Passa ai contenuti principali

“Un tè con l’autrice” - Presentazione del libro “TUTTO D’UN FIATO”





Domenica 3 Febbraio 2019 ore 16:30
Presso la Libreria Candelibro Storie ed Essenze
Via delle Vigne Nuove 4, 00139 Roma

“Un tè con l’autrice”

Presentazione del libro “TUTTO D’UN FIATO”

Di Daniela Langella

Con il regista Massimo Testa e l’attrice Chiara Trabolotti

“Un tè con l’autrice” è il titolo scelto da un giovane libraio romano per ospitare la giornalista Daniela Langella e il suo libro d’esordio “Tutto d’un fiato” uscito lo scorso ottobre ed edito Aletti Editore.

Si tratta del terzo appuntamento dopo un primo sempre nella Capitale e una breve trasferta in Campania, terra d’origine della scrittrice, accompagnata in entrambe le occasioni dall’imprenditore e scrittore Enrico Inferrera, autore di Vite Bisestili e Diversi Paralleli.

Duecento sono sino ad ora le copie vendute di quella che è una storia insolita che mescola in maniera limpida il passato e il contemporaneo.

“Tutto d'un fiato è il titolo perfetto per un romanzo che ti trascina in un flusso di parole inarrestabile… La protagonista affronterà un viaggio alla ricerca di se stessa, viaggio che le darà i colori di cui ha bisogno e la spinta che le occorreva per credere in lei. In questa prima parte ho avuto la sensazione che ci fosse qualcosa di surreale, c'è un atmosfera onirica, è come se si viaggiasse tra i pensieri e i ricordi di Dea. L'autrice dal suo canto, ha reso appieno, con una scrittura navigata che non lascia minimamente pensare ad un esordio, le sensazioni, quell'incertezza, quel senso di vuoto che tutti prima o poi ci ritroviamo a vivere. Ma la vera particolarità sta nel fatto che... A un certo punto, si viene trascinati in tutt'altra storia. E che storia! Se la prima parte mi era piaciuta, la seconda è una meraviglia!.. È il racconto di gioie, di allegrie perse e poi ritrovate, perché dopo la distruzione, si può ricostruire e ritrovare la gioia delle cose semplici, che poi, sono quelle che contano veramente. Sono stata risucchiata in una storia che è un po' anche mia, ho sentito profumi e gustato sapori che mi hanno riportata indietro nel tempo, in un tempo la cui bellezza, l'avanguardia non potrà mai raggiungere. A voi invece dico: inspirate aria a pieni polmoni e ... Leggete questo romanzo tutto d'un fiato!” (da Diario di una Booklover)

Di questo e molto altro se ne parlerà in una chiacchierata tra tè e biscotti rigorosamente fatti in casa, domenica 3 febbraio alle ore 16:30 presso Il Candelibro storie ed essenze. Un contesto profumato dunque, dove interverrà il regista, attore poeta e giornalista Massimo Testa. Per diversi anni scrive per Il Giornale d’Italia e il Paese Sera come critico recensendo di cinema e teatro. Autore di due romanzi: Il giardino dei veleni e Sany Yuri, nel bene e nel mare. Attore di prosa dagli anni 90, ha lavorato con Nino Manfredi e l’attrice David di Donatello Athina Cenci.

Non solo, a prestare la voce alle parole scritte sarà per la terza volta l’attrice ChiaraTrabolotti.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol