Passa ai contenuti principali

LUNGS - di Duncan Macmillan



Al teatro Delfino la nuova produzione dell’Associazione Il Mecenate
LUNGS
di
Duncan Macmillan
con
Francesca Fioretti e Federico Zanandrea

Dal 21 al 31 marzo 2019



Dal 21 marzo va in scena al Teatro Delfino di Milano LUNGS, dell’inglese Duncan Macmillan, drammaturgo e regista della nuova generazione di scrittori, attivo tra teatro, radio, tv e cinema, vincitore di diversi premi tra Inghilterra e Stati Uniti.

Lo spettacolo, con la regia di Federico Zanandrea, vede sul palco lo stesso Zanandrea e il debutto a teatro di Francesca Fioretti.

Duncan Macmillan disegna con LUNGS un ritratto attuale e ironico di una storia d’amore qualunque, spiazzante e brutalmente onesta, divertente e tagliente: le voci di una generazione per la quale l’incertezza è un modo di vivere. È un capolavoro di scrittura: un racconto così semplice ma al contempo originale; un racconto sull’ironia della vita, sulle paure, sulle goffaggini, sull’amore per il quale Federico Zanandrea ha dovuto lavorare molto sulla recitazione per renderla più reale possibile perché vicina al quotidiano di tutti noi.

La scenografia è realizzata come un luogo astratto che non rappresenta nulla, ma che può essere qualsiasi luogo: in scena dei cubi bianchi mobili che si colorano con l’utilizzo delle luci, ad indicare la vita e le sue sfumature. La scena simboleggia il tempo che passa, le idee che cambiano con il passare degli anni, del dolore, della gioia, della nascita.

Con questo spettacolo Francesca Fioretti affronta il suo debutto teatrale «una scommessa vinta» secondo il regista «Francesca ha una spontaneità che la rende unica e speciale, un modo di vivere le battute e quello che succede al personaggio molto istintivo e mai banale: è scevra da manierismi e usi teatrali, ogni tanto sembra di vedere qualcosa di vicino al “neorealismo” e in questo testo così quotidiano la sua recitazione si sposa perfettamente con la mia idea di regia. Ho utilizzato il suo linguaggio naturale immergendolo in un contorno astratto e teatrale».

LUNGS

Lui e Lei sono all’Ikea quando, senza preavviso, lui pensa che sia il momento giusto per pensare ad un figlio. Questo è il primo respiro, che gonfia i polmoni. Il dialogo serrato, scomposto, tra Lui e Lei è una fucina di spunti ed ecco stelle e pianeti nascere e morire quando l’idea di mettere al mondo un figlio conduce a calcolare il suo impatto ecologico sul pianeta, quando i due iniziano a domandarsi come farà una nuova vita a farsi spazio in un mondo pieno di brutture, quando la coppia si lascia contagiare dall’ansia globale per il terrorismo, la guerra e l’instabilità politica. Un lungo dialogo, esilarante a tratti, che ripercorre tutta la vita di questo Lui e di questa Lei; un dialogo poetico e magico, una riflessione comica sulla vita e sulla morte. Un’opera assolutamente contemporanea che scorre veloce, come un soffio, in un unico grande respiro.

Di: Duncan Macmillan

Traduzione di Matteo Colombo

Con: Federico Zanandrea, Francesca Fioretti

Regia: Federico Zanandrea

Produzione: Il Mecenate

Scenografia: Pierluigi Piantanida

Assistente alla regia: Michele Iuculano 




Dal 21/03 al 24/03 e dal 28/03 al 31/03

Ore 21.00 – domenica solo ore 16:00

Teatro Delfino: Piazza Carnelli - Milano

Biglietti

Intero: 20,00€ | Ridotto: 15,00€

Ridotti: over 65/under 25/studenti con badge

Info e prenotazioni: +39 02 87281266 / +39 3335730340

info@teatrodelfino.it; www.teatrodelfino.it


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol