Passa ai contenuti principali

Grande tributo a Massimo Troisi a 25 anni dalla scomparsa













Tributo a Massimo Troisi a 25 anni dalla sua scomparsa
Spettacolo “Mò me lo segno”. Un atto d’amore dovuto.
Teatro delle Muse dal 14 febbraio al 3 marzo 2019


Debutto con la partenza di una ciclo-pedalata dei Postini Salva-Cuore per la consegna di 

buste rosse con versi d’amore di Neruda e un vademecum, redatto da esperti cardiologi, 
per una corretta prevenzione

Massimo Troisi, un mito senza tempo, scomparso a soli 41 anni, il giorno dopo aver 

terminato le riprese del film “Il Postino” che, nonostante l’affaticamento dovuto alla 
malattia congenita al cuore, aveva fortemente deciso di girare. E proprio a questo suo 
ennesimo capolavoro cinematografico è parzialmente dedicato lo spettacolo 
“Mò me lo segno”, un tributo a 25 anni dalla sua dolorosa perdita, reso dal regista e 
drammaturgo Geppi Di Stasio (che ha vissuto per anni a San Giorgio a Cremano) e prodotto 
da Trepareti, in scena al Teatro delle Muse, spazio culturale di consolidata tradizione 
napoletana nel quale il regista dirige la compagnia stabile, dal 14 febbraio al 3 marzo con lo
stesso Di Stasio e Roberta Sanzò e con Alida Tarallo, Carlo Badolato e i musicisti 
Sergio Colicchio e Emiliano Federici. 

Più che la biografia del grande Massimo Troisi sul palco l’essenza della sua poetica, delle 
sue suggestioni, la sintesi del suo pensiero. Nell’ultima parte della sua vita terrena Massimo 
ha voluto incontrare idealmente Pablo Neruda, il poeta degli oppressi. 

E sorprende constatare come i punti in comune tra i due sono davvero tanti, un approccio 
laico alla vita da divenire una sorta di identica visione politica, l’essere figli di ferrovieri, 
l’essere uomini del Sud, l’essere accomunati dall’ideale marino e dalla sensibilità al fascino 
femminile. L’incontro con Neruda è stata l’ultima scelta perché gli ha dedicato il suo cuore, perché ha voluto girare il suo ultimo film prima di un trapianto programmato, una scelta che gli è stata fatale; 
“E se con un cuore nuovo io non fossi più lo stesso?”, pare abbia dichiarato a chi gli 
consigliava di rimandare le riprese de “Il Postino”. 

Era il 1994. E allora musica, con gli immancabili brani di Pino Daniele, donne, poesia, 
immagini e, perché no, divertimento, sono gli ingredienti di “Mò me lo segno”, il cui stesso 
titolo, mutuato da una delle più famose battute di Troisi, sta ad indicare la negazione della 
morte fisica perché le cose da dire, specie se si è dei grandi artisti, avrebbero potuto essere
ancora tantissime. 

Un debutto non casuale quello nella giornata degli innamorati, che vedrà lo svolgimento di 
un evento unico nel suo genere: un raduno di ciclisti, appartenenti all’associazione 
“Pedalando nella storia”, specializzata negli eventi revocativi, per un giorno nel ruolo di 
Postini Salva-Cuore. 

Un compito importante quello di portare in giro sulle due ruote il ricordo di Troisi per 
ribadire alle coppie, di ogni età, ceto sociale e sesso, l’importanza dell’amore per la vita, 
per l’animo umano e il valore di una corretta prevenzione. 

Chiunque volesse aderire al raduno potrà farlo partecipando con la propria bici e 
contattando l’associazione. I Postini Salva-Cuore partiranno il 14 febbraio dal Teatro delle 
Muse, alle ore 16.30, e consegneranno alle persone incontrate lungo il percorso stabilito una
busta (rigorosamente rossa) contenente i versi di Neruda unitamente ad un vademecum di 
regole per mantenere in salute il proprio cuore, redatto da esperti cardiologi, per unire il 
concetto di amore e saluto in un romantico abbraccio.




Percorso Ass.Pedalando nella storia - Postini Salva-Cuore
Ritrovo per la partenza: Teatro delle Muse, via Forlì (zona Nomentano – Policlinico) ore 16.30
Partenza: ore 17.00
Orario previsto di rientro: ore 20.00
Soste previste:
Terrazza del Pincio km 4,5 - Ponte Milvio km 10 - Villa Ada km 15
Iscrizioni: info@pedalandonellastoria.net
Teatro delle Muse via Forlì 43
Spettacolo “Mo’ me lo segno”, scritto e diretto da Geppi Di Stasio
Info per prenotazioni: 06 4423 3649




Area degli allegati

Commenti

Post popolari in questo blog

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di