Passa ai contenuti principali

DARIO CALDINI RACCONTA IL NUOVO ALLESTIMENTO DI "SISTER ACT IL MUSICAL"





Torna in scena in Italia!


SISTER ACT IL MUSICAL

19 - 20 gennaio 2019

Teatro Nuovo di Milano

La Compagnia I Viaggiattori di Piacenza, reduce da 10 anni di successi (ultimo allestimento la versione italiana di Legally Blonde il musical su licenza MTI nella stagione 2017-2018) porterà in scena nella stagione 2018-2019 ancora su licenza Music Theatre International il musical Sister Act nella versione di Broadway del 2011, con band dal vivo, testi e musica in italiano. Per raccontare questo nuovo allestimento, ho intervistato Dario Caldini, regista e corografo dello spettacolo. 



Ciao Dario e benvenuto. La Compagnia I Viaggiattori porta in scena per questa stagione SISTER ACT IL MUSICAL. Per quale motivo avete deciso di portare in scena proprio questo spettacolo?
Ciao Claudia, ho deciso di proporre questo spettacolo in quanto è da vari anni che ne sono innamorato e lo credevo molto adatto sia all’attuale composizione della compagnia sia in previsione del tipo di pubblico che avremmo attratto con un titolo cosi famoso, infatti abbiamo praticamente raggiunto il soldout in tutte le repliche in programma. La scelta, oltre che per il titolo famoso, è anche scaturita dalla complessità delle liriche composte dal premio Oscar Alan Menken (La Sirenetta, Aladdin, La Bella e la Bestia) che hanno trasformato la preparazione in una bellissima sfida per gli attori protagonisti, soprattutto chi interpreta le suore dello sgangherato convento. Dal primo spettacolo che ho diretto per questa compagnia (Hairspray nel 2013) ho sempre scelto spettacoli di crescente complessità e che avessero un messaggio positivo da comunicare, oltre che far venire voglia di “ballare sulle sedie” gli spettatori a fine spettacolo.

Lo spettacolo ha debuttato lo scorso 25 novembre a Salsomaggiore Terme. Come è stato accolto dal pubblico?
Abbiamo scelto Salsomaggiore per la data “zero” in quanto il Teatro Nuovo è uno spazio molto adatto agli allestimenti ma onestamente non ci aspettavamo di fare il tutto esaurito al primo colpo e di ricevere delle tali ovazioni, abbiamo visto dal palco molte persone in piedi a fine spettacolo e da commenti degli spettatori anche gente che canticchiava le canzoni dello show nell’uscire dal teatro, queste sono soddisfazioni quando prepari per mesi uno spettacolo così complesso, che ricordiamolo, è suonato e cantato dal vivo!

Quali scelte registiche e coreografiche hai introdotto in questo allestimento?
Ho cercato di mantenere fede alla versione di Broadway del 2011 per la quale abbiamo ottenuto le licenze MTI per andare in scena, con molto rispetto ho cercato di ispirarmi alle versioni di Broadway e West End andate in scena negli ultimi anni con un occhio di riguardo alle recenti due grandi produzioni italiane: quelle della Stage Entertainment con Loretta Grace e del Teatro Brancaccio con Belia Martin. Ho introdotto alcune coreografie inedite nelle canzoni più famose che non erano presenti nel musical originale e portato in scena la canzone “Do the sacred mass” esclusa dalle ultime rappresentazioni.

E' stato difficile trovare la protagonista Deloris?
L’incontro con Gloria Enchill, Deloris Van Cartier nel mio allestimento e classe 1992, è avvenuto un po’ per caso, lei è una cantante gospel che ha collaborato con personaggi pazzeschi come Sherrita Duran e Timothy Reddick quindi avevo massima stima di lei già prima del nostro incontro poi quando le ho raccontato del progetto Sister Act ha mostrato subito entusiasmo e da lì è nata una bellissima collaborazione che spero continui in futuro. Inoltre Gloria ha molto di Whoopi Goldberg (Deloris nell’omonimo film del ‘92) nel suo carattere, quindi sul palco non ha mostrato problemi ad interpretare un ruolo cosi esuberante.

Quest'anno la compagnia compie 10 anni. Avete portato in scena musical e concerti con un grande successo. Cosa prevedete per il futuro della compagnia? Avete in mente dei cambiamenti o continuerete sulla strada del musical?
Dopo 10 anni di successi ma anche tante discussioni e premiazioni (Musical Day 2015 per fare un esempio) credo che l’impronta della compagnia sia maggiormente rivolta al Musical internazionale però non escluderei anche spettacoli di prosa in futuro, alcuni recenti spettacoli hanno effettivamente un ritmo più veloce e coinvolgente rispetto a quelli classici della tradizione italiana, quindi credo che possano entusiasmare sia la compagnia sia il pubblico, vedremo.

Il 19 e 20 gennaio SISTER ACT IL MUSICAL sarà in scena al Teatro Nuovo di Milano. Invita il pubblico a teatro.
Affrettatevi a comprare il biglietto per le repliche di Milano, sono in vendita gli ultimi biglietti per non perdere questo grande show! Saremo in scena poi a Piacenza al Teatro Politeama in ben 3 repliche il 7, 8 e 9 Febbraio (biglietti su Vivaticket.it)






DARIO CALDINI CV ARTISTICO
Dario Caldini, nato 32 anni fa e vissuto a Piacenza fino all’età di 24 anni quando poi si trasferisce a Milano.

Muove i suoi primi passi nella musica da quando ha 4 anni nel coro polifonico “Farnesiano” di Piacenza dove impara il solfeggio e comincia il percorso per l’avviamento al canto lirico. Viene scelto per interpretare ruoli nelle opere liriche “Madame Butterfly”, “Tosca” e “Boheme” fino all’età di 10 anni nelle produzioni itineranti nei teatri lirici del Nord Italia.

Dall’età di 16 anni continua lo studio del canto pop con la maestra di canto Raffaella Arzani di Piacenza partecipando ad alcuni contest locali di canto, per poi dedicarsi a 18 anni al ballo HipHop partecipando a vari contest in tutta Italia con la “Crazy Crew” di Piacenza. Insegna ballo hiphop durante gli anni dell’università presso l’Accademia di danza “Choros” di Piacenza per poi perfezionare lo studio dei vari stili dell’HipHop all’accademia “Moma Studios” e alla scuola “Fuori di Danza” di Milano dopo i 25 anni.

Nel 2010 partecipa alle selezioni per Sanremo Giovani con una canzone scritta da Guido Morra (che ha scritto canzoni per Renato Zero, Riccardo Fogli,..) e alle selezioni di XFactor sotto contratto discografico con l’etichetta indipendente di Matteo Rangognini e Dino Melotti che hanno lavorato tra gli altri anche con Vasco Rossi, Paolo Meneguzzi, Loredana Bertè, Ivana Spagna e Gatto Panceri col quale Dario duetta in un concerto a Piacenza nel Novembre 2010.

Nel 2011 si laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni presso il Politecnico di Milano e dallo stesso anno lavora come Project Manager presso “Vodafone” la nota multinazionale che opera nel settore della telefonia.

Dal 2013 collabora con la compagnia “I Saltafoss” di Rozzano (MI) per alcuni allestimenti di successo interpretando il ruolo protagonista in “Pinocchio”, “We love Musical”, “Aladin” e recentemente con il musical americano “Happy Days” tratto dalla famosa serie tv in tour nel Nord Italia.

Dal 2008 segue come regista e coreografo, oltre che come attore protagonista, la compagnia di Musical “I Viaggiattori” di Piacenza col quale ha portato in scena musical di Broadway di successo come “Hairspray” (2013), Mamma Mia (2015), Legally Blonde (2017) e Sister Act nella stagione 2018/2019 con il quale sono in scena a Gennaio al Teatro Nuovo di Milano.

Commenti

Post popolari in questo blog

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic

Torna a Milano la Baltic Sea Youth Philharmonic, l'orchestra che unisce le diverse tradizioni musicali dei paesi che circondano il Mar Baltico, nella convinzione che la musica non conosca né confini né limiti, sia di natura geografica che di genere. Il tour, realizzato grazie al sostegno di Saipem, debutterà il 10 settembre a Heiden, in Germania, e toccherà, in dieci giorni, nove differenti città in Svizzera, Italia, Danimarca e Polonia. In Italia la Baltic Sea Youth Philharmonic sarà a Milano il 14 settembre nel suggestivo contesto della Basilica di Santa Maria delle Grazie, ospite dell’Associazione Musicale ArteViva, e a Verona il 15 settembre al Teatro Filarmonico per il festival “Settembre dell’Accademia” dove si esibirà per il secondo anno consecutivo. Il pubblico milanese avrà il piacere di applaudire i giovani artisti della Baltic Sea Youth Philharmonic per la quarta volta. L’orchestra, fondata nel 2008 da Kristjan Järvi (affiancato da un prestigioso consiglio di consulent

Rugantino - dal 10 marzo al Sistina!

  Per la gioia del pubblico rivive una pagina indimenticabile della lunga e gloriosa storia del Teatro Sistina: dopo lo stop forzato dovuto alla pandemia, dal prossimo giovedì 10, e fino al 27 marzo, sarà di nuovo in scena, con la supervisione di Massimo Romeo Piparo, la maschera amara e dissacrante di "Rugantino" dei mitici Garinei & Giovannini. Lo spettacolo, che fonde mirabilmente tradizione e modernità, viene presentato nella sua versione storica originale, con la regia di Pietro Garinei, le splendide musiche del M° Armando Trovajoli, le preziose scene e i bellissimi costumi originali firmati da Giulio Coltellacci: un imperdibile ritorno alle radici e un'occasione per riscoprire un classico del teatro musicale italiano. Sul palco, la splendida Serena Autieri, ancora una volta straordinaria interprete dell'intrigante personaggio di Rosetta, donna bella altera e irraggiungibile, che fa battere il cuore di Rugantino, un ruolo in cui l’attrice napoletana dà prova

Torna in scena "The Boys in the band". Gabrio Gentilini sarà ancora Donald.

Gabrio Gentilini sarà in scena sabato 26 marzo al Teatro Nuovo di San Marino con lo spettacolo “The Boys in the Band”, di cui è co-protagonista dalla prima messa in scena italiana del 2019. Nella piece, proposta al pubblico italiano grazie alla traduzione e all’adattamento di Costantino della Gherardesca, che la produce accanto a Giorgio Bozzo, il regista, Gabrio ricopre il ruolo di Donald, un ragazzo di 28 anni, americano e gay, che con la sua presenza a una festa di compleanno tra amici omosessuali in un appartamento di New York a fine anni '60, creerà varie dinamiche all’interno del gruppo, in un crescendo di colpi di scena, tensione, umorismo feroce e riflessioni profonde. Gabrio ha nel suo curriculum esperienze molto importanti nel teatro di prosa e musicale oltre che ruoli in produzioni cinematografiche e televisive nazionali. “Sono veramente contento di portare questo spettacolo nella mia Romagna. Ne amo il testo, così come la sintonia che si crea con i mie colleghi ogni vol