Passa ai contenuti principali

In primo piano

Tornano in scena "I Nuovi Tragici"

            I NUOVI TRAGICI monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva TEATRO MARCONI  18/19/20 GIUGNO 2021 Tornano in scena I Nuovi Tragici. La rassegna nata nel 1990 arriva sul palco del Teatro Marconi il 18, 19 e 20 giugno 2021. Si tratta di monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva portati in scena da giovani attori che partecipano al Festival. A presentare la serata due ospiti d'eccezione: Marco Simeoli e Bruno Maccallini. Una storica rassegna dunque a cui hanno partecipato circa ottanta attori fra i quali Enrico Brignano, Flavio Insinna, Neri Marcorè, Valerio Aprea, Massimiliano Bruno, Paola Cortellesi, Francesco Pannofino, Paola Minaccioni, Massimiliano Bruno, Valerio Aprea e tanti altri Il termine NUOVI TRAGICI è dichiaratamente ironico. Si tratta di una serie di monologhi sotto forma di casi clinici singolari. Individui disperati che cercano conforto, confessando in pubblico le loro piccole e grandi manie. Si prende di mira la follia e i suoi derivati, con occhio

LA RESILIENZA - Studi nudi di improvvisazione teatrale



Dal 30 aprile al 12 maggio al Teatro Stanze Segrete andrà in scena La Resilienza per la regia di Giorgia Giuntoli con Patrizio Cossa, Max Vellucci, Stefano Augeri, Cristiana De Maio e Umberto Cesaro.

La Resilienza è uno spettacolo teatrale improvvisato, uno studio teatrale in continua evoluzione derivato dal progetto artistico della AST Company “studi nudi di improvvisazione teatrale”.

Lo studio pone gli attori in una condizione di massima difficoltà: senza testo, senza costumi, senza oggetti e senza quarta parete.Tutto completamente improvvisato.

Lo spunto dello studio di improvvisazione teatrale La Resilienza, è proprio quello di vedere se - e come - sia possibile sviluppare un atteggiamento resiliente atto al superamento del momento di difficoltà, al fine di ritrovare un equilibrio perduto.

Il pubblico all'inizio della spettacolo sarà chiamato a dare un input iniziale, che sarà il trauma da cui nascerà la storia.

Gli attori, in 50 minuti reali, racconteranno di una storia di relazioni, che avrà come oggetto non tanto il trauma come evento, quanto il suo possibile sviluppo e risoluzione positiva nella vita dei protagonisti. Possibile, ma non certa la risoluzione positiva, perché in questo canone di massima immedesimazione non è escluso che gli attori/personaggi possano non riuscire ad ogni replica a “trovare” le ragioni , i motivi, le spinte per essere resilienti e soccombere in qualche modo al colpo inferto dagli eventi.

Gli attori sono posti in una condizione che li spinge ad un lavoro estremo sull’indagine dei personaggi, la storia e la regia, senza filtri.L’estrema difficoltà della narrazione all’improvviso catapulta gli attori in uno spazio metaforico tra realtà e finzione, in un canone di massima immedesimazione in cui ciò a cui assiste lo spettatore è unico, irripetibile, senza traccia come la vita.


Biglietti
€12 intero (+ 3€ tessera teatro)
€10 il ridotto (+ 3€ tessera teatro)
Se sei un associato Assetto, presentati al botteghino con la tessera di Assetto Teatro e avrai diritto all’ingresso ridotto (10€)

Tutti i giorni alle 21, la domenica alle 19

Info e prenotazioni:
Teatro Stanze Segrete, Via della Penitenza,3 Tel. 06-49772027 / 388.9246033

Commenti

Post più popolari