Passa ai contenuti principali

“COME I PESCI GLI ELEFANTI E LE TIGRI” - LA PRIMA HIT ESTIVA DEL CORO DELL’ANTONIANO


IL CORO DELL’ANTONIANO CANTA 

“COME I PESCI GLI ELEFANTI E LE TIGRI” 

LA PRIMA HIT ESTIVA DEL CORO DELL’ANTONIANO 

Dal 31 MAGGIO SU TUTTE LE PIATTAFORME DIGITALI 

Sarà disponibile da oggi venerdì 31 maggio su tutte le piattaforme digitali “COME I PESCI GLI ELEFANTI E LE TIGRI”, la prima hit estiva del Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano diretto da Sabrina Simoni. 

“COME I PESCI, GLI ELEFANTI E LE TIGRI” è frutto di un percorso iniziato qualche anno fa, quando l’Antoniano ha deciso di riposizionare il proprio Coro all’interno della scena musicale italiana, valorizzandone l’impronta contemporanea attraverso contaminazioni musicali e collaborazioni con artisti di diversa formazione e provenienza tra cui Francesca Michielin, Ghemon, Gio Evan, Claver Gold, Frankie HI-NRG mc, Petra Magoni, LaSabri. 

Con Lo Stato Sociale il Coro ha duettato nel 2018 sul palco del teatro Ariston a Sanremo, palco che aveva già toccato l’anno precedente, su invito di Carlo Conti (Direttore Artistico dello Zecchino d’Oro), cantando un medley di indimenticabili successi del proprio repertorio. Da qui alla collaborazione con Calcutta il passo è stato breve: lo scorso febbraio, in occasione del suo concerto bolognese, il Piccolo Coro ha interpretato un’originale versione del brano “Oroscopo”. 

“COME I PESCI GLI ELEFANTI E LE TIGRI” conquisterà il pubblico italiano di tutte le generazioni perché è una canzone d’autore che amalgama le sonorità più contemporanee e attuali del pop italiano e le incantevoli voci del Coro dell’Antoniano. Una proposta musicalmente trasversale che sarà sicuramente un successo dell’estate 2019. L’uscita del brano “COME I PESCI GLI ELEFANTI E LE TIGRI” – le cui parti corali sono state arrangiate da Peppe Vessicchio - è accompagnata dal videoclip, girato dalla factory creativa del centro di produzione dell’Antoniano in collaborazione con la FilmCommission Bologna. 

In una città che riprende le atmosfere oniriche del brano, bambini sono le presenze sveglie e vibranti che danno voce allo slancio e al desiderio di due ventenni di andare oltre, dov’è sogno, dov’è pace… Sono la proiezione di chi ha ancora la capacità di sentire le proprie ali per “saltare dalla finestra e volare fino all’ultima stella”. Il Piccolo Coro “Mariele Ventre”, complesso corale infantile tra i più celebri del mondo - 60 bambini tra i 4 e i 12 anni, diretti da Sabrina Simoni - è l’istituzione più nota e caratterizzante dell’Antoniano di Bologna. 

Fondato da Mariele Ventre nel 1963 e da allora protagonista di tutte le edizioni dello Zecchino d’Oro, il Coro annovera tra le sue esperienze incontri con i più importanti protagonisti della scena nazionale ed internazionale quali Luciano Pavarotti, Andrea Bocelli, Richard Attemborough, Peter Ustinov, gli Stadio, Irene Grandi, i Nomadi, Zucchero, Giorgio Gaber, Iva Zanicchi, Massimo Ranieri, Albano, Katia Ricciarelli, i Pooh, Raffaella Carrà e J-Ax, oltre a un’intensa attività discografica e concertistica in Italia e all’estero (particolarmente importante il successo di questi ultimi anni in Cina). 

Forte la presenza del Piccolo Coro anche su Youtube: il canale dell’Antoniano di Bologna è prossimo al milione di iscritti e al miliardo di visualizzazioni. “COME I PESCI GLI ELEFANTI E LE TIGRI” è distribuito da Sony Music. I proventi di questo brano - come di tutte le attività del Coro dell’Antoniano - concorrono a sviluppare progetti che alimentano la missione di Antoniano: accogliere le persone in difficoltà e renderle autonome nel loro percorso di vita. 

“COME I PESCI GLI ELEFANTI E LE TIGRI” sarà disponibile da venerdì 31 maggio su tutte le piattaforme digitali fra le quali: ITunes Spotify Amazon Google Play 

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol