Passa ai contenuti principali

"IDILLIO E PARODIA" A CURA DELLA CAMERA MUSICALE ROMANA





DOMENICA 26 MAGGIO ORE 19:00

Idillio e Parodia” *
Omaggio a Jacques Offenbach nel 200mo anniversario della nascita
Musiche di J. Offenbach, G. Rossini, e altri

Marcella Orsatti Talamanca, soprano

Il Gioco delle Parti, ensemble vocale

Alessandro d’Agostini, direzione e pianoforte


Ingresso / Ticket € 15,00 - ridotto) € 8,00 ( riservato ai soci, ai minori di anni 18, agli over 65 e agli studenti universitari e di conservatorio purché muniti di libretto)
Convenzioni aperte con l'Associazione Info. Roma, La chiave del violino e l'Accademia Musicale Sherazade

Servizio gratuito di prenotazione ( vivamente consigliata)

CONVENTO S. XII APOSTOLI - SALA dell’IMMACOLATA
Via del Vaccaro, 9 - angolo p.za Ss. Apostoli Roma

info e prenotazioni:
cameramusicaleromana@gmail.com
www.cameramusicaleromana.it
Tel.: + 39 3334571245

Note al programma:
Offenbach fu l'uomo delle contraddizioni: vissuto nell'epoca di Napoleone III, quando mentre a Parigi infuria il can-can a Solferino si compie un massacro, Offenbach fu specchio fedele dell'epoca spregiudicata, spensierata e ad un tempo profondamente infelice in cui visse.

Autore (noto ma non troppo) di una sterminata serie di operette, egli guardò con occhio critico e cinico alla realtà circostante, alle piccolezze del Secondo Impero, trascinando nelle proprie trame figure pubbliche o tipi quotidiani, rielaborando trame note (una tra tutte, quella polverosa dell'"Orfeo ed Euridice" di Gluck che diviene il brillante "Orfeo all'Inferno"), perfino parodiando melodie famose e in voga, ma iscrivendole abilmente in un atmosfera spesso agrodolce e ambigua. Idillio e parodia, appunto.

Di questo autore così singolare, verranno presentati cori ed arie tratti dalle sue opere, di rarissimo ascolto, ma di sicuro fascino: attraverso queste pagine si potrà apprezzare l'acuta operazione critica che Offenbach compie. Attingendo al mito, egli lo stempera ironicamente in una quotidianità tutta borghese, in cui l'eroe diventa comicamente umano e tragicamente meschino: la "bella Elena" si lamenta delle disattenzioni del marito Menelao, Euridice compiange la propria relazione di coppia ormai deteriorata con Orfeo. Offenbach delinea così quelli che sono i "moventi" di una società ormai svuotata di valori fondanti: le donne, il vino, il canto. Perfino le "cospirazioni", siano esse di dei (come nell'"Orfeo") sia di uomini (come in "Bataclan"), fanno ridere per la loro inconsistenza. Ma fanno anche pensare, per la forte vicinanza con la nostra epoca...

Sarà forse, finalmente, giunto il momento per apprezzare compiutamente il genio di Offenbach?








Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide