Passa ai contenuti principali

LOOSE ENDS - GIOVANI SOSPESI


Da martedì 19 a domenica 31 marzo 2019, ore 21.00
VIA GIULIA, 19, 20, 21 - ROMA

 OFF/OFF THEATRE
DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA

KHORA.teatro
presenta

LOOSE ENDS
GIOVANI SOSPESI
di Gauvain

con JACOPO OLMO ANTINORI, FEDERICA SABATINI, EDOARDO PURGATORI

Regia Armando Quaranta

Scene Nicola Civinini, Ass.te Regia Arianna Bigazzi, Dir.Casting Federica Baglioni, Sound Lorenzo Benassi, Foto/Grafica Manuela Giusto

PRIMA NAZIONALE


Da martedì 19 a domenica 31 marzo l'OFF/OFF Theatre ha il piacere di ospitare lo spettacolo in prima nazionale, Loose Ends - Giovani Sospesi, un testo sul difficile passaggio dalla fase adolescenziale a quella adulta, portato in scena da tre talentuosi attori under 30: Jacopo Olmo Antinori, Federica Sabatini e Edoardo Purgatori che, nonostante la loro giovane età, hanno già collezionato importanti partecipazioni televisive, cinematografiche e teatrali di grande spessore. La pièce diretta da Armando Quaranta assistito in regia da Arianna Bigazzi, vede la direzione casting a cura di Federica Baglioni, le scene firmate da Nicola Civinini, il suono di Lorenzo Benassi e foto di scena a firma di Manuela Giusto.

LOOSE ENDS – Giovani Sospesi esplora temi universali come amicizia, conflitti generazionali e soprattutto il passaggio dall’adolescenza alla maturità. E dal chiuso di un salotto in un piccolo appartamento romano a Monteverde, riesce ad espandersi fino a contenere un’epoca, un Paese, e soprattutto l’anima di una generazione, inchiodata di fronte a un terrificante bivio esistenziale.Cosa significa crescere? Ne vale la pena? È meglio mettersi in gioco, trovare la propria identità e diventare adulti, oppure continuare a vivere nell’illusione di un’eterna e irresponsabile giovinezza?

SINOSSI

Roma, quartiere Monteverde, Luglio 2018.

Giulio Arena, 28 anni, è un piccolo spacciatore. Mantenuto dal padre, famoso regista cinematografico, Giulio passa le giornate giocando alla playstation e smerciando erba tra gli adolescenti del quartiere. Un pomeriggio come tanti, Tommaso Fabbri – amico e cliente di Giulio, di dieci anni più giovane – si precipita nel suo appartamento per chiedere aiuto. Dopo l’ennesima litigata il padre, un importante politico romano, l’ha cacciato di casa e per ripicca Tommaso gli ha sottratto una ventiquattrore dal contenuto sconosciuto. 

Spaventato e incosciente, Tommaso bussa alla porta di Giulio – un po’ amico, un po’ spacciatore e un po’ fratello maggiore – alla ricerca di un nascondiglio e di un complice per aprire la valigetta. I due ragazzi sono degli emarginati che, a causa dell’assenza soprattutto emotiva dei rispettivi genitori, si ritrovano ad affrontare da soli due fasi confuse della vita. Nonostante sotto la puerilità e la sregolatezza si scorgano le tracce di due menti brillanti, Giulio e Tommaso vengono costantemente travolti dai loro eccessi e dalle possibilità illimitate che hanno di fronte. Forse anche per via dell’enorme quantità di marijuana che consumano, vagano senza meta nel mondo, costantemente alla ricerca di un diversivo e di una via di fuga dai destini che i genitori sembrano aver consegnato loro dalla nascita. Ma una volta aperta la valigetta, i due si imbarcano con totale incoscienza, in un affare che può sfuggire loro di mano in qualunque momento. 

La situazione di precario equilibrio subisce uno stravolgimento con l’arrivo di Valentina, oggetto dei desideri di Tommaso e amica dell’ex fidanzata di Giulio – una ventenne vivace ma insicura, dolce ma ostinata – aspirante artista e influencer. Come gli altri due ragazzi, anche lei è un’outsider: terrorizzata da un’esistenza selvaggia e incoerente, che cerca instancabilmente – ma sempre senza successo – di domare e controllare. Il rapporto che si instaura tra Tommaso e Valentina costringe i due ad affrontare la complessità delle relazioni sentimentali (e più in generale di quelle umane), esplorando problemi come la fiducia, il tradimento, la coerenza e la sincerità. Immersi in una realtà dominata dai social media e dalla superficialità come legge di sopravvivenza, l’intesa e l’attrazione che Tommaso e Valentina sperimentano getterà una luce nuova e complessa sulle loro vite, mettendo in discussione (quasi) tutto quello in cui credevano. Per Giulio, Tommaso e Valentina sarà una piccola ma cruciale avventura, destinata a mettere ciascuno faccia a faccia coi nodi irrisolti della vita. Ma basterà a fargli prendere finalmente la decisione giusta?




OFF/OFF THEATRE
Via Giulia 19 – 20 – 21, Roma / DIREZIONE ARTISTICA SILVANO SPADA
Costo Biglietti: Intero 25€; Ridotto Over65 18€; Ridotto Under35 15€; Gruppi 10€ – info@altacademy,it
Dal Martedì al Sabato h.21,00 – Domenica h.17,00
Info e Prenotazioni+39 06.89239515 offofftheatre.biglietteria@gmail.com

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol