Passa ai contenuti principali

I COLORI MATURANO LA NOTTE - Confessioni di una diversa Alda Merini


I COLORI MATURANO LA NOTTE. 

Confessioni di una diversa Alda Merini

Voce e corpo narrante
Marzia Ercolani

Musiche originali Stefano Scarfone

Ideato, scritto e diretto da Marzia Ercolani

Giovedì 4 aprile ore 21
Teatro Tor Bella Monaca

"Ero matta in mezzo ai matti. I matti erano matti nel profondo, alcuni molto intelligenti. Sono nate lì le mie più belle amicizie. I matti son simpatici, non così i dementi, che sono tutti fuori, nel mondo. I dementi li ho incontrati dopo, quando sono uscita.”

Giovedì 4 aprile sul palcoscenico del Teatro Tor Bella Monaca va in scena “I COLORI MATURANO LA NOTTE. Confessioni di una diversa Alda Merini”, spettacolo ideato, scritto, diretto e interpretato da Marzia Ercolani, dedicato al ricordo della celebre e sensibile poetessa milanese e alla sua esperienza di vita vissuta tra le “ombre” della realtà dei manicomi.

A 40 anni dalla legge Basaglia, Alda Merini ci accompagna con ironia e schiettezza, nei padiglioni psichiatrici che sono stati la sua casa per lunghi anni, prima dell’avvento della legge 180. Reparti infernali, luoghi di tortura, amori innocenti, visioni di morte, ribellioni e brutali distacchi. L’altra verità di una diversa tra i diversi. Un piccolo frammento di quel mondo alla rovescia che è stata l’Italia manicomiale pre basagliana, quella “Terra Santa”, quell'inferno sacro, cieca applicazione del potere, della sua omologante sanità che deforma, tortura e ghettizza ogni diversità, nei confronti della quale è doveroso e democratico praticare rispetto, cura, ascolto. Poichè, citando Franco Basaglia, “Visto da vicino nessuno è normale”. Una confessione sincera, toccante e spontanea che ci rivela un volto inedito di Alda Merini, conducendoci tra quella che erano le “stanze” e i luoghi dei “diversi”. 

Le mie impronte digitali

prese in manicomio

hanno perseguitato le mie mani

come un rantolo

che salisse la vena della vita,

quelle impronte digitali dannate

sono state registrate in cielo

e vibrano assieme , ahimè

alle stelle dell’orsa maggiore.

sono state registrate nel cielo


Alda Merini 
-------------------
I COLORI MATURANO LA NOTTE

Confessioni di una diversa Alda Merini


con Marzia Ercolani (voce e corpo narrante) e Stefano Scarfone (musiche originali)
ideato, scritto e diretto Marzia Ercolani
assistenti Elena Tenga, Caterina Dazzi, Luigi Acunzo
foto di scena Tamara Casula
disegno Luci e scenografie Marzia Ercolani

Atto Nomade Teatro

Giovedì 4 aprile ore 21 Teatro Tor Bella Monaca -via Bruno Cirino | 00133, Roma
all'angolo di viale Duilio Cambellotti con via di Tor Bella Monaca



BIGLIETTI
intero 10,50 Euro
ridotto 8,50 Euro
giovani 7,00 Euro
invalidità 5,00 Euro
diversamente abili 2,50 Euro
prezzo speciale GIFT CARD 7,50 Euro

info e prenotazioni 06/2010579
promozione@teatrotorbellamonaca.it

Botteghino: feriali ore 18-21.30, festivi ore 15-18.30

www.teatrotorbellamonaca.it - www.teatriincomune.roma.it


Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol