Passa ai contenuti principali

ENRICO BRIGNANO, tour "INNAMORATO PERSO": sold out a TORINO




“INNAMORATO PERSO” A TORINO:

GIÀ SOLD-OUT LA DATA DEL 23 GENNAIO (SI REPLICA IL 24)

IL NUOVO ONE-MAN-SHOW DI ENRICO BRIGNANO

ALLA CONQUISTA DEL PALA ALPITOUR

LA TOURNÉE DELL’ATTORE IN SCENA NELLA CAPITALE SABAUDA

DOPO I “PIENONI” DELLE 6 DATE AL PALAZZO DELLO SPORT DI ROMA

È già sold-out la prima delle due date di “Innamorato Perso”, il nuovo one-man-show del “Biglietto d’Oro” Enrico Brignano, previste al Pala Alpitour di Torino per mercoledì 23 e giovedì 24 gennaio. Dunque, sulla scia del successo degli show andati in scena a Foligno e per ben sei volte al Palazzo dello Sport di Roma dove ha sempre fatto registrare il pienone, lo spettacolo prodotto da Max Produzioni in collaborazione con Vivo Concerti è pronto a far ridere ed emozionare nello stesso tempo il pubblico della capitale sabauda.

LO SPETTACOLO. C’è qualcosa di più bello di essere innamorato? Di sentire quell’emozione crescere dentro di sé, con le mani che sudano, le ginocchia che tremano, la salivazione azzerata e la lingua felpata… tutti sintomi che indicano l’innamoramento. O la malaria. Dal momento che il medico ha escluso qualsiasi malattia, è apparso evidente che Brignano fosse in preda a un folle innamoramento. Che è totale, a 360 gradi: innamorato della sua bambina, dell’esistenza, del suo lavoro, della sua donna, del mondo, di tutto e di più. E oggi parlare d’amore in tempi di haters, di odio social, di polemiche, di baruffe politiche e di disastri ambientali, è davvero rivoluzionario. Enrico è un innamorato perso con la testa tra le nuvole, ma i piedi per terra; trascorre oltre due ore insieme al suo pubblico, con un corpo di ballo scatenato, al ritmo di musiche originali, circondato da scene fatte di schermi su cui luci e immagini prendono forma. Più che uno spettacolo, un’esperienza indimenticabile. Ridere non è mai stato così emozionante.

Il tour toccherà poi tutto il resto dell’Italia: dopo i due appuntamenti previsti al Forum di Assago per il 16 e il 17 gennaio, “Innamorato Perso” sarà al Nelson Mandela Forum di Firenze(in scena il 28 gennaio e anche il 29 gennaio). Dopo, Brignano porterà il suo spettacolo all’Unipol Arena di Bologna-Casalecchio di Reno (2 febbraio). In seguito sarà a Perugia (14 febbraio al PalaEvangelisti); doppia data a Brescia (16 e 17 febbraio al Gran Teatro Morato); tre date a Padova (dall’8 al 10 marzo al Gran Teatro Geox); Rimini (il 20 marzo al Rds Stadium); Ancona (il 23 marzo al PalaPrometeo); Napoli (il 26 marzo al PalaPartenope); Montecatini Terme (il 31 marzo al Teatro Verdi); Acireale (il 13 aprile al Pal’Art Hotel); Bari (il 18 aprile al PalaFlorio).

I biglietti già disponibili su TicketOne.it e nei punti vendita e prevendite abituali.

“Innamorato Perso” è uno spettacolo scritto da Enrico Brignano, Mario Scaletta, Riccardo Cassini, Manuela D’Angelo e Luciano Federico. Sul palco anche Flora Canto, Pasquale Bertucci, Michele Marra. Musiche di Andrea Perrozzi, coreografie di Marco Bebbu, scene di Marco Calzavara, costumi di Valentina Davoli, fotografia di Marco Lucarelli, solisti Manuel Bartolotto, Ilaria Ercolani, Davide Fortin, Camilla Gesualdi, Giacomo Giaccapaglia, Gianluca Grimaldi, Ilaria Leone, Federica Rigoli, Federica Scaramella, Michelle Vitrano, audio di Federico Farina, luci di Christian Andreazzoli, contributi video e regia live Telemauri, Salvatore Billeci, Marino Cecada, Marianna Maggiore, Maurizio Maggi. Direzione tecnica di Marco Pupin, produzione esecutiva di Francesco Del Maro, assistenti di produzione Elisa Sebastianelli e Maurizio Franco, segretaria di produzione Tatiana Colonna.

RDS 100% Grandi Successi è radio partner dello spettacolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Tartassati dalle tasse - Biagio Izzo alla Sala Umberto

Produzione Tradizione e Turismo - Ente Teatro Cronaca Produzione esecutiva A.G. Spettacoli BIAGIO IZZO in TARTASSATI DALLE TASSE Scritto e diretto da EDUARDO TARTAGLIA Sala Umberto – dal 5 al 17 aprile 2022 Giulio Andreotti soleva dire che l’Umiltà, che di per sé costituisce una grande virtù, si trasforma in una vera iattura quando gli Italiani la praticano in occasione della loro dichiarazione dei debiti. “Io le tasse le pagherei. Ed anche volentieri! Se solo però poi le cose funzionassero veramente!” Quante volte abbiamo ascoltato simili confidenze? E quante volte anche la nostra coscienza di pur buoni ed onesti cittadini ha segretamente partorito concetti del genere? Il problema, però, è che se poi davvero ragionassimo tutti quanti sempre così, come e perché mai le cose potrebbero veramente funzionare? Sarà costretto improvvisamente a domandarselo anche Innocenzo Tarallo, 54 anni ben portati, napoletano, imprenditore nel settore della ristorazione: il classico “self made man”, che d