Passa ai contenuti principali

"RIFLESSIONI": MOSTRA DI JEAN-MARC FELZENSZWALBE presso TBS MILANO - dall'8 al 25 maggio



Galleria Xenithia-Nomade
Jean-Marc Felzenszwalbe - Riflessioni

Vernissage: 8 maggio 2019, 6 – 9pm

Dal 9 maggio al 25 maggio 2019, presso Tbs, Via Pestalozzi 4, Milano.

Orari di apertura: dal mercoledì alla domenica, 1pm - 6pm (altri orari su appuntamento)

Jean-Marc Felzenszwalbe, rappresentato dalla galleria Xenithia-Nomade, espone per la prima volta una selezione delle sue opere a Milano nel mese di maggio 2019. Il luogo scelto per ospitare questo evento, un antico laboratorio industriale ormai trasformato in uno spazio lavorativo ed espositivo, si accorda con l’impronta costruttivista dell’artista.

Nel suo saggio pubblicato a Mosca nel 1923 “Per una teoria della pittura”, Nikolaï Tarabukin, membro del Proletkult, analizza l’opera d’arte a seconda degli assi seguenti: il colore, la faktura, la forma di rappresentazione piana e la costruzione. 

Le idee protagoniste del costruttivismo risuonano ancora oggi e interrogano il nostro rapporto con l’arte. Così, l’instancabile e metodico lavoro sul colore declinato secondo tutte le sue gamme e tutti i suoi toni è il primo elemento fondamentale dei pastelli di Jean-Marc Felzenszwalbe. Il numero ristretto di colori usati su ciascuna opera lascia allo spettatore la libertà di immergersi nella meditazione. L’artista usa la versatilità del pastello secco per creare delle opere luminose e dinamiche, capaci d’instaurare un dialogo con ciò che le circonda. 

Le caratteristiche fisiche del materiale usato, la polvere di pigmento puro, generano una riflessione della luce in tutte le direzioni e quindi la moltiplicano a seconda delle ore del giorno. La superficie dell’opera si muta in uno strumento per trasformare la luce. Il piano acquisisce una consistenza e un volume, ma anche una dimensione temporale. All'opposto dell’arte-prodotto uscita della società del consumo di cui le opere una volta fatte non conosceranno altro che la dinamica del rilancio continuo dei musei, questi pastelli sono da avvicinare alle arti di esecuzione. Esprimono una teatralità nella quale abbondano dinamismo e pulsazione. Gli elementi geometrici presenti in certe opere non hanno necessariamente una funzione rappresentativa in sé, ma partecipano alla costruzione di interazioni che intrattengono le idee di collegamento e del tempo che passa.

Dopo la mostra organizzata a Roma ad aprile dell’anno scorso, la galleria presenta il prossimo maggio la pratica artistica di Jean-Marc Felzenszwalbe al pubblico milanese. La mostra è concepita intorno a una serie di otto grandi pastelli rappresentativi del suo lavoro. Una monografia delle opere dell’artista, disponibile su richiesta, è stata pubblicata dalla galleria nell'aprile 2018.

A proposito di Jean-Marc Felzenszwalbe

Laureato alle fondazioni Yaddo (1991), Wurlitzer (1990) e Albee (1988), Jean-Marc Felzenszwalbe ha participato a mostre collective e personali in Francia e negli Stati Uniti. È nato nel 1959 a Parigi, città nella quale vive e lavora.

Mostre

Aprile 2018 : Pastels et Collages, Galleria Xenithia-Nomade, Roma, (mostra personale),


Marzo 2008 : Sols; photographies. Galleria Christophe Gaillard, Parigi, (mostra personale),


Novembre 2004 : Murs et trottoirs: photographies au Local, Parigi, (mostra personale),


Febbraio 1991 : Salon Jeune Peinture, Grand Palais, Parigi (mostra collettiva),


Sett-Ottobre 1990 : Lost Circus Gallery, Amarillo, Texas, Stati Uniti (mostra personale),


Giugno 1990 : Galleria Ariel, New-York, Stati-Uniti (mostra collettiva),


Ottobre 1988 : Jeunes Artistes Européens, Musée de Roubaix, Roubaix (mostra collettiva),


Febbraio-Marzo 1988 : Galleria Kunstblock, Monaco, Germania (mostra personale). Premi e onori


1993: laureato alla fondazione Villa Montalvo, Saratoga, CA, Stati Uniti


1991: laureato alla fondazione Yaddo, Saratoga Springs, New York, Stati Uniti


1990: laureato alla fondazione Virginia Center for the Creative Arts, U.S.A Golden Nail Award (Amarillo, Texas, StatiUniti)


1989: laureato alla Hélène Wurlitzer Foundation of New Mexico, Stati Uniti


1988: laureato alla fondazione Hilaï, Centro Israeliano degli Belli Arti, Israele


1987: laureato alla Edward Albee Fondation (the Barn), Montauk, Long Island, Stati Uniti


1986: laureato alla fondazione Laurent-Vibert, Lourmarin, Francia.
A proposito della galleria Xenithia-Nomade

La galleria Xenithia-Nomade è stata fondata nel 2018 da Antoine Chouillou. Il suo obiettivo è quello di promuovere artisti contemporanei, organizzando regolarmente mostre temporanee. La specificità della galleria risiede nell’assenza rivendicata di un luogo espositivo fisso, che si traduce nella volontà di moltiplicare mostre in luoghi effimeri all’incontro del pubblico. Le aree d’interesse della galleria sono la pittura, il disegno e la fotografia. La galleria desidera proseguire il suo viaggio e concepisce la sua andatura come un’odissea all’incontro dell’Altro. Gli artisti rappresentati dalla galleria sono Jean-Marc Felzenszwalbe, Hiroshi Sakate e Quentin Gassiat.

Commenti

Post popolari in questo blog

UNA PIATTAFORMA PER PORTARE IN ITALIA OCCASIONI DI STUDIO CON PROFESSIONISTI DA TUTTO IL MONDO

7 marzo workshop di danza con LAYTON WILLIAMS 14 marzo workshop acting through song con JOE VETCH Nasce TAB “The Artist Bridge” un ponte per rendere accessibile la comunicazione tra studenti e artisti italiani con performers e creativi da Broadway e dal West End. Il progetto TAB nasce dall’idea di Giorgio Camandona, (protagonista di musical di successo come Peter Pan il Musical, A Chorus Line, Grease), il regista e performer Mauro Simone (Robin Hood, Grease, performer per Singing In The Rain, Pinocchio il grande musical) Martina Ciabatti Mennell, performer italiana dalla carriera internazionale (We Will Rock You, Trioperas, The Mission) e dal performer inglese Phil Mennell (Aladdin - West End, The Bodyguard, Saturday Night Fever, Newsies) in un periodo in cui la formazione e lo studio delle discipline artistiche e teatrali sono limitati a causa delle restrizioni che impediscono gli spostamenti e quindi lo scambio che spesso è linfa vitale per chi si approccia al m

Teatro Trastevere: Nuovo Progetto Artistico

                                                                                           Associazione Culturale Teatro Trastevere presenta il Nuovo Progetto Artistico   GERMOGLI Esperimenti Teatrali, per artisti e spettatori   COS'E'   È la nostra personale risposta alla riapertura delle strutture teatrali a ridosso della stagione estiva. Un percorso di RICERCA, sia del Teatro Trastevere che degli artisti coinvolti, per riabituare gli spettatori a frequentare gli spazi di condivisione artistica, riabbracciandoci, seppur simbolicamente, attraverso l'arte, portatrice di sana socialità.   MA IN PRATICA   In pratica apriamo il Teatro alle compagnie e ai singoli artisti che, dopo mesi di elaborazione di nuovi contenuti, vogliano finalmente dare viva realtà al proprio progetto. Offriamo 50 ore di RESIDENZA CREATIVA e 2 giorni di restituzione al pubblico non solo in forma di spettacolo, ma anche di semplice studio:  “...Faremo le cose in sicurezza, seguendo i protocolli e metter

MEDAGLIA D'ONORE A LUCIANO SALCE: FU DEPORTATO NEI LAGER NAZISTI

Per anni è gli è stata attribuita l'adesione alla Repubblica di Salò. Luciano Salce non è mai stato un repubblichino. Una battaglia condotta dal figlio Emanuele per portare alla luce la verità che si conclude con una Medaglia D'Onore. Sono state consegnate il 28 gennaio dal prefetto di Roma dott. Matteo Piantedosi, presso la sala “Di Liegro” di Palazzo Valentini, le Medaglie d'Onore ai cittadini italiani, militari e civili, che durante il secondo conflitto mondiale hanno subito la deportazione e l'internamento nei campi nazisti dal 1943 al 1945. Tra questi Luciano Salce il regista, attore e autore scomparso nel 1989 e protagonista di una delle epoche più feconde dello spettacolo italiano. Un riconoscimento di grande valore che rappresenta l'ultimo tassello di una ricerca di verità che si è contrapposta all’informazione disinformata di alcuni settori dell’opinione pubblica che negli ultimi tempi, evitando accuratamente di confrontarsi con fonti e documentazioni evide