Passa ai contenuti principali

"Risate da Oscar: CHRISTMAS SHOW" con Margherita Antonelli e Francesco Rizzuto


“RISATE da OSCAR: Christmas Show”
Margherita Antonelli e Francesco Rizzuto in scena
per la data natalizia della rassegna di cabaret 2018-19 targata KarmArtistico
Sabato 22 dicembre, h.21,00
Teatro Oscar
Via Lattanzio 60/B, 20137 Milano


Dopo il sold out dello scorso 17 novembre con Leonardo Manera prosegue al teatro di via Lattanzio la fortunata rassegna di cabaret Risate da Oscar promossa dalla KarmArtistico di Francesco Ruta con il terzo appuntamento mensile in compagnia di storici cabarettisti e nuovi comici televisivi: per la data natalizia, ribattezzata “Risate da Oscar: Christmas Show”, il capocomico Matteo Iuliani, in arte Bruce Ketta porterà in scena altri due protagonisti memorabili del cabaret milanese, Margherita Antonelli e Francesco Rizzuto.

Per la data di “Risate da Oscar: Christmas Show” non mancherà Sofia, celebre donna delle pulizie con la quale Margherita Antonelli ha debuttato a marzo al Pacta Salone con il recentissimoLezioni di Filo-Sofia: «Presenterò più della metà di questo nuovo spettacolo: dall’ossessione per una nota marca di divani all’idolatria dei cani, agli amici che fanno coming-out, questi ed altri temi verranno trattati da Sofia con il solito “ignorante buon senso da italiano medio”, nel quale credo che ci si ritrovi tutti», spiega la comica riferendosi alla sua satira di costume, mentre Rizzuto assicura che «ci sarà Ciccio, il vigile palermitano e altri cavalli di battaglia insieme a nuovi sketch di cabaret da strada ispirati a fatti realmente accaduti, parlando della vita della mia Sicilia e delle problematiche con i figli adolescenti. Solitamente prediligo il ‘One Man Show’ ma in questo caso sono particolarmente felice di condividere il palco con Margherita, artista che ho sempre ammirato sin dagli esordi e che si è guadagnata negli anni grande stima da parte del pubblico». Aggiunge la Antonelli: «Sono felice che per molte artiste come me la considerazione sia favorevolmente cambiata negli ultimi anni, anche se ritengo che il mondo del cabaret rimanga ancora oggi, per molti versi, prettamente maschile. Mi viene sempre in mente il caso di Fred Astaire e Ginger Rogers: lui era bravissimo ma lei faceva gli stessi numeri sui tacchi. Una bella metafora per spiegare quanto una donna per emergere purtroppo abbia (ancora) bisogno del doppio dell’energia, non per dimostrare il proprio talento in paragone ad un uomo ma in quanto donna».

Il comico palermitano Francesco Rizzuto riguardo l’attuale situazione del cabaret milanese riconosce «un momento di transizione nel quale vedo spesso tanti non-comici presentare in pochi minuti forme di spettacolo che poco hanno a che fare col vero cabaret». Dal canto suo Margherita Antonelli, in scena fin dagli anni ‘80 aggiunge: «Il cabaret era un genere di nicchia oggi sdoganato in tutte le salse, persino nei centri commerciali, motivo per cui rischia di essere inflazionato, tanto che molti colleghi monologhisti sempre più si orientano al teatro comico vero e proprio o alla stand up comedy. Gli youtuber dal canto loro stanno cambiando il modo di fare comicità abituando la gente agli schermi degli smartphone più che al palcoscenico: per certi versi il panorama è più ricco ma molti poi rimangono vincolati a quegli schermi proprio perché per essere un vero cabarettista bisogna saper mantenere il contatto con il pubblico dal vivo. Se posso dare un consiglio a tutti gli aspiranti colleghi vorrei ricordare che questo lavoro ha bisogno di tempo, esperienza, maturazione, consapevolezza e soprattutto contenuti. Il cabaret non è raccontare barzellette altrimenti si è destinati a durare una stagione o due talent». Ribadisce Rizzuto: «Così come per ogni categoria di professionisti, dovrebbe esistere un patentino anche per chi sale su un palco a fare cabaret».

A tal proposito, Margherita Antonelli spiega l’importanza di una rassegna come “Risate da Oscar” sottolineandone «la valida occasione per dare vita non solo all’autentico cabaret ma anche per far vivere e dare dignità anche a un bellissimo teatro come l’Oscar, importante presidio culturale come meriterebbero anche altri per i quartieri e la città», mentre Rizzuto approva «questo importante e ambizioso progetto grazie al quale Bruce Ketta e Francesco Ruta stanno sostenendo il vero cabaret dal vivo valorizzando la dimensione del live show. É importante dare spazio e riconoscimento allo spettacolo dal vivo che continua a rappresentare la dimensione più importante per noi comici».

BIGLIETTERIA, INFORMAZIONI e PREVENDITE
esclusivamente presso Francesco Ruta
KarmArtistico Italia (StudioManagementTv),
via Venosa 2 (100 mt dal Teatro Oscar),
Dal lunedì al venerdì dalle 10,00 alle 17,30. Sabato solo tramite contatto telefonico. 
Chi desidera acquistare il biglietto presso la biglietteria del Teatro Oscar verificando la disponibilità degli ultimi ed eventuali posti liberi potrà farlo esclusivamente la sera del 22 dicembre dalle h.19,00 alle 20,30.
Prevendite on-line al link: https://prevenditekarmartistico.ecwid.com
Prezzo € 10,00 (+ € 2,00 di prevendita)
Ingresso in teatro per il pubblico dalle h.19,30 alle 20,50.
Durata spettacolo h.21,00 - 22,30 circa.

BIGLIETTERIA, INFORMAZIONI e PREVENDITE
esclusivamente presso
Francesco Ruta
331 743 5613

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol