Passa ai contenuti principali

Bibbidi Bobbidi Bum


Bibbidi Bobbidi Bum

Di e con Chiara Capitani
Regia di Stefano Scandaletti

Elementi scenici e costumi Laurianne Scimemi
Disegno Luci Wing Tsou
Realizzazione scene e costumi Sandra Albanese e Giuseppina Livi
21 – 24 febbraio 2019
Teatro Studio Uno via Carlo della Rocca, 6 Roma

...Io brindo a queste dodici ore di libertà,
queste ultime dodici ore d’indipendenza,
di solitudine, queste dodici
ore in cui tutte le risposte
alle mie domande saranno trovate...”

Al Teatro Studio Uno dal 21 al 24 febbraio 2019 debutta in prima assoluta “Bibbidi Bobbidi Bum” scritto ed interpretato da Chiara Capitani con la regia di Stefano Scandaletti.

In scena una Cinder-Ella contemporanea alla veglia del suo matrimonio; sarà un sogno o un incubo? Un monologo brillante ed ironico dove il racconto delle sue ultime ore di libertà si mutano in una tragicomica battaglia personale.

La Fiaba sta giungendo all’ultima pagina; dopo che la carrozza avrà girato l’angolo e le colombe avranno ricamato la scritta The End, che succederà? Siamo a un passo dalla fine e la voce che l’ha guidata per tutta la fiaba da domani potrebbe non esserci più. Una voce assordante, impertinente, giudicante, che le ha fatto seguire con minuzia i binari prefissati, non facendola mai uscire dalle righe già scritte. Chi scrive le pagine della nostra fiaba?C’è una notte per risolvere il mistero. Dodici ore in cui non c’è tempo per dormire.

Si è insidiato ormai il dubbio dell’esistenza di un’altra strada, un’altra storia. Ella ricorda la sua infanzia; prima del c’era una volta. Dodici ore per spostare lo sguardo per la prima volta dentro di sé, verso l’inconscio, verso il desiderio, verso quello che non si può de-scrivere ma solo vivere.

Virginia Woolf scriveva nel romanzo Onde, attraverso il personaggio di Bernard:

Bisogna, bisogna, bisogna. Bum, bum, bum. Ascoltate. C’è come un tonfo di vagoni che cozzano su un binario morto. Ecco la concatenazione felice, un evento segue l’altro nelle nostre vite. Bum, bum, bum. Bisogna, bisogna, bisogna. Bisogna andare, dormire, svegliarsi, alzarsi. Come adoriamo quel suono di vagoni che cozzano su un binario morto.

Oggi, in una società in cui tutto sembra possibile, siamo davvero liberi di scegliere?

Una generazione di passaggio e di trasformazione è quella di Ella, quella dei nati nei favolosi anni ottanta. Nessuno ci obbliga a credere nel vissero felici e contenti, eppure ci prende lo sconforto al solo pensiero di farci vedere sfigati; immersi nella miseria e privi di quella grazia fatata degli spot pubblicitari. Siamo poi costantemente spinti ad accoppiarci per sentirci completi come individui. Ammettere di essere singolo è sempre una piccola sconfitta. La voce della società, della normalità, delle aspettative che gli altri hanno su noi, risuona costantemente in un posto lontano della nostra mente… forse nemmeno così lontano.

“… Ho fatto tutto quello che bisogna. Fare catechismo a nove anni, fatto. Andare all’università dopo il liceo, fatto. Trovare un contratto a tempo indeterminato, fatto. Avere una tessera sanitaria, un nutrizionista, un personal trainer…”

Del resto il complesso di Cenerentola è tangibile; esseri che appaiono smarriti in mancanza dell’altro e dipendenti dal principe azzurrissimo. Se qualcosa nei nostri progetti andasse storto e se il sogno non diventasse realtà? Saremmo in un tunnel senza luce, da cui uscire da soli sarebbe impossibile.

Bibbidi Bobbidi Bum racconta quel trauma. Il fantastico sogno mancato può infatti trasformarsi, tramite la disperazione, nella consapevolezza del reale; conoscere finalmente se stessi per sopravvivere. La realtà è… quello che è. La più grande sfida probabilmente di questa vita è trovare la bellezza nascosta nei piccoli dettagli del tutto, confusionario e inquinato.


Bibbidi Bobbidi Bum” 21-24 febbraio 2019
Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara).
Ingr. 12 euro. Tessera associativa gratuita
Giov- Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00
Per info: 3494356219- 3298027943

Commenti

Post popolari in questo blog

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Spring Awakening - 18 e 19 maggio al Teatro Guanella di Milano

                                             DOPO I DUE SOLD OUT A BUCINE E FIRENZE IL 18 E 19 MAGGIO ARRIVA A MILANO IL PLURIPREMIATO ROCK MUSICAL SPRING   AWAKENING   UN NUOVO ALLESTIMENTO REALIZZATO DAL REGISTA E PRODUTTORE   DENNY LANZA   L’EMOZIONANTE  SCHOOL EDITION  DEL CONTROVERSO MUSICAL SULL’ADOLESCENZA, VEDE PROTAGONISTI GLI ALLIEVI DI MTA – MUSICAL TIMES ACADEMY , L’ACCADEMIA DI MUSICAL PIÙ IMPORTANTE DELLA TOSCANA   Tratto dall’opera di Frank Wedekind Libretto e Testi Steven Sater Musiche Duncan Sheik   Regia Denny Lanza Coreografie Denny Lanza e Giovanni Ceniccola Direzione Musicale Armando Polito Traduzione e adattamento Maria Chiara Chiti Aiuto regia: Rocco Di Donato Questa produzione è presentata grazie a un accordo con Music Theatre International   Musical Times, realtà di formazione e produzione diretta da Denny Lanza, porta in scena il nuovo allestimento italiano di Spring Awakening, il controverso rock musical vincitore di numerosi Tony Awards, basato sull’opera di