Passa ai contenuti principali

IL MERCANTE DI MONOLOGHI


“Anteprime... e non solo”
Stagione teatrale 2018/2019 presso il Teatro Pime
Presenta

IL MERCANTE DI MONOLOGHI
(con Matthias Martelli, dopo il successo in Italia e Inghilterra)

12 gennaio | Teatro Pime | Via Mosè Bianchi 94 | Milano

 Sabato 12 gennaio 2019 alle ore 21.00 presso il Teatro Pime di Milano (Via Mosé Bianchi 94) va in scena all’interno della stagione “Anteprime… e non solo!”, dopo il trascinante successo dell’ultimo anno in Italia e in Inghilterra, “Il mercante di monologhi” spettacolo scritto e interpretato dal talentuoso Matthias Martelli, per la regia di Domenico Lannuti e le musiche del Maestro Matteo Castellan.

Uno spettacolo fortunato, che è giunto in tre anni a più di 250 repliche in teatri e festival di tutta Italia.

Allievo di Dario Fo, Matthias Martelli mette in scena un’opera che, oltre ad aver vinto con due monologhi inseriti nello spettacolo (Il politico e Don Iphon) il Premio “Alberto Sordi 2014” e “Locomix 2015” ha anche vinto il premio “Uanmensciò” della Federazione Nazionale Artisti di Strada (FNAS). Viene accompagnato dal Maestro Matteo Castellan, fisarmonicista, pianista, arrangiatore e compositore, che nel suo repertorio fonde elementi di musica jazz, canzone d’autore e musica popolare.

Uno spettacolo pirotecnico con un mercante-giullare che porta sul palcoscenico una galleria di “mostri contemporanei” in cui c’è un ritmo che resta incalzante nonostante i vari cambi d’abito necessari a rendere i personaggi. Uno spettacolo che permette al pubblico di fare la sua parte, grazie all’empatia del protagonista e al divertimento generato.

 Una sfilata di personaggi grotteschi messi alla berlina da una sferzante e surreale ironia” (La Stampa)
Lo stile di Martelli è frutto di contaminazioni diverse,  in lui si respira la storia del teatro dalla tradizione giullaresca alla commedia dell’arte, passando per Molière fino al teatro dell’assurdo di Ionesco”. (Il resto del Carlino)
Comicità e poesia fuori dall’ordinario” (Corriere Adriatico)

Matthias Martelli è nato a Urbino nel 1986. Diplomato alla Performing Arts University di Torino, si forma con maestri quali Dario Fo, Philip Radice, Michel Margotta, Eugenio Allegri. Nei suoi spettacoli recupera tutti gli elementi tipici della satira e della tradizione giullaresca del teatro popolare, reinterpretandoli in chiave moderna. Il pubblico e le giurie lo premiano nel 2014 con il “Premio Alberto Sordi” e il Premio “Uanmansciò- FNAS” e nel 2015 con il Premio “Locomix – San Marino”.

Nel 2016 inizia il progetto di riportare in scena “Mistero Buffo” di Dario Fo, avvalendosi della regia di Eugenio Allegri. Dopo il permesso concesso dal Maestro Fo, parte un percorso che porterà alla prestigiosa coproduzione dello spettacolo da parte di Teatro Stabile di Torino e Teatro della Caduta, che lo vedrà protagonista assoluto il 13 ottobre 2017.
“Mistero Buffo” è stato inoltre presentato alla prima edizione dell’ “Italian Theatre Festival”, una rassegna teatrale tenutasi il 30 e 31 agosto a Londra, nel celebreCoronet Theatre a Notting Hill, ottenendo numerosi applausi e ovazioni.
-------------------------------------------------
                                                                                                                                                    
Una produzione TEATRO DELLA CADUTA
Di e con: Matthias Martelli
Regia: Domenico Lannuti
Musiche: Matteo Castellan
Luci e fonica: Loris Spanu
Coaching fisico: Francesca Garrone
Scenografie: Officine Creative
Artist Management e distribuzione: Serena Guidelli


 “ANTEPRIME... E NON SOLO!” è la nuova stagione teatrale presso il Teatro Pime di Milano nata dalla collaborazione di PianoinBilico e GecobEventi. Sulle tavole del palcoscenico del Teatro Pime, si alterneranno 11 spettacoli di diversi professionisti della scena italiana: artisti noti al grande pubblico, che hanno fatto e stanno facendo la storia del nostro teatro, accanto a compagnie di più recente formazione che operano da anni sul territorio milanese e non solo! e che proporranno anteprime esclusive dei propri lavori. Il Teatro Pime, con 600 posti in platea e un passaggio di 100.000 spettatori l'anno, si pone l'obiettivo di diventare un punto di riferimento artistico e culturale sia per la Zona 8 che per tutta la città di Milano. Uno sguardo rivolto ai giovani grazie al coinvolgimento di studenti dell’Istituto Europeo di Design, Moda e Arti Visive IED ma anche agli spettatori con l’attivazione di convenzioni con Coop e Feltrinelli.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol