Passa ai contenuti principali

In primo piano

Tornano in scena "I Nuovi Tragici"

            I NUOVI TRAGICI monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva TEATRO MARCONI  18/19/20 GIUGNO 2021 Tornano in scena I Nuovi Tragici. La rassegna nata nel 1990 arriva sul palco del Teatro Marconi il 18, 19 e 20 giugno 2021. Si tratta di monologhi scritti e diretti da Pietro De Silva portati in scena da giovani attori che partecipano al Festival. A presentare la serata due ospiti d'eccezione: Marco Simeoli e Bruno Maccallini. Una storica rassegna dunque a cui hanno partecipato circa ottanta attori fra i quali Enrico Brignano, Flavio Insinna, Neri Marcorè, Valerio Aprea, Massimiliano Bruno, Paola Cortellesi, Francesco Pannofino, Paola Minaccioni, Massimiliano Bruno, Valerio Aprea e tanti altri Il termine NUOVI TRAGICI è dichiaratamente ironico. Si tratta di una serie di monologhi sotto forma di casi clinici singolari. Individui disperati che cercano conforto, confessando in pubblico le loro piccole e grandi manie. Si prende di mira la follia e i suoi derivati, con occhio

ASCOLTA, ISRAELE - Regia Valeria Freiberg


ASCOLTA, ISRAELE


TEATRO COMETA OFF

16-18 GENNAIO
23-25 GENNAIO h 10 e 12

Regia Valeria Freiberg

Con Cristina Colonnetti, Giacomo De Rose
e gli attori della compagnia Teatro A

Dopo i successi registrati nel 2018 si apre un nuovo anno all’insegna degli spettacoli organizzati dall’Associazione Ariadne – Compagnia Teatro A, diretta da Valeria Freiberg. La pregevole rassegna "Project Scuola-IV Edizione" prosegue con altri due mesi ricchi di eventi. Gennaio è segnato dal ritorno sul palco della pièce “Ascolta, Israele” proposta dal 16 al 18 e dal 23 al 25 gennaio.

Ascolta, Israele è diretto dalla stessa Valeria Freiberg, talentuosa artista che dedica il proprio lavoro alle dinamiche della percezione nuova del teatro di prosa e contemporaneamente alla formazione di un pubblico nuovo che sarà sempre più coscienzioso. In scena Cristina Colonnetti, Giacomo De Rose e gli attori della Compagnia Teatro A. Lo spettacolo ha forma di narrazione documentaristica, proposta proprio nel periodo del Giorno della memoria.

Sulla scena spoglia gli attori narrano le testimonianze dei prigionieri del campo di concentramento di Bolzano con atterrita e dolorosa intensità, senza retorica ed enfasi. I destini e le tragedie dei protagonisti sono accompagnati da preghiere e canti originari del popolo ebraico. Le battute degli interpreti sono tratte da passaggi veri di lettere e messaggi dei prigionieri, testimonianze e ricordi di uno dei momenti più neri della nostra storia.

Afferma Valeria Freiberg: “Sull'Olocausto, sulla Shoah sembra che tutti concordino eppure in questi ultimi anni abbiamo scoperto che esistono i revisionisti, le persone che mettono in dubbio l'orrore accaduto in Europa durante l'ultimo conflitto mondiale. Appare davvero indispensabile analizzare i fatti in modo più obiettivo, richiamandosi a fonti e documenti. Tanto più in un’epoca come la nostra che vede il risveglio di nazionalismi e antisemitismo. Bisogna riflettere sugli eventi rifacendosi ai fatti”. Come diceva Primo Levi “Se comprendere è impossibile, conoscere è necessario, perché ciò che è accaduto può ritornare, le coscienze possono nuovamente essere sedotte ed oscurate: anche le nostre”.


TEATRO COMETA OFF
Via Luca della Robbia, 47
Orario del botteghino: dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 a inizio spettacolo.
Cellulare: 331- 3584190
E-mail: ateatro.assariadne@gmail.com
Il prezzo del biglietto: 10 euro intero - 8 euro ridotto



Commenti

Post più popolari