Passa ai contenuti principali

LA SIRENETTA - della Compagnia Eco di Fondo




“Anteprime... e non solo”
Stagione teatrale 2018/2019 presso il Teatro Pime
Presenta

LA SIRENETTA
(della Compagnia Eco di Fondo)

17 Maggio | Teatro Pime | Via Mosè Bianchi 94 | Milano

 Venerdì 17 Maggio alle ore 21.00 presso il Teatro Pime di Milano (Via Mosé Bianchi 94) va in scena “La sirenetta” della Compagnia Eco di Fondo. Uno spettacolo che, dopo il successo ottenuto in diversi teatri d’Italia, dal Piccolo Teatro Grassi (nell’ambito del progetto NEXT 2016) al Teatro India di Roma, viene riproposto in data unica all’interno della stagione teatrale 2018/2019 “Anteprime… e non solo!”.

C’è un istante in cui tutti noi siamo uguali e indefiniti, senza distinzione di sesso e di genere. È da qui che parte tutto. In questo momento pronuncio i miei confini. Testa, braccia e coda.

“La Sirenetta” parla di un’adolescente che per un gesto d’amore rinuncia alla sua stessa essenza (la sua coda) nel disperato tentativo di essere amata e accettata.

La celebre fiaba di Hans Christian Andersen, che ha da sempre alimentato le fantasie registiche, pittoriche e drammaturgiche di numerosi artisti, viene qui infatti riletta come metafora dell'identità sessuale.

La moderna Sirenetta è un’adolescente di oggi, emarginata perché diversa. Una sirena, in un mondo di normali.

Ma c'è sicuramente un altro punto nevralgico di interesse della storia. Mai come in questo caso, mito e fiaba si incontrano così visceralmente da creare quasi unterzo genere, sospeso tra la forza dell'archetipo peculiare del mito e l'illimitata, onirica, fantasia fiabesca. Il tutto alternando momenti drammatici, ironici e divertenti.

Il lavoro svolto dalla Compagnia Eco di Fondo è nato partendo dallo studio di numerose lettere di adolescenti che non si sentivano accettati, per poi arrivare alla fiaba di Andersen, individuando un punto di contatto: l’amore che spinge a essere diversi da sé, a rinunciare a quel che rende “speciali”, alla coda. Ma come dice Ferraù “non si può cambiare per amore di qualcuno. Arriva un momento in cui tutti si è accolti dal grande mare della vita. Basta superare la soglia dell’adolescenza, dove tutto è confuso. Ed è confuso perché è l’attimo in cui tutto sta per accadere”.
Lo spettacolo ha ottenuto il patricinio da Amnesty International Italia “per aver affrontato in modo incisivo il tema della diversità, rappresentando pienamente il valore del rispetto di tutti”.

“Questa è una storia che parla di morte e di vita. È una storia delicata e feroce, come sanno essere le fiabe” (Greta Salvi, Il dito e la luna)
“Siamo tutti immersi nello stesso acquario in cui si muovono i protagonisti (al plurale, ché le storie sono di uno e di tanti, in fondo) anche grazie alla scenografia, essenziale ma di notevole effetto. Restiamo senza fiato, a tratti, e poi torniamo a respirare. Rinati.” (Dalila Lattanzi, BIBAZZ)

Eco di fondo nasce a Milano nel 2009 da Giacomo Ferraù e Giulia Viana, due giovani attori diplomati all’Accademia dei Filodrammatici di Milano nel 2007, che riescono a catalizzare l’interesse di pubblico e critica in un rapido crescendo: dopo i primi spettacoli Te Remoto e Il Più bel giorno della mia vita, si aggiudicano il Premio A.N.P.I Cultura 2008 Ovest Ticino con il monologo Le rotaie della memoria. A Giacomo Ferraù è inoltre assegnato il Primo Premio Nazionale e Internazionale di regia Fantasio piccoli 2010 con una versione di Sogno di una notte di mezza estate messa in scena dalla compagnia stessa.

Il primo spettacolo di teatro ragazzi della compagnia, Nato ieri, è finalista Premio Scenario infanzia 2012, Premio Piuma per l’Infanzia 2014 e debutta al Festival Segnali 2013; fa il suo ingresso nel gruppo l’attore Libero Stelluti, che per la compagnia si occupa anche della grafica.

Il secondo lavoro di teatro ragazzi, O.Z., storia di un’emigrazione, è sostenuto nell’ambito del progetto NEXT- laboratorio delle idee 2014, patrocinato da Amnesty International e EveryOne Group.

Nel 2014 nasce Orfeo ed Euridice, scritto e diretto da César Brie, Selezione Inbox 2014 e finalista Premio Cassino Off 2016; ottiene uno strepitoso successo di di pubblico al Teatro Elfo Puccini nel febbraio 2015.

Nel 2014 la compagnia vince il Premio Pradella indetto dall’Accademia dei Filodrammatici di Milano per “la sensibilità di confrontarsi con il contemporaneo e di svolgere una continuativa ricerca su temi etico sociali”.

Nel 2018, Eco di fondo è stata riconosciuta dal MiBAC come Impresa di Produzione Under 35.
-------------------
LA SIRENETTA

Produzione Eco di Fondo (in coproduzione con Campo Teatrale)

Drammaturgia: Giacomo Ferraù e Giulia Viana, con il contributo della compagnia

Regia: Giacomo Ferraù (con la collaborazione registica di Arturo Cirillo)

Con: Riccardo Buffonini, Giacomo Ferraù, Libero Stelluti, Giulia Viana, e con Arturo Cirillo che presta la sua voce alla strega del mare

Assistente alla regia: Piera Mungiguerra, Michele Basile, Simon Waldvogel

Disegno luci: Giuliano Almerighi

Coordinamento coreografico: Riccardo Olivier

Organizzazione: Elisa Binda

Progetto video: Riccardo Calamandrei

“ANTEPRIME... E NON SOLO!” è la nuova stagione teatrale presso il Teatro Pime di Milano nata dalla collaborazione di PianoinBilico e GecobEventi. Sulle tavole del palcoscenico del Teatro Pime, si alterneranno 11 spettacoli di diversi professionisti della scena italiana: artisti noti al grande pubblico, che hanno fatto e stanno facendo la storia del nostro teatro, accanto a compagnie di più recente formazione che operano da anni sul territorio milanese e non solo! e che proporranno anteprime esclusive dei propri lavori. Il Teatro Pime, con 600 posti in platea e un passaggio di 100.000 spettatori l'anno, si pone l'obiettivo di diventare un punto di riferimento artistico e culturale sia per la Zona 8 che per tutta la città di Milano. Uno sguardo rivolto ai giovani grazie al coinvolgimento di studenti dell’Istituto Europeo di Design, Moda e Arti Visive IED ma anche agli spettatori con l’attivazione di convenzioni con Coop e Feltrinelli.

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide