Passa ai contenuti principali

DON CHISCIOTTE - con ALESSIO BONI e SERRA YILMAZ

Foto Gianmarco Chieregato

DON CHISCIOTTE
con ALESSIO BONI e SERRA YILMAZ
in scena al Creberg Teatro da giovedì 28 febbraio a domenica 3 marzo 2019
per la Stagione di Prosa della Fondazione Teatro Donizetti 
Prime rappresentazioni in Lombardia


La Stagione di Prosa della Fondazione Teatro Donizetti di Bergamo prosegue con lo spettacolo più atteso: da giovedì 28 febbraio a domenica 3 marzo, salirà infatti sul palcoscenico del Creberg Teatro Alessio Boni con il suo Don Chisciotte, liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Miguel de Cervantes. 

L’attore bergamasco, che nelle scorse settimane è stato protagonista della fortunatissima fiction di RAI 1 La compagnia del cigno, avrà al suo fianco, nei panni del fido scudiero Sancho Panza, una sorprendente Serra Yilmaz, attrice prediletta dal regista di origine turca Ferzan Ozpeteck. Don Chisciotte, da qualche settimana in tournée e ovunque accolto da grande successo di pubblico, sarà rappresentato a Bergamo in Prima Regionale.

In scena altri cinque attori - Marcello Prayer, Francesco Meoni, Pietro Faiella, Lilliana Massari, Elena Nico – e, quasi in carne ed ossa, Ronzinante, il cavallo di Don Chisciotte. Regia dello stesso Boni e di Roberto Aldorasi e Marcello Prayer, ai quali si è aggiunto in fase di stesura drammaturgica Francesco Niccolini, cui si deve anche l’adattamento del romanzo originale. Scene di Massimo Troncaretti. Costumi di Francesco Esposito. Luci di Davide Scognamiglio. Musiche di Francesco Forni. Produzione Nuovo Teatro di Marco Balsamo in coproduzione con Fondazione Teatro della Toscana. Durata 1 ora e 50 minuti più intervallo. Inizio spettacoli ore 20.30, tranne domenica 3 marzo, ore 15.30.

Intorno a… DON CHISCIOTTE


Venerdì 1° marzo (ore 18.00), nel Foyer del Creberg Teatro, sarà possibile incontrare Alessio Boni, Serra Yilmaz e tutta la compagnia per parlare dello spettacolo. Coordina Maria Grazia Panigada, Direttore Artistico della Stagione di Prosa e Altri Percorsi della Fondazione Teatro Donizetti.

Nell’immaginario di tutti Don Chisciotte incarna il coraggio di perseverare in nome dei propri ideali, sconfinando nel surreale, mosso da una nobile follia fino a combattere contro i mulini a vento. Ed è partendo da due semplici domande che si è mosso Alessio Boni nell’avvicinarsi al famoso personaggio uscito dalla penna di de Cervantes: «Chi è pazzo? Chi è normale?». La risposta dell’attore e regista è articolata: «Forse chi vive nella sua lucida follia riesce ancora a compiere atti eroici. Di più: forse ci vuole una qualche forma di follia, ancor più che il coraggio, per compiere atti eroici. La lucida follia è quella che ti permette di sospendere, per un eterno istante, il senso del limite: quel “so che dobbiamo morire” che spoglia di senso il quotidiano umano, ma che solo ci rende umani». Continua Boni: «L'animale non sa che dovrà morire: in ogni istante è o vita o morte. L'uomo lo sa ed è, in ogni istante, vita e morte insieme. Emblematico in questo è Amleto, coevo di Don Chisciotte, che si chiede: chi vorrebbe faticare, soffrire, lavorare indegnamente, assistere all’insolenza dei potenti, alle premiazioni degli indegni sui meritevoli, se tanto la fine è morire? Don Chisciotte va oltre: trascende questa consapevolezza e combatte per un ideale etico, eroico. Un ideale che arricchisce di valore ogni gesto quotidiano. E che, involontariamente, l'ha reso immortale».

«È forse folle tutto ciò? È meglio vivere a testa bassa, inseriti in un contesto che ci precede e ci forma, in una rete di regole pre-determinate che, a loro volta, ci determinano?», si domanda ancora Alessio Boni, «Gli uomini che, nel corso dei secoli, hanno osato svincolarsi da questa rete - avvalendosi del sogno, della fantasia, dell'immaginazione - sono stati spesso considerati “pazzi”. Salvo poi venir riabilitati dalla Storia stessa. Dopotutto, sono proprio coloro che sono folli abbastanza da credere nella loro visione del mondo, da andare controcorrente, da ribaltare il tavolo, che meritano di essere ricordati in eterno: tra gli altri, Galileo, Leonardo, Mozart, Che Guevara, Mandela, Madre Teresa, Steve Jobs e, perché no, Don Chisciotte».
----------------------------


INFO e BIGLIETTERIA


Presso Propilei di Porta Nuova

Largo Porta Nuova, 17 - Bergamo

Tel. 035.4160 601/602/603

da martedì a sabato dalle 13.00 alle 20.00

Prezzi biglietti da 18€ a 31€, ridotto

Commenti

Post popolari in questo blog

DAREC ACADEMY: APERTE LE SELEZIONI PER L’ACCADEMIA DI FORMAZIONE PROFESSIONALE AL MUSICAL

  La Darec Academy, fiera dei risultati ottenuti dai suoi allievi, tra cui Luca Gaudiano, vincitore del Festival di Sanremo 2021 nella sezione  Nuove Proposte, è lieta di annunciare l’apertura delle selezioni per il prossimo biennio.   Darec Academy è L’Accademia di Musical con la direzione artistica di Gino Landi (Regista e Coreografo delle commedie musicali di Garinei e Giovannini del Teatro Sistina di Roma e dei più famosi varietà della RAI) e diretta da Riccardo Trucchi, suo collaboratore da oltre trent ’ anni, prima come performer poi come regista RAI e di musical con la supervisione artistica del Maestro Gino Landi. I prossimi provini si terranno su PRENOTAZIONE il 16 e il 25 settembre e il 5 ottobre presso la sede della Darec Academy, Via Lucio Elio Seiano, 21 (Zona Tuscolana - Metro A - Giulio Agricola). Per prenotare la tua audizione clicca qui e compila il form: https://www.darec-academy.it/audizioni/   Il comitato direttivo offre l’opportunità di ottenere borse

PRETTY WOMAN - IL MUSICAL. DAL 28 SETTEMBRE A MILANO!

                                     Dal 28 settembre 2021 all’8 gennaio 2022     Stage Entertainment Matteo Forte & Dan Hinde presentano PRETTY WOMAN il Musical Scritto da Musiche e Testi di GARRY MARSHALL & J.F. LAWTON Musiche e Testi di  BRYAN ADAMS & JIM VALLANCE Basato sul film della Touchstone Pictures scritto da J.F.Lawton Presentato in accordo con Music Theatre International: www.mtishows.eu   “VOGLIO DI PIÙ, VOGLIO LA FAVOLA”   TEAM CREATIVO   Regia CARLINE BROUWER Regia Associata CHIARA NOSCHESE Coreografie DENISE HOLLAND BETHKE Supervisione musicale SIMONE MANFREDINI Direzione Musicale ANDREA CALANDRINI Scene CARLA JANSSEN HÖFELT Costumi IVAN STEFANUTTI Disegno Fonico ARMANDO VERTULLO Disegno Luci FRANCESCO VIGNATI Traduzione, adattamento e versi italiani FRANCO TRAVAGLIO   CAST   Vivian Ward    BEATRICE BALDACCINI Edward Lewis   THOMAS SANTU Happy Man / Mr. Thompson / Mr. Hollister   CRISTIA

IL SISTEMA - Edoardo Sylos Labini al Teatro Manzoni

                  29 e 30 settembre 2021 - ore 20,45 RG Produzioni e Cultura Identità con la partecipazione del Comune di Castel San Giovanni presentano EDOARDO SYLOS LABINI in IL SISTEMA adattamento teatrale ANGELO CRESPI tratto dall’omonimo libro di ALESSANDRO SALLUSTI e LUCA PALAMARA pubblicato da Rizzoli con SIMONE GUARANY scene e costumi Laura Giannisi - graphic designer Beatrice Buonaiuto video Nicola De Toma - disegno luci Luca Barbati - musiche originali Giacomo Vezzani