Puccini

Orchestra Filarmonica Italiana

Coro Opera Ballet Swiss


Regia Massimo Pezzutti – Scenografie Marco Pesta – Costumi atelier Bianchi Milano





24 luglio ore 20:30 LA TRAVIATA opera lirica in tre atti di Giuseppe Verdi

su libretto di Francesco Maria Piave

Orchestra Filarmonica Italiana


Coro Opera Ballet Swiss

Con il Balletto di Milano - Coreografie Agnese Omodei Salè

Regia Carlo Pesta – Scenografie Sormani Cardaropoli – Costumi atelier Bianchi Milano



Biglietti in vendita on line sul circuito Ticketone e presso la biglietteria del Teatro degli Arcimboldi.

Biglietti a partire da 20 euro


Informazioni e prevendita biglietti Teatro degli Arcimboldi– tel. 02-611.42.212

Informazioni e prenotazioni biglietti: biglietteria@ballettodimilano.com– tel. 347-877.93.84

Online ticket: www.ticketone.it





Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide