Passa ai contenuti principali

LINDA DI PIETRO - "Pinocchio è una fiaba non solo per bambini"




LA NOTTE DI PINOCCHIO sarà in scena al Teatro Delfino di Milano dal 7 al 10 novembre.  Un testo di Marco Avarello con Carlo Valli, Cristina Giachero, Letizia Letza, Lorenzo Grilli. Regista dello spettacolo è Linda Di Pietro a cui ho rivolto qualche domanda...



Che rapporto ha avuto nella sua vita con la storia di Pinocchio?


È curioso: Pinocchio è stata la fiaba più presente nella mia infanzia quindi ha giocato un grande ruolo nel mio immaginario di bambina. Ricordo che avevamo due grossi volumi illustrati del Pinocchio di Collodi con i 45 giri della fiaba da ascoltare nel mangia dischi... una cosa molto antica! E io adoravo ascoltare quella storia, mi avvincevano le avventure di quel burattino bambino, i suoi incontri, le ingiustizie subite, sentivo mio il suo desiderio di scoperta e di libertà. A tratti mi inquietava questa fiaba senza principi e meraviglie, la durezza di certi momenti, la solitudine di Pinocchio, la miseria di Geppetto, ma forse proprio per questo ne ero così affascinata, ne coglievo l'aderenza alla vita. Mi chiedevo se avrei lasciato Geppetto, se avrei creduto al Gatto e alla Volpe e al Campo dei miracoli, se avrei avuto il coraggio di cercare mio padre nella pancia del pescecane. Credo che questa sua caratteristica di porre interrogativi profondi, esistenziali sia il motivo per cui Pinocchio è una fiaba non solo per bambini. Oggi mi rendo conto che è una di quelle storie che è diventata riferimento, che ho portato sempre con me.

Che cosa l'ha colpita di più di questo testo quando lo ha letto la prima volta?

Ovviamente trovarmi davanti Pinocchio adulto: è stato come ritrovare un vecchio amico, scoprire che ne era stato di lui della sua vita ha soddisfatto la curiosità di bambina, poi devo dire mi ha toccato profondamente la solitudine di questo Pinocchio, che aveva fatto di tutto per essere amato e accettato e si ritrova al punto di partenza, l'ho trovato tenerissimo, commovente. E da un punto di vista strutturale mi ha colpito il linguaggio: Marco Avarello è riuscito a dare voce ai personaggi senza tradire la loro anima, le atmosfere di Collodi tanto da darci da sensazione che si tratti davvero del seguito della storia. Questo trovo sia un elemento prezioso che rende molto elegante e accattivante questo testo.



La storia di Pinocchio è una delle più rappresentate anche teatralmente, ma qui troviamo un Pinocchio uomo, adulto, che deve affrontare la sua vita. In che modo è riuscita a risaltarne le caratteristiche da burattino a uomo? Quali scelte registiche ha adottato? 

Sicuramente avere un protagonista come Carlo Valli ha aiutato! Carlo non è solo un bravissimo attore, è anche perfetto per dare corpo e voce all'uomo Pinocchio, in effetti l'autore ha scritto il testo pensando a lui. Scenicamente l'atmosfera che ho voluto creare è tutt'altro che fiabesca, le luci e la scenografia fatta di vecchie sedie e oggetti vissuti, ci portano immediatamente in un contesto reale, umano.

Lo spettacolo ha già debuttato a Roma. Come ha reagito il pubblico?


A Roma lo spettacolo è andato benissimo, ha avuto un bel successo di pubblico che nella realtà teatrale romana non è affatto scontato e noi tutti gli abbiamo voluto ancora più bene, è uno spettacolo che noi tutti dall'autore agli attori: Letizia Letza, Lorenzo Grilli, Cristina Giachero accanto a Carlo Valli, amiamo moltissimo e ci piace molto fare.

Nelle note di regia lei dice che Pinocchio non ha avuto altra scelta che esaudire le aspettative sue e di Geppetto e pone una domanda: "il prezzo della sopravvivenza è la perdita di sé stessi?" Lei come risponde. 

La mia personale risposta è no. Purtroppo se mi guardo intorno mi accorgo che per molte persone oggi la risposta è un'altra anche senza andare troppo lontano, rimanendo in questa parte di mondo in cui dobbiamo considerarci privilegiati, molti sono costretti a fare compromessi per sopravvivere, a tanti livelli, compromessi con sé stessi, sul lavoro, nelle relazioni. La libertà ha un prezzo molto alto è innegabile ed è una strada lastricata di incognite, come scegliere un mestiere che si ama a dispetto della sicurezza economica, come percorrere strade mai percorse. Essere umani probabilmente è vivere in bilico tra ciò che ci esalta e ciò che ci rassicura. 

Grazie Linda!




La Notte Di Pinocchio

La notte di Pinocchio

Di: Marco Avarello

Con: Carlo Valli, Cristina Giachero, Letizia Letza, Lorenzo Grilli

Coreografie acrobatiche di Materia Viva Perfomance

Regia di Linda Di Pietro

Produzione: Artinmovimento


Teatro Delfino – Piazza Piero Carnelli, Milano

Gestito per la Stagione Teatrale da ASS. IL MECENATE

info@teatrodelfino.it/biglietteria@teatrodelfino.it

Tel. 02 87281266; cell. 333 573 0340

I biglietti sono acquistabili presso la biglietteria del Teatro ogni venerdì dalle ore 17.00 alle ore 19.00, i giorni di spettacolo dalle ore 18 e la domenica dalle 15, oppure online sul sito vivaticket.it

Prezzi: intero 20 euro, ridotto 15 euro

Sul sito del Teatro Delfino www.teatrodelfino.it tutte le informazioni sulla stagione. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol