Passa ai contenuti principali

In primo piano

La vita è musica, il nuovo cd di Marzio Italo

  "La musica, se veramente la amiamo, è una forza vulcanica che permette di vivere bene contribuendo a rinnovare energia positiva e ottimismo, ottime medicine preventive, per vivere con gioia ed entusiasmo”. Marzio (Italo) Bonferroni è noto come docente, scrittore e consulente nel mondo della comunicazione d’impresa. Oggi, in età "matura", oltre al suo lavoro tradizionale, ha voluto ridare vita alla sua passione di gioventù, quella della musica, che qualche tempo si era affiancata alla carriera nel mondo culturale e scientifico. Ha ripreso e scelto, quindi, 13 tra i brani che lui stesso ha scritto, per pubblicare un CD, dal titolo “LA VITA E’ MUSICA”, che è stato anticipato il 28 giugno dal brano "Complicità" Il CD verrà distribuito in copia fisica da I.R.D. International Record Distribution Spa, sarà inoltre disponibile sul sito http://www.ultrasoundrecords.eu e su tutte le piattaforme digitali dal giorno 3 settembre. Ogni brano è collegato ad un video

L’UOMO, LA BESTIA E LA VIRTU’ - DEBUTTO NAZIONALE AL BRANCACCINO


Spazio del Racconto rassegna di drammaturgia contemporanea 

2018/2019 IV edizione

Teatro Brancaccino - Roma

dal 7 al 17 Febbraio 2019

DEBUTTO NAZIONALE

Altra Scena & I Due della Città del Sole

presentano

Giorgio Colangeli
ne

L’uomo, la bestia e la virtù

di Luigi Pirandello


con Filippo Gili – Valentina Perrella 

e con Cristina Todaro – Alessandro Giova

Diego Rifici – Alessandro Solombrino

e Francesco Petit-Bon

Regia Giancarlo Nicoletti

EDIZIONE DEL CENTENARIO

1919 - 2019


Giorgio Colangeli veste i panni del “trasparente” professor Paolino nella rilettura registica di Giancarlo Nicoletti di uno dei classici pirandelliani,“L’uomo, la bestia e la virtù”, che proprio nel 2019 festeggia i cento anni dal debutto sulle scene, dove è stato uno dei testi più rappresentati del drammaturgo siciliano. 

Co-protagonista al fianco del pluripremiato attore, un vulcanico Filippo Gili interpreta il Capitano Perella; al loro fianco Valentina Perrella, pronta a calarsi nelle vesti della “virtuosa” signora Perella. E ancora, Cristina Todaro, Alessandro Giova, Diego Rifici, Alessandro Solombrino e il giovane Francesco Petit-Bon, a completare il validissimo cast di una rilettura fortemente contemporanea e concreta dell’universo pirandelliano, fuori dal "pirandellismo" di maniera, nel tentativo di riportare la poetica dell’autore Premio Nobel a un universo essenziale, umano, comico e tragico al tempo stesso. E nuovamente attuale.

SINOSSI - Il “trasparente” signor Paolino, professore privato, ha una doppia vita: è l'amante della signora Perella, moglie trascurata di un capitano di mare che torna raramente a casa, ha un'altra donna a Napoli ed evita di avere rapporti fisici con la moglie, usando ogni pretesto. La tresca potrebbe durare a lungo e indisturbata ma, inaspettatamente, la signora Perella rimane incinta del professore. Paolino è costretto dunque ad adoperarsi per gettare la sua amante fra le braccia del marito, studiando tutti i possibili espedienti. Il caso è drammatico, perché il Capitano Perella si fermerà in casa una sola notte e poi resterà lontano almeno altri due mesi. Paolino dovrà allora ingegnarsi per salvare la propria dignità e quella della signora Perella, a qualsiasi costo, per obbligarne il marito ai doveri coniugali e far passare suo figlio per figlio legittimo del Capitano Perella e della moglie.

NOTE DI REGIA - C'è una terza via per risolvere il sistema Pirandello/Teatro, che non sia la routine del repertorio tradizionale o i rigurgiti della sperimentazione espressiva? Non ci sono dei territori scomodi, meno rassicuranti, inesplorati, fuori dal pregiudizio – od orticaria - che l’idea di “pirandellismo” teatrale ha generato? C’era, sentivo che doveva esserci; ché il buon Pirandello era uomo sovversivo e di scandalo. E quindi da scandalo e sovversione bisognava ripartire. Con la complicità – quasi la connivenza – di un cast di protagonisti virtuoso e coraggioso, siamo approdati a un approccio analitico, scevro dalla contaminazione ed esegesi accademica avvitata a volte in sé, ripartendo da quello-che-realmente-è e non da quello-che-dovrebbe-essere. Senza la paura di sporcarsi le mani col cinismo, la ferocia, la comicità sbordante e la drammaticità cruda di Pirandello. Fra la Magna Grecia siciliana e Bunuel, fra la borghesia novecentesca e Lars Von Trier.

Un approccio contemporaneo, dannatamente concreto. Archiviate la sperimentazione astratto/metaforica e le increspature del teatro di parola, rimangono il sangue, il sesso, il cibo, la merda e l’odore di umanità. Nella volontà di fare, con questo "L’uomo, la bestia e la virtù", uno spettacolo vivo, spietato, esilarante e maledetto.
-----------------------------------------------------------------

L’UOMO, LA BESTIA E LA VIRTU’ 
di Luigi Pirandello
con Giorgio Colangeli – Filippo Gili – Valentina Perrella

Cristina Todaro – Alessandro Giova – Diego Rifici – Alessandro Solombrino

e con Francesco Petit-Bon


FOTO Luana Belli 
GRAFICA Ruggero Pane per Overalls Adv 
VIDEO David Melani
UFFICIO STAMPA Rocchina Ceglia 
DIRETTORE DI PRODUZIONE Diego Rifici
DISTRIBUZIONE Ornella Vannetti 
ORGANIZZAZIONE Laura Cuomo - Cinzia Storari
SCENE Giancarlo Nicoletti – Umberto Pischedda
COSTUMI Sofia Grottoli – Anna Tschabold
DISEGNO LUCI Daniele Manenti 
AIUTO REGIA Alessandro Solombrino

UNA PRODUZIONE Altra Scena & I Due della Città del Sole
con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali

REGIA Giancarlo Nicoletti


Teatro Brancaccino– Via Mecenate, 2 – Roma

www.teatrobrancaccio.it

dal 7 al 17 Febbraio 2019dal Giovedì al Sabato h 20 / Domenica h 18.45

Info & Prenotazioni 06 80687231 /391 1835890

Biglietti: Intero 18.00 €; Ridotto 12.50 €

Prevendita:

Botteghino del Teatro Brancaccio, via Merulana, 244 – Roma

Botteghino del Teatro Sala Umberto, via della Mercede, 50 – Roma

Ticketone.it e presso i punti vendita tradizionali

Commenti