Passa ai contenuti principali

DI TANTO AMORE - libero adattamento e riscrittura da Il gabbiano di Cechov





L'Associazione Culturale Teatro Trastevere

presenta


Dal 30 aprile al 5 maggio 2019

Teatro Trastevere
via Jacopa de'Settesoli 3, 00153 Roma
martedì/sabato h 21.00, domenica h 17.30

Una Produzione: Extravagarte - in coproduzione con il Teatro 

Trastevere

DI TANTO AMORE
libero adattamento e riscrittura da Il gabbiano di A. Cechov
drammaturgia e regia di Giancarlo Moretti

con
Simone Bobini, Giovanna Cappuccio, Ines Le Breton, Ornella Lorenzano,
Alessio Maria Maffei, Natalia Simonova

scene e costumi: Paola Salomon

La storia inizia alcuni anni dopo la fine della vicenda narrata da Cechov ne “Il gabbiano”. Masha, internata in un ospedale psichiatrico, ogni sera, da un baule della sua stanza, tira fuori gli abiti dei personaggi della vicenda: Kostja (il suo amato da cui è rifiutata), Irina Arkadina (la madre di Kostja), Nina (la ragazza che Kostja ama e da cui è rifiutato) e Trigorin (lo scrittore per amore del quale Nina rifiuta Kostja e che allo stesso tempo è amato da Irina Arkadina, sottraendo al ragazzo l'amore della madre). 


Come nella “camera dei sogni” de “I giganti della montagna” di Pirandello, la donna fa rivivere quella storia di amore e morte nel disperato e folle tentativo di mantenere in vita il suo innamorato, e quegli abiti, che nella sua mente erano un delirio, ora vengono indossati dagli attori che cominciano ad animarli ed a narrare il dramma.

Il gabbiano è uno dei capolavori della drammaturgia di Cechov e di tutta la letteratura teatrale della fine del XIX secolo:Di tanto amore prende il filo dei “sentimenti” di questa complessa trama, quello che lega tra loro i protagonisti della vicenda, Kostja, Nina, Irina Arkadina, Trigorin e Masha, in una catena di desideri, speranze e delusioni. Un tema, quello delle relazioni sentimentali tra i personaggi, non sempre sufficientemente messo in evidenza nelle letture registiche che solitamente si concentrano sul tema del teatro e del meta-teatro della solitudine.

Di tanto amore non è solo uno spettacolo, ma una sfida. Non è un prodotto da vendere quanto un'opera da realizzare nella sinergia di un gruppo. Non è una delle tante libere interpretazioni di un classico in chiave moderna all'insegna dello stravolgimento o dell'occasionalità, ma il progetto di una scrittura a quattro mani per coniugare passato e contemporaneo. È la voglia di scoprire la continuità del sentire.

Di tanto amore è una prima assoluta ed è frutto di un lavoro di diversi anni sul testo di Cechov effettuato dall'autore che ne curerà anche la regia. In esso si intrecciano due filoni che caratterizzano il suo percorso di ricerca drammaturgica: l'amore e la follia.

Di tanto amore entra dunque all'interno del testo di Cechov per una suo significativo libero adattamento e riscrittura attraverso tagli ed inserimento nuove scene, per una messa in scena indirizzata a coglierne questo aspetto così “perturbativo” e rivelatore dell'essenza fragile vitalistica e tragica dell'animo umano. La cifra registica è in una ricerca di naturalezza onirica che conduca lo spettatore dalla realtà al sogno passando attraverso il perturbante. Parola, azione, gesto, musica in un'ambientazione stilizzata e minimalista, coniugando l'utilizzo di costumi d'epoca con vitalità moderna.

Con Di Tanto Amore appuntamento al Teatro Trastevere, Via Jacopa de’ Settesoli 3 dal 30 aprile al 5 maggio 2019. Da martedì al sabato ore 21.00, domenica ore 17.30.

Teatro Trastevere

via Jacopa de'Settesoli 3, 00153 Roma

martedì-sabato ore 21, domenica ore 17:30.

prevista tessera associativa

contatti: 065814004 info@teatrotrastevere.it

www.teatrotrastevere.it #ilpostodelleidee

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol