Passa ai contenuti principali

In primo piano

La vita è musica, il nuovo cd di Marzio Italo

  "La musica, se veramente la amiamo, è una forza vulcanica che permette di vivere bene contribuendo a rinnovare energia positiva e ottimismo, ottime medicine preventive, per vivere con gioia ed entusiasmo”. Marzio (Italo) Bonferroni è noto come docente, scrittore e consulente nel mondo della comunicazione d’impresa. Oggi, in età "matura", oltre al suo lavoro tradizionale, ha voluto ridare vita alla sua passione di gioventù, quella della musica, che qualche tempo si era affiancata alla carriera nel mondo culturale e scientifico. Ha ripreso e scelto, quindi, 13 tra i brani che lui stesso ha scritto, per pubblicare un CD, dal titolo “LA VITA E’ MUSICA”, che è stato anticipato il 28 giugno dal brano "Complicità" Il CD verrà distribuito in copia fisica da I.R.D. International Record Distribution Spa, sarà inoltre disponibile sul sito http://www.ultrasoundrecords.eu e su tutte le piattaforme digitali dal giorno 3 settembre. Ogni brano è collegato ad un video

LA VITA SECONDO JOHN CUSACK


Associazione Culturale Teatro Trastevere
in collaborazione con
DoveComeQuando
presenta
LA VITA SECONDO JOHN CUSACK
di PAOLA MORETTI
regia PIETRO DATTOLA

Dal 7 al 10 febbraio 2019
Teatro Trastevere, Via Jacopa de’ Settesoli 3.

con
FLAVIA GERMANA DE LIPSIS,
NATALÌA MAGNI
LEONARDO SANTINI

In discesa, in salita, ma avanti.
L'importante è andare avanti.



Si nasce soli, si muore soli.
E nel mezzo?
Ci si aggrappa.

Disperati. Di slancio. Senza calcoli. Forte. Tanto forte. Troppo forte, a volte, e non esiste nient'altro, nessun altro e tutto il resto è minaccia al frammento di universo al quale ci si è aggrappati; tutto il resto è l'abisso e fa paura. Madre adottiva e figlia adottata sono inseparabili, ma per i motivi sbagliati. L'abisso le circonda e l'unico modo per respingerlo è restare aggrappate l'una all'altra, anche se il rapporto, corrotto sin dall'inizio, è ormai irrimediabilmente insalubre, cosa di cui sono perfettamente consapevoli. Ma il loro cancello rimane chiuso. In questo ingranaggio di tortura mascherato da sollievo s'inserisce John Cusack - o, comunque, qualcuno che pare gli somigli. Viandante della vita, lui ha un modo tutto suo di aggrapparsi. Più gentile, meno ossessivo. L'abisso circonda anche lui, ma a quanto pare è in grado di attraversarlo. L'importante è aprire il cancello e andare avanti. In discesa, in salita, ma avanti. Un piede davanti all'altro.

Con La vita secondo John Cusack appuntamento al Teatro Trastevere, Via Jacopa de’ Settesoli 3, dal 7 al 10 febbraio,

da giovedì a sabato ore 21:00, domenica ore 17:30.

Teatro Trastevere
via Jacopa de'Settesoli 3, 00153 Roma

Commenti